Mercoledì, 23 Agosto 2017 13:04

Legambiente chiede a Governo e Regioni il posticipo della stagione venatoria al 1° ottobre

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

“Assenza protratta di precipitazioni, caldo e incendi hanno determinato situazione critica anche per fauna selvatica” 

Legambiente chiede al Governo e alle Regioni di posticipare di un mese l’apertura della caccia, prevista all’inizio di settembre, per via dell’eccezionalità della situazione determinata dall’assenza prolungata di precipitazioni, da temperature sopra la media e da numerosi incendi boschivi in vaste aree del nostro Paese.

L’associazione ha scritto al presidente del Consiglio dei ministri Paolo Gentiloni, ai ministri dell’Ambiente e per le Politiche Agricole, Alimentari e Forestali Gian Luca Galletti e Maurizio Martina e ai presidenti di Calabria, Campania, Emilia Romagna, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Molise, Provincia autonoma di Trento, Puglia, Sardegna, Sicilia, Toscana e Veneto.

Nel ricordare come l’esercizio dell’attività venatoria sia consentito purché non contrasti con l’esigenza di conservazione della fauna selvatica, patrimonio indisponibile dello Stato, la presidente di Legambiente Rossella Muroni sottolinea come la gravità dalla situazione che ha spinto le Regioni a chiedere lo stato di calamità pesi anche sulla sopravvivenza degli animali selvatici. Invita, quindi, le amministrazioni pubbliche, evidenziandone le responsabilità condivise, a deliberare il posticipo della stagione venatoria al 1 ottobre su tutto il territorio nazionale e ad attivare nel contempo un’azione forte e capillare di contrasto al bracconaggio.

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

"Le parole ribelli" di Susi Ciolella. Recensione

Strofe precise che pesano come pietre ma che trasudano di grande umanità. Sono quelle di Susi Ciolella che esce con il suo secondo libro di poesie, dal titolo “Le parole ribelli”...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]