Sabato, 06 Ottobre 2018 10:20

Industria 4.0 e farmaceutica: innovazioni e direttrici di una nuova concezione

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

La recente notizia del superamento da parte dell’Italia del gigante Germania per quanto riguarda la produzione  di  farmaci – per esattezza 31,2 miliardi contro 30,1-non può che essere al tempo stesso motivo di soddisfazione e di riflessione.

La soddisfazione deriva soprattutto dai caratteri di questo sorpasso da ascrivere all’export italiano nel settore cresciuto  da 1,3 miliardi nel 1991 agli attuali 24,8 miliardi,di fatto il 55 % dell’export hi tech del Paese:tale dato è indicatore della fiducia che i farmaci prodotti in Italia riscuotono nel mondo. Tale soddisfazione deriva anche dalle statistiche in termini di allungamento della vita media-quasi 10 anni  dal 1978 ad oggi – e  di ridotta mortalità per le prime 5 cause di decesso (malattie del sistema cardiocircolatorio,tumori,malattie del sistema respiratorio,patologie dell’apparato digestivo,HIV/AIDS).A tale soddisfazione non può però non accompagnarsi una riflessione:come nello stesso Paese tali descritte eccellenze coesistano con zone d’ombra e con situazioni di crisi?

Di recente il dibattito su Industria 4.0 ha messo a fuoco quali siano le innovazioni e  le direttrici di questa nuova concezione industriale. Se si va ad esaminarne i contenuti non si può fare a meno di osservare che l’industria farmaceutica è stata quella che più li ha interpretati e realizzati. Molti paradigmi dell’ìndustria farmaceutica sono mutati dall’anno  zero,quello cruciale del 1978,nel quale nacque il Servizio Sanitario Nazionale. Negli ultimi 10 anni grazie all’accelerazione tecnologica  supportata dalla rivoluzione digitale e dai Big Data le innovazioni hanno trasformato il mondo dei farmaci,che non sono più solo un prodotto,ma fanno parte di un processo di cura più complesso ed interconnesso a diagnostica di precisione, sensoristica, medical device e kit. Tale innovazione per tornare a vantaggio della filiera richiede che i singoli operatori si integrino a sistema,come appunto industria4.0 sostiene.,e un sistema per funzionare deve basarsi su regole certe,stabili e condivise,su modelli nuovi di finanziamento,su partecipazione e comunicazione inside e outside continue ed attive.

Credo che uno dei grandi meriti dell’industria farmaceutica sia proprio nell’avere in parte anticipato i tempi pervenendo alla configurazione anzidetta pure nelle difficoltà correnti.

Due questioni in particolare bene interpretano industria 4.0 con riferimento alla farmaceutica:con la serializzazione la piena attuazione della direttiva sulle falsificazioni di farmaci e  la condivisione con le altre associazioni di categoria della ottimizzazione del trasporto nel pieno rispetto della buona pratica di laboratorio. La serializzazione – volgarmente assimilabile alla tracciabilità – segna nel campo dei farmaci una vera e propria rivoluzione:non si tratta solo di produrre e gestire ,ma di attuare un sistema di verifica  sull’intero ciclo di vita del prodotto (produzione,trasporto,immagazzinamento,vendita,consumo).Per quanto riguarda il secondo punto,il trasporto, si pensi che quello di farmaci rappresenta l’8% del totale trasportato e che da disfunzioni di esso derivano  problemi alla distribuzioni con interruzioni o alterazioni che possono mettere in pericolo la vita di malati. Sono due esempi di come fare sistema comporti avanzamenti nella soluzione di problemi anche gravi. Tornano ancora una volta i capisaldi di Industria 4.0 :sicurezza,comunicazione e partecipazione,digitalizzazione. Chi si adegua prima -seguendo l’esempio della farmaceutica – sopravvive meglio e ha più possibilità di crescere,come la farmaceutica stessa ha dimostrato.

Last modified on Sabato, 06 Ottobre 2018 10:21

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

La pandemia crea meta-arte

La pandemia crea meta-arte

L’ 8 settembre 1981, una tra le voci più singolari dell’arte italiana contemporanea, Mari Lai (1919-2013) realizzò, per il Comune di Ulassai, un monumento ai caduti.  In realtà, l’artista decise...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Più volte, nel corso della storia, l’umanità ha temuto per la propria sopravvivenza. Il grido “E’ la fine del mondo” è risuonato ogni volta che eventi inspiegabili hanno sorpreso i...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]