Martedì, 04 Aprile 2017 15:50

Ozonoterapia una terapia valida in veterinaria

Scritto da
Rate this item
(1 Vote)

A colloquio con la dott.ssa Daniela Mignacca, direttrice del polo d’eccellenza Clinica Veterinaria Roma Sud

ROMA - Di primaria importanza per gli amanti degli animali domestici è garantire loro una vita agevole e salubre come quella vissuta dai loro padroni. Per il benessere dei cuccioli è sempre più richiesta e praticata l’ozonoterapia sia per i risultati efficaci gli stessi ottenuti in campo umano sia per l’assenza di controindicazioni ed effetti collaterali. Per saperne di più ne abbiamo parlato con la direttrice sanitaria della Clinica Veterinaria Roma Sud (http://www.cvrs.it) , in via Pilade Mazza n° 24, la dott.ssa Daniela Mignacca, specializzata in Medicina D’urgenza e Oncologia veterinaria.

La dott.ssa ha spiegato come l’ozonoterapia venga praticata ampliamente e abitualmente su cani e gatti nella sua clinica. Per trattare principalmente le infezioni antibiotico-resistenti sia gastro-intestinali che del tratto urinario tramite l’insufflazione rettale – un sondino rettale di qualche cm dove viene inserita la miscela di ossigeno ozono -  o con piccole iniezioni locali di ozono per trattare ferite e piaghe di varia origine. Nei casi più gravi viene praticata anche la GAE, la Grande Auto Emo-infusione (prelievo di sangue autologo, insufflato con ozono e reimmesso per via endovenosa) soprattutto nei pazienti lungo-degenti e i ricoverati in terapia intensiva, per trattare le piaghe da decubito e assicurare una migliore risposta immunitaria ai trattamenti medici tradizionali. La direttrice afferma che si stanno attrezzando per praticare l’ozonoterapia per le patologie osteoarticolari, le ernie e le affezioni muscoloscheletriche tipiche dell’invecchiamento – casistiche nelle quali l’ozonoterapia ottiene il 99 % delle guarigioni – come le artrosi con un’area dedicata.

L’ossigeno ozono terapia è dunque efficace – oltre che nei grandi animali come cavalli, mucche, suini e altri – anche sugli animali domestici e sulle loro patologie, tanto da esser considerata una pratica abituale nel Policlinico Veterinario Roma Sud, diretto dalla dott.ssa Daniela Mignacca sin dal 1998, considerato un polo d’eccellenza per il suo pronto soccorso d’urgenza e per l’innovativa area di terapia intensiva e l’oncologia veterinaria.

Anche il prof. Marianno Franzini, presidente della SIOOT, la Società Scientifica di Ossigeno Ozono Terapia, in un apposito spazio nel suo centro ambulatoriale di Gorle, in provincia di Bergamo, cura gli amici a quattro zampe dei suoi pazienti e tra loro: Avana, il levriero campione italiano del Canicross - Lido delle Nazioni Ferrara 2017 - di proprietà della Sig.ra Flavia Sironi. Il professore tratta con successo appunto le antibiotico-resistenze, i traumi articolari sportivi e le affezioni muscolo scheletriche.

E dunque, l’ozonoterapia in campo veterinario è già una realtà e una possibilità per la salute degli amici a quattro zampe, per una soluzione naturale e totalmente priva di controindicazioni, nel rispetto del nostro animale domestico e compagno d’avventure.

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Musei, Minoranze e Alternative Experts. Le istituzioni museali possono oggi bene…

Durante un simposio tenuto in ottobre da ABC Citta’ a Milano, si è ragionato su come sradicare dai musei i vecchi stereotipi culturali e sfruttare tali istituzioni e il loro...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

"Più libri più liberi". I miei cinque giorni nella “Nuvola della spera…

ROMA - I numeri di "Più libri più liberi" – la Fiera Nazionale della Piccola e Media editoria, organizzata dall'Associazione Italiana Editori (AIE) e ospitata dal Roma convention center - La Nuvola...

Letizia Ghidini - avatar Letizia Ghidini

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]