Mercoledì, 13 Luglio 2016 10:05

Le linee guida a tutela dell’ambiente Featured

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

Riflettori su rifiuti, agroalimentare, specie protette

Più coordinamento a livello europeo, con sistemi comuni di controllo, monitoraggio e tracciabilità e misure repressive e di indagine: la lotta alla criminalità nei settori dei rifiuti, dell'agroalimentare e delle specie protette deve essere targata Ue. E' quanto emerge dalle linee guida presentate da Corpo forestale dello Stato, Legambiente e Agenzia delle dogane e dei monopoli al termine di due anni di lavoro sulle tre filiere nell'ambito del progetto Civic (Common Intervention on Vulnerability in Chains). 

ROMA - Il progetto, finanziato dalla direzione generale Home Affairs della Commissione Ue, ha avuto come obiettivo quello di individuare le vulnerabilità alle proiezioni criminali nei tre settori e proporre soluzioni concrete. Ed è sulla base di questo lavoro che sono state redatte le linee guida. Nella filiera dei rifiuti, in particolare plastica e Raee (i rifiuti da apparecchi elettrici ed elettronici), è emersa l'esigenza di estendere tra i Paesi membri Ue il delitto di traffico organizzato di rifiuti, l'incentivo alla raccolta differenziata e alla differenziazione all'origine dei rifiuti (urbani e speciali); il miglioramento della tracciabilità, anche facendo ricorso ai più innovativi strumenti tecnologici e di investigazione. E ancora: l'adozione di misure fiscali ed economiche per incentivare il recupero di materia, valorizzando al massimo il Green public procurement; la disposizione di controlli più stringenti e coordinati sui flussi transfrontalieri, definendo modelli di analisi dei rischi e standard di controllo uniformi presso ciascun Paese membro.

Nell'agroalimentare (in cui sono stati analizzati olio extravergine d'oliva e parmigiano reggiano), si segnalano: l'estensione a livello europeo del sistema di tracciabilità informatico esistente per l'olio di oliva in Italia (la banca dati informatica Cruscotto olio); l'implementazione e l'ufficializzazione a livello europeo dell'utilizzo di marcatori biochimici per la determinazione dell'origine dei prodotti agroalimentari, in particolare di olio e latte; l'adozione di strumenti innovativi di tracciabilità analitica, come la mappatura isotopica e del Dna. Per le filiere relative alle specie protette, nello specifico pellame di rettile e legno, vengono ripresi gli accordi tra Paesi esportatori e Unione europea per il rafforzamento della trasparenza nella Pubblica Amministrazione; la previsione e il rafforzamento di misure interdittive internazionali, comunitarie e nazionali a carico delle persone fisiche e dei soggetti giuridici protagonisti di illeciti; l'invito alla Commissione europea a realizzare una banca dati unica per facilitare accesso e condivisione d'informazioni utili. Obiettivo del progetto è stato anche quello di elaborare tre protocolli di intesa che impegnano i firmatari (enti, associazioni e in genere operatori del settore) a collaborare con maggiore sinergia per risolvere le vulnerabilità delle filiere.

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Capire l’economia. QCM attacca Bio-On. Cosa è successo?

Nei giorni scorsi la Bio-On, società bolognese operante nel settore delle bio plastiche, è stata messa nel centro del mirino da un fondo americano che l’accusa di aver mentito sui...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Anakoinosis, un principio terapeutico contro il tumore

Ce ne parla la Prof.ssa Ghibelli dell'Università di Tor Vergata. Prospettive per uno sviluppo farmacologico

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]