Martedì, 06 Novembre 2018 14:31

Ricerca: 30mila cervelli in fuga. L’Istituto Pasteur lancia un progetto

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

Nel 2016 l'Italia ha investito in ricerca pubblica e privata appena 21,6 miliardi di euro, contro i 33 mld del Regno Unito e i 50 mld della Francia.

"E sono questi Paesi che accoglieranno molti dei 30 mila studiosi che, si stima, l'Italia ha perso e perderà nel decennio 2010-2020". In controtendenza l'Istituto Pasteur Italia ha lanciato oggi a Roma la campagna di sensibilizzazione e di raccolta fondi 'Parola d'ordine: ricerca', per "evitare la fuga di energie intellettuali stanziando fondi e sensibilizzando il grande pubblico". La 'madrina' della campagna è l'attrice Francesca Valtorta. In occasione della Giornata mondiale della scienza per la pace e lo sviluppo, il prossimo 10 novembre, l'Istituto Pasteur Italia prende parte alla mobilitazione internazionale dedicando la giornata di oggi al tema 'Scienza è progresso: un diritto dell'umanità' per garantire il diritto alla salute di tutti. "Secondo i dati del Cnr, di fronte a un obiettivo di crescita, gli stanziamenti del Miur agli enti pubblici di ricerca sono scesi dai 1.857 milioni di euro del 2002 ai 1.483 del 2015. Complessivamente, negli ultimi 10 anni gli investimenti pubblici con ricerca e sviluppo sono diminuiti di oltre il 20%".

"Nonostante le grandi difficoltà che si riscontrano nel nostro Paese, da oltre 50 anni l'Istituto Pasteur Italia investe nella ricerca scientifica perché la scienza è il motore per il progresso dell'umanità e sostenerla è un dovere di ciascuno - ha affermato Angela Santoni, direttore scientifico dell'Istituto Pasteur Italia - Per questo ogni anno finanziamo numerosi progetti di ricerca, borse di dottorando, borse di studio per l'estero e per il rientro di ricercatori in Italia. Nel 2018 abbiamo stanziato 1.091.400 euro e per il 2019 l'investimento previsto è di 1.373.000. I costi della ricerca sono rilevanti e per garantire continuità alle nostre attività abbiamo deciso di lanciare la prima campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi 'Parola d'ordine: ricerca' perché ogni contributo, anche il più piccolo, è un aiuto fondamentale per lo sviluppo delle nostre ricerche e può fare la differenza".

"L'impegno per la ricerca deve essere dell'intero Paese - ha detto Alessio D'Amato, assessore alla Sanità e Integrazione socio-sanitaria della Regione Lazio - Purtroppo siamo una nazione che investe sempre poco e meno sia sulla ricerca che sul Fondo sanitario. Abbiamo un po' questo paradosso che, nonostante siamo il Paese con la più alta aspettativa di vita al mondo, siamo tra quelli più sviluppati che investe di meno sulla ricerca, più o meno l'1% del Pil, e nella sanità il 6,3% del Pil. A lungo andare - ha ammonito - questi sono elementi che porteranno a un declino del sistema Paese. Per cui la presenza della Regione Lazio, qui all'Istituto Pasteur Italia, è per un sostegno all'attività dell'Istituto e in generale alla ricerca".

"Credo che abbandonare l'Italia per andare tutti all'estero non sia la soluzione al problema - ha osservato Alessandra Zevini, post-dottoranda all'Istituto Pasteur Italia (la sua ricerca è incentrata sui meccanismi molecolari e cellulari dell'immunità innata) - Perché se tutti facessimo così l'Italia rimarrebbe senza ricercatori, mentre credo valga la pena lottare e cercare, anche se con fatica, delle possibilità migliori qui a 'casa nostra'. Quindi ai miei colleghi o ai neolaureati sento di suggerire di non rinunciare ai progetti che hanno immaginato per il loro futuro, perché se si è davvero motivati a proseguire nel mondo della ricerca, allora bisogna insistere senza perdere la speranza e cercando sempre di realizzare le proprie passioni". "La ricerca scientifica - ha concluso Zevini - ha bisogno di sostegno, perché se non ci sono i fondi (ed è quello il motore che muove la ricerca in generale, non solo quella scientifica), rischia di rimanere paralizzata e di conseguenza non si può investire sulla formazione delle figure professionali, sulle attrezzature, le tecnologie, e se non c'è ricerca non c'è progresso per il futuro dell'umanità". (Frm/AdnKronos) ISSN 2465 - 1222 06-NOV-18 13:16 NNNN
Altri lanci della stessa sequen

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

labo.jpg

Cerca nel sito

IMG_4883.jpg

Opinioni

Nel 2100 è previsto che il 40% degli abitanti della terra sia africano

Nel 2040 l’Africa sarà la più grande forza lavoro giovanile. In Africa vive il 17% della popolazione del nostro Pianeta con solo il 3% del PIL totale, mentre nella parte...

Luigi Campanella - avatar Luigi Campanella

A Firenze Banksi. Gianluca Marziani: “le immagini chiave per comprendere l’artis…

Un’esposizione molto “asciutta e analitica”. Ventidue immagini selezionate, supportate da un grande lavoro testuale. “Da questa mostra si esce sicuramente con una idea più chiara”

Rita Salvadei - avatar Rita Salvadei

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077