Mercoledì, 11 Gennaio 2017 14:14

Yemen. Da marzo 2015 uccisi 1.400 bambini

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

La denuncia dell’Unicef

SAN’A - Sono almeno 1.400 i bambini uccisi in Yemen e oltre 2.140 quelli feriti dal 26 marzo del 2015, ovvero dall'inizio della campagna militare lanciata dalla coalizione araba guidata da Riad contro gli houthi. Lo denuncia l'Unicef, che in un comunicato diffuso oggi conferma l'uccisione ieri di ''un bambino e altri quattro feriti in due attacchi vicino la scuola di al-Falah, nel distretto di Nihm, che si trova fuori dalla capitale Sana'a''. Come spiega Meritxell Relano, rappresentante Unicef in Yemen, ''gli attacchi alle aree civili continuano a uccidere e ferire sempre più bambini in Yemen. Invece di studiare, questi bambini stanno assistendo a morte, guerra e distruzione''. Relano aggiunge che ''con l'intensificarsi del conflitto, da marzo 2015, le Nazioni Unite hanno verificato che circa 1.400 bambini sono stati uccisi e oltre 2.140 sono stati feriti. Probabilmente i numeri reali sono molto più elevati. Circa 2.000 scuole in Yemen non possono più essere utilizzate perché distrutte, danneggiate, utilizzate come rifugi per famiglie sfollate o per scopi militari''.  'Le scuole devono essere luoghi di pace sempre, un santuario in cui i bambini possano imparare, crescere       , giocare ed essere al sicuro. I bambini non dovrebbero mai rischiare le loro vite solo per andare a scuola'', ha sottolineato la rappresentante dell'Unicef in Yemen. Relano conclude con un appello: ''l'Unicef rinnova il suo invito a tutte le parti in conflitto in Yemen, e a coloro che hanno influenza, a proteggere i bambini e fermare gli attacchi sulle infrastrutture civili, comprese le scuole e le strutture per l'istruzione, secondo il diritto Internazionale Umanitario''.  

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

Covid-19. Il Coronavirus passerà all’orizzonte di una nuova consapevolezza

Covid-19. Il Coronavirus passerà all’orizzonte di una nuova consapevolezza

“Scusa la domanda principe della peste: dove te ne vai adesso?”Con questa domanda nel 1958 Mao Zedong concludeva una delle sue poesie, intitolata “Addio al dio della peste”.  Attraverso versi...

Carlotta Pompei - avatar Carlotta Pompei

Aiutiamo la ricerca italiana a sconfiggere il Coronavirus

Aiutiamo la ricerca italiana a sconfiggere il Coronavirus

Takis, azienda italiana di Castel Romano, è l'unica in Italia e la prima in Europa pronta a testare il suo vaccino Covid-19 su modelli  

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]