Venerdì, 30 Dicembre 2016 13:05

Incidenti sul lavoro. Nel 2016 sono aumentati

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA - Gli incidenti sul lavoro negli ultimi decenni hanno mostrato una costante tendenza alla diminuzione, in particolare a partire dal 2008 e fino al 2014. In questi anni in cui il Paese ha attraversato una profonda crisi economica, al favorevole trend in atto si è sommato, infatti, il calo della produzione e dell'occupazione che ha comportato una parallela contrazione dell'esposizione al rischio infortunistico. 

Negli ultimi anni, tuttavia, si sta assistendo ad un progressivo rallentamento della favorevole dinamica dell'andamento infortunistico che aveva fatto registrare un -8,8% nel 2012, -6,8% nel 2013, -4,6% nel 2014 e - 4,0% nel 2015. Nel 2016, purtroppo, la situazione è ulteriormente peggiorata e si prospetta un bilancio infortunistico con un saldo che, dopo tanti meno, è destinato addirittura a cambiare di segno. 

Lo rende noto Anmil citando i recenti dati pubblicati dall'INAIL secondo cui, nel periodo 1 gennaio-30 novembre 2016 si rileva un incremento delle denunce di infortuni sul lavoro di circa 5.200 unità (dai 582.400 circa del 2015 ai 587.600 del 2016), pari a +0,9%. In base alla modalità di accadimento, la crescita registrata tra gli infortuni in occasione di lavoro è stata dello 0,5% (circa 2.700 infortuni in più, dai 499.300 circa del 2015 ai 502.000 del 2016), mentre per gli infortuni in itinere l'incremento è stato pari a circa 2.500 unità (dagli 83.100 del 2015 agli 85.600 del 2016), vale a dire +3,0%. I settori di attività in cui si riscontra la maggiore crescita infortunistica sono: i Servizi alle imprese (+6,6%), i Trasporti (+5,1%), la Fabbricazione di autoveicoli (+5,1%) e la Metalmeccanica (+2,9%); mentre prosegue anche nel 2016 il calo degli infortuni in Agricoltura (-4,2%). Fortunatamente, per quanto riguarda le morti per incidenti sul lavoro, si registra un calo consistente delle denunce di 145 unità (dai 1.080 dei primi undici mesi del 2015 ai 935 dell'analogo periodo 2016) pari a -13,4%. Si tratta di un risultato che era atteso con forte trepidazione anche perché nell'anno precedente si era verificata un'improvvisa quanto inaspettata crescita degli infortuni mortali di circa 100 unità (dai 1.152 del 2014 ai 1.246 del 2015) e si temeva che, dopo un decennio ininterrotto di contrazione delle morti sul lavoro, il 2015 segnasse un'inversione di tendenza nell'andamento delle morti sul lavoro: una situazione che nel nostro Paese non si verificava dal 2006.

Almeno su questo versante, ci si può quindi ritenere moderatamente soddisfatti, anche se va sottolineato che nelle ultime settimane si è assistito ad un continuo stillicidio di tragedie di lavoratori morti sul lavoro, compresa quella gravissima di Messina dove tre operai sono morti ed altrettanti sono rimasti feriti all'interno di una cisterna di una nave ancorata al porto della città siciliana. Per quanto riguarda le malattie professionali, sempre dai dati INAIL risulta che sono state notificate circa 55.900 denunce contro le 54.400 del 2015, con un incremento del 2,9%. 

Continua pertanto a rallentare la corsa alla denuncia di patologie professionali che si era iniziata a partire dal 2008 a ritmi elevatissimi. A partire da quell'anno ad oggi, infatti, si è registrato praticamente il raddoppio delle denunce: da circa 30.000 del 2008 alle 60.000 del 2015. Anche nei primi undici mesi del 2016 le patologie dell'apparato muscolo-scheletriche sono cresciute in misura molto superiore alla media, passando dalle 32.300 del 2015 alle 34.100 del 2016 con un incremento di circa 1.800 casi pari a +5,8%. Per le malattie professionali "tradizionali" più diffuse (respiratorie, cutanee, ipoacusie da rumore, tumori, …) si registra, invece, una sostanziale stabilità o leggere contrazioni. Una lettura corretta e significativa dell'evoluzione del fenomeno infortunistico va necessariamente effettuata inquadrandola nel contesto socioeconomico in cui esso si sviluppa, con particolare riferimento a quelli che sono i fattori della produzione. C'è da rilevare, in questo senso, che dopo oltre un triennio di profondo rosso che aveva fatto registrare un andamento disastroso del PIL (-2,8% nel 2012, -1,7% nel 2013 e -0,3% nel 2014), il 2015 aveva cominciato a manifestare timidi ma significativi segnali di ripresa per l'azienda Italia, con il PIL (che rappresenta, in pratica, la ricchezza prodotta dal Paese) in crescita dello 0,7 annuo. La crescita tende a proseguire anche nel 2016: nel terzo trimestre del 2016 (ultimo dato disponibile di fonte ISTAT) il prodotto interno lordo è aumentato dello 0,3% rispetto al trimestre precedente e dell'1% nei confronti del terzo trimestre 2015. 

"Da un punto di vista strettamente tecnico non si può affermare che esista una correlazione o una corrispondenza 'esattamente misurabile' tra incremento della produzione e dell'occupazione da una parte e crescita degli infortuni dall'altra; tuttavia è innegabile, innanzitutto, il fatto che un aumento del monte-lavoro (espresso in numero di occupati o di ore lavorate) equivalga automaticamente ad un aumento dell'esposizione al rischio" sottolinea Anmil che rimarca quindi l'azione positiva dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro. 

Nei primi 9 mesi dell'anno gli "accessi" presso imprese sono stati 103.348 e ci sono stati anche 5.104 accertamenti in materia di cassa integrazione e contratti di solidarietà. In totale, sono stati contestati illeciti a 57.307 imprese, con un tasso di irregolarità complessivo, quindi, pari a circa il 61 per cento. I lavoratori "in nero" accertati sono risultati 30.416, in crescita dell'8% rispetto allo stesso periodo 2015. L'Inail ha ispezionato 14.716 aziende e riscontrato irregolarità nell'88% dei casi. I lavoratori irregolari accertati, compresi quelli in nero sono stati 44.330. L'Inps ha ispezionato 22.199 aziende rilevando irregolarità in 17.037 e trovando 17.736 lavoratori irregolari (7.065 completamente in nero). Anmil evidenzia inoltre che che chiude "un anno impegnativo che, nonostante le difficoltà legate alla crisi economica che si protrae da alcuni anni, ha permesso all'Associazione di ottenere importanti miglioramenti della tutela riconosciuta ad invalidi del lavoro, vittime di malattie professionali, vedove e orfani". E ricorda che l'anno si è aperto con l'introduzione dell'adeguamento automatico degli indennizzi Inail per il danno biologico: una grande conquista dell'Anmil che assicurerà finalmente l'adeguamento annuale delle prestazioni, finora rivalutate solo in via straordinaria. 

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

A Bari nasce il CRM, Centro Regionale del mare, l’eccellenza dei nuovi laborator…

Lunedì 7 ottobre l’inaugurazione alla presenza delle cariche istituzionali della Regione e della Città  

BARI -  

 L’Arpa, Agenzia Regionale per la Prevenzione e la Protezione Ambientale di Bari, si pone...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Prima edizione di “Sinfonia d’impresa”, dedicata a Glauco Dei

MONTEPULCIANO - Il 22 settembre alle Cantine Dei di Montepulciano si è svolta la prima edizione di Sinfonia d'Impresa dedicata all'ingegner Glauco Dei, un industriale che ha saputo coniugare cultura...

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]