Print this page
Mercoledì, 05 Aprile 2017 11:51

Le tasse non aiutano a contrastare l’evasione. Lo dice la Corte dei Conti

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA  - L'esposizione tributaria in Italia più alta rispetto alla media del resto dell'Europa non aiuta il contrasto all'economia sommersa e la lotta all'evasione. E' quanto sostiene la Corte dei Conti nel suo Rapporto 2017 sul coordinamento della finanza pubblica. 

Secondo i magistrati contabili, infatti, "il cuneo fiscale, riferito alla situazione media di un dipendente dell'industria, colloca al livello più alto la differenza fra il costo del lavoro a carico dell'imprenditore e il reddito netto che rimane in busta paga al lavoratore: il 49% prelevato a titolo di contributi (su entrambi) e di imposte (a carico del lavoratore) eccede di ben 10 punti l'onere che si registra mediamente nel resto d'Europa". Inoltre, "anche i costi di adempimento degli obblighi tributari, che il medio imprenditore italiano è chiamato ad affrontare, sono significativi: 269 ore lavorative, il 55% in più di quanto richiesto al suo competitore europeo", si legge ancora nel rapporto. 

"Guardando poi alla tenuta del sistema tributario - scrive la Corte dei Conti - se è indubbio che la politica fiscale ha impresso forti accelerazioni alla dinamica delle entrate, non sembra che essa si sia mostrata efficace nel rafforzarlo strutturalmente: in modo da sottrarlo ai vincoli che spingono a ricercare nuove fonti di gettito e, al contempo, porre i presupposti per una redistribuzione del prelievo nel quadro di una riduzione della pressione fiscale complessiva".  

Redazione

Correlati

Ultime da Redazione

Related items