Mercoledì, 30 Maggio 2018 14:49

Siamo davvero diventati uno dei Paesi peggiori d’Europa per copertura vaccinale contro il morbillo?

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

Leggende metropolitane che vorrebbero legare la pratica dei vaccini all’insorgenza di malattie gravi come l’autismo o la sclerosi multipla.

O false credenze che le malattie siano un buon allenamento per il sistema immunitario. Al contrario, le vaccinazioni sono una palestra per le nostre difese immunitarie, mentre i patogeni causano una profonda immunosoppressione che ci rende più suscettibili ad infezioni anche molto pericolose.

La caduta della copertura vaccinale in Italia tradisce una grande tradizione del nostro Paese di ricerca scientifica di eccellenza. Ancora, onorando la nostra tradizione del saper fare siamo stati – e siamo -  grandi produttori ed esportatori di vaccini. Siamo stati tra i primi ad introdurre il vaccino contro l’epatite B, un malanno gravissimo.

Infine, siamo stati in prima fila in un’iniziativa di solidarietà globale, GAVI – Global Alliance for Vaccines and Immunisation, che ha lo scopo di salvare 2 milioni di bambini sotto i 5 anni che ogni anno muoiono perché non hanno accesso ai vaccini più elementari. 

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

L’Italia e gli italiani nel cinema albanese

Il cinema albanese è stato il protagonista di questa primavera romana appena conclusa. Dopo aver conquistato la vittoria alla decima edizione del Francofilm – il Festival del cinema francofono organizzato...

Romano Milani - avatar Romano Milani

ITC Farma punta sui giovani: coltivare oggi i talenti di domani

La sinergia tra accademia e impresa è un passo necessario per la crescita del Paese

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]