Martedì, 23 Agosto 2016 16:41

"Here's to you". Per tutti i Sacco e Vanzetti nel Mondo Featured

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

Il video finale con quanti hanno risposto all’appello di Roberto Saviano e Amnesty International Italia è online su herestoyou.it

Il 23 agosto del 1927 gli italiani Nicola Sacco e Bartolomeo Vanzetti venivano messi a morte ingiustamente negli Usa. A 89 anni di distanza, l’inno per i diritti umani in loro onore risuona per tutti i Sacco e Vanzetti di oggi. In memoria di Nicola e Bartolomeo e per tutti i Sacco e Vanzetti di oggi numerosi attivisti, difensori dei diritti umani, artisti italiani e internazionali, persone comuni dall’Italia e dall’estero hanno risposto all’appello di Roberto Saviano e Amnesty International Italia a cantare “Here’s to you”. Un omaggio speciale, un’unica voce per contrastare le ingiustizie che preferisco no il silenzio. 

Nel 2016, Roberto Saviano, l'autore di “Gomorra” e “Zero zero zero” che denuncia da anni le violenze dello stato e del crimine organizzato, ha invitato tutti a far sentire la propria voce e cantare “Here’s to you”, la ballata di Joan Baez ed Ennio Morricone che negli anni ’70 onorò la storia di Nicola Sacco e Bartolomeo Vanzetti, per tutti i Sacco e Vanzetti di oggi. 

Sono passati quasi 90 anni da quando i due anarchici italiani furono ingiustamente messi a morte negli Usa per le loro idee, ma ancora oggi i diritti umani vengono costantemente violati in tutto il mondo, Italia inclusa. In Messico, 43 s tudenti sono desaparecidos dal settembre 2014, in Arabia Saudita Raif Badawi è stato condannato al carcere e a 1000 frustate per aver creato un blog, in Cina Liu Xia e suo marito Liu Xiaobo sono privati della libertà per aver chiesto riforme democratiche, in Italia Federico Aldrovandi, Stefano Cucchi, Riccardo Magherini, Francesco Mastrogiovanni, Giuseppe Uva sono tutti morti mentre erano affidati allo Stato. 

Tornare a cantare “Here’s to you” significa mostrare che la lotta alle ingiustizie non è finita e che tutti i Sacco e Vanzetti di oggi non sono soli: perché questo inno per i diritti umani diventi il simbolo dell’impegno di Amnesty International in Italia e nel mondo, insieme a quanti crederanno che il mondo sarà migliore quando sentiremo nostre le ingiustizie del mondo.

I Sacco e Vanzetti di oggi 

La storia di Sacco e Vanzetti è diventata il simbolo dell’irrimediabillità della pena di morte, grazie anche al lavoro di sensibilizzazione di Maria Fernanda Sacco, nipote di Nicola Sacco e presidente onoraria dell’Associazione Sacco & Vanzetti di Torremaggiore, paese d’origine di Nicola Sacco. Fernanda e la sua associazione si battono da sempre per tenere vivo il ricordo del clamoroso errore giudiziario in onore delle vittime innocenti Nicola e Bartolomeo e hanno risposto all’appello di Roberto Saviano e Amnesty International Italia in favore di tutti i Sacco e Vanzetti di oggi.

Anche gli attivisti, vittime e difensori dei diritti umani come Ales Bialatski, Hortence Lougué e Kiswendsida Noelie Kouragio, Guido Magherini, Porpora Marcasciano, Kasha Jacqueline Nabagesera, Marisela Ortiz, Mimi Tao, Donatella Rovera, Flaviano Bianchini, Karl Guillen, Sepideh Jodeyri, Wu’er Kaixi, Tawakkul Karman, Fiorello Miguel Lebbiati, Oscar Martinez, Sanjay Verma, Said Yacoub, Rachid Mesli hanno sostenuto la campagna “Here’s to you”.    

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Venezia 2019. Un libro su “I Cannibali”, un premio e un buon bicchiere di vino

Le donne del vino, UNIROMA3 e il Centro Studi di Psicologia dell'Arte e Psicoterapie Espressive per il Premio Gregorio Napoli 

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]