Martedì, 02 Agosto 2016 13:12

Strage Bologna: dopo 36 anni continuano i depistaggi

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

BOLOGNA - "Continua il diffuso e generalizzato depistaggio rivolto alla sostanziale rimozione della verita' su un pezzo importante di storia della nostra democrazia e sulla commistione tra eversione, terrorismo e sviluppo del fenomeno mafioso".

Lo  ha detto il presidente dell'Associazione familiari vittime della strage del 2 agosto 1980, Paolo Bolognesi, intervenuto dal palco allestito in stazione per la giornata di commemorazione del 36esimo anniversario. "E' ormai documentalmente acclarato - ha sottolineato il rappresentante dei familiari - che la strage del 2 agosto 1980 fu il frutto di perversi legami tra organizzazioni terroristiche e criminali e settori importanti del potere e degli apparati istituzionali. Se dopo 36 anni ancora manca la volonta' di arrivare ad accertare la responsabilita' dei mandanti di quel terribile massacro e' perche' lo Stato e le istituzioni politiche, nel loro complesso, non hanno invece dimostrato con i fatti di volere definitivamente puntare a recidere quei legami.

Sembra infatti - ha continuato - che l'obiettivo d'ulteriore approfondimento che ci impongono le sentenze dei giudici sia condiviso e vissuto oggi da pochi soggetti, da pochi magistrati e investigatori nel disinteresse delle istituzioni". In precedenza Bolognesi aveva ricordato il testo impresso sul manifesto creato dall'Associazione dei familiari per il 36esimo anniversario: "Il Paese deve sapere chi, tramite Licio Gelli, fu tanto determinato contro la democrazia da finanziare una strage di 85 morti e 200 feriti". Infine, ricordando il materiale presentato in Procura a Bologna, il presidente dell'Associazione familiari ha parlato di "accurati dossier con nomi, dati, fatti ricostruiti sulla base di un'attenta e incrociata lettura dei documenti relativi alle stragi di Bologna, Brescia, Milano e al crack del Banco Ambrosiano. Un materiale consistente - ha concluso Bolognesi - che se approfondito e sviluppato giudiziariamente potra' permettere ai magistrati di identificare i mandanti. Un'azione investigativa che i familiari delle vittime attendono ancora che sia compiuta".

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Musei, Minoranze e Alternative Experts. Le istituzioni museali possono oggi bene…

Durante un simposio tenuto in ottobre da ABC Citta’ a Milano, si è ragionato su come sradicare dai musei i vecchi stereotipi culturali e sfruttare tali istituzioni e il loro...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

"Più libri più liberi". I miei cinque giorni nella “Nuvola della spera…

ROMA - I numeri di "Più libri più liberi" – la Fiera Nazionale della Piccola e Media editoria, organizzata dall'Associazione Italiana Editori (AIE) e ospitata dal Roma convention center - La Nuvola...

Letizia Ghidini - avatar Letizia Ghidini

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: mediasur[email protected]