Mercoledì, 05 Ottobre 2016 14:26

Marcia della Pace: per rivendicare un nuovo impegno al dialogo, alla cooperazione e alla solidarietà Featured

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA- Molte realtà associaztive enon hanno aderito alla Marcia della Pace e della Fraternità Perugia-Assisi in programma il 9 ottobre 2016. 

Tutti convinti che sia necessario richiamare l'attenzione del mondo intero sulle guerre, la povertà, l'immigrazione, il terrorismo, la violenza, la discriminazione e il disagio che molti uomini, donne e bambini vivono ogni giorno. Tensioni, speculazioni e guerre di interesse, ma anche conflitti etnici e traffici illegali non accennano ad arrestarsi, anzi spesso la mancanza di risorse crea un terreno fertile per i conflitti. "Il nostro impegno - scrive la Federconsumatori che ha aderito all'evento -  per combattere le disuguaglianza, l'illegalità e l'ingiustizia è quotidiano e costante, per questo prenderemo parte attiva a questa importante manifestazione, a questa presa di coscienza collettiva, per rivendicare nuove strade di dialogo, collaborazione e scambio. È fondamentale ricreare un tessuto sociale ispirato ai principi di solidarietà e cooperazione, a livello internazionale e nazionale, per sostenere le famiglie in difficoltà, costruire nuove opportunità per i giovani e per chi fugge da guerre e carestie, investire sull'educazione e sullo sviluppo sostenibile".

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Feltrinelli.“Gli inganni di Pandora” di Eva Cantarella. Recensione

L’origine delle discriminazioni di genere nella Grecia antica.

Alessandra Rinaldi - avatar Alessandra Rinaldi

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]