Venerdì, 04 Novembre 2016 11:26

Clima. Rischio CO2: siamo a un punto di non ritorno

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA - Nel giorno in cui entra in vigore l'accordo di Parigi sul clima - che prevede un taglio dei gas serra per il 2030 del 40 percento rispetto al 1990 in l'Europa e del 28 negli Stati Uniti - Carlo Barbante, chimico e paleoclimatologo dell'Istituto per le dinamiche dei processi ambientali del Cnr e docente all'Università Ca' Foscari di Venezia, in una intervista alla Provincia di Lecco, avverte: "Se non vogliamo aumentare la temperatura di più di 2 gradi entro la fine del secolo, come stabilito a Parigi, dobbiamo tagliare subito le emissioni di gas serra.

Altrimenti potrebbe essere troppo tardi. C'è una linea di non ritorno, quando non sarà più sufficiente diminuire le emissioni, ma dovremo cominciare a escogitare dei sistemi per togliere l'anidride carbonica dall'atmosfera". E la linea di non ritorno potrebbe arrivare "tra un paio d'anni". Se continuiamo con questa tendenza, dovremo cominciare a ridurre le emissioni di circa il 5 per cento all'anno. Si consideri che negli ultimi cinquant'anni non si è mai riusciti a ridurle. Se cominciamo nel 2020, dovremo tagliarle del 6 e mezzo per cento all'anno, nel 2030 addirittura del 25 percento all'anno". E commenta i gravi dati dell'agenzia meteo dell'Onu secondo cui concentrazioni medie di anidride carbonica sono sopra la soglia di 400 parti per milione e resteranno così per generazioni: "Ogni anno aggiungiamo, inesorabilmente, nell'atmosfera quasi dieci miliardi di tonnellate di carbonio, che deriva dai combustibili fossili. Già alla prima conferenza per l'ambiente, a Rio de Janeiro nel 1992, si era dichiaratala necessità di fermare le emissioni. Oggi, invece, rispetto a quell'anno sono aumentate di circa il sessanta per cento".

Lo scienziato sottolinea poi che il surriscaldamento porterà alla diffusione di nuove malattie: "Non è fantascienza. L'estate scorsa in Siberia l'ondata di caldo ha portato alla fusione del permafrost, il terreno congelato. È riaffiorata in superficie una renna morta 40 anni fa per un'infezione di antrace. Il batterio, che riesce a sopravvivere perché si trasforma in spora, si è disperso nell'ambiente, contaminando le renne. Ne è stata colpita anche la popolazione che ha mangiato la carne di quegli animali. Un bambino di 12 anni è morto. Tornano batteri e virus di cui oggi non abbiamo conoscenza: ne sono stati isolati già alcuni. Poi bisogna capire se riescono a sopravvivere e a replicarsi". Inoltre, a causa dello scioglimento dei ghiacciai, con l'innalzamento dei mari, città come Venezia potrebbero sparire: "Sì. Il livello del mare si sta alzando di circa 3 millimetri e mezzo all'anno. Gli scienziati sono preoccupati perché nell'ultimo decennio questa velocità sta aumentando, perché si stanno sciogliendo le calotte della Groenlandia e dell'Antartide occidentale. Oltre che mitigare dobbiamo cercare di adattarci: quello che sta facendo Venezia con la costruzione delle barriere mobili è un esempio di adattamento ai cambiamenti climatici". Inoltre diminuiranno drammaticamente le risorse idriche: "La capitale della Bolivia, La Paz, d'estate riceve circa il 35 per cento dell'acqua dai ghiacciai delle Ande. Un'area dove vive oltre un miliardo di persone, come quella dell'India, del Pakistan e del Bangladesh, dipende dai ghiacciai dell'Himalaya e del Tibet. Quando non ci saranno più, saranno senz'acqua. Sarà un problema mondiale. Entro la fine del secolo non ci saranno più le guerre pe il petrolio, ma per l'acqua". E il cambio del clima lo viviamo concretamente in Italia con le modificazioni dell'agricoltura: "In Sicilia si sta cominciando a coltivare frutti esotici. Nel Bellunese, dove abito io, è arrivato il Prosecco, che ha saltato le Prealpi ed è arrivato in montagna. Anche in Trentino-Alto Adige la quota a cui si coltivala vite cresce di anno in anno. Il mese della vendemmia quarant'anni fa era ottobre. Adesso si comincia a fine agosto".  

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

L’artista dei musei

Enrico Meneghelli, The Picture Gallery in the Old Museum, 1879 (Museum of Fine Arts, Boston)  Nato nel 1853, italiano d’origine, Enrico Meneghelli emigrò negli Stati Uniti facendo di Boston e New...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Farmaceutica. La filosofia “Lean transformation” è realtà

ITC Farma investe 5 milioni per una produzione di qualità   L’azienda farmaceutica pontina, leader a livello nazionale nel contract manufacturing, ha deciso di investire nel corso del 2020, altri 5...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]