Mercoledì, 28 Novembre 2018 14:50

L’Ema autorizza nuovi farmaci per il trattamento dell’HIV

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

L'Agenzia europea del farmaco (Ema) ha autorizzato l'immissione in commercio di due nuovi farmaci per il trattamento dell'Hiv-1.

Delstrigo* (doravirina/lamivudina/tenofovir disoproxil fumarato), combinazione a dose fissa in una singola compressa, in monosomministrazione giornaliera, e Pifeltro *(doravirina), un nuovo inibitore non nucleosidico della trascrittasi inversa (Nnrti), da assumere sempre in monosomministrazione giornaliera, in combinazione con altri farmaci antiretrovirali. I due farmaci potranno essere da oggi commercializzati in tutti i 28 Paesi dell'Unione europea, oltre che in Islanda, Lichtenstein e Norvegia. Destinati entrambi al trattamento dell'Hiv-1 in pazienti che non abbiano mai mostrato resistenze agli Nnrti nel caso di doravirina, e agli Nrti (lamivudina e tenofovir) nel caso della terapia di combinazione, i due farmaci hanno dimostrato negli studi registrativi un miglior profilo lipidico rispetto ad altre opzioni terapeutiche, e risultati promettenti per quanto riguarda il profilo neuropsichiatrico, in particolare riguardo ai disturbi del sonno (un effetto collaterale comune ad alcune classi di farmaci antiretrovirali). "Da quando circa 30 anni fa il virus Hiv venne isolato, Msd ha sempre guidato l'innovazione in ricerca per cronicizzare, in buona salute, una malattia fino ad allora mortale", dichiara Nicoletta Luppi, presidente e Ad di Msd Italia. 

"I due nuovi farmaci appena approvati da Ema - aggiunge Luppi - rappresentano un'ulteriore conferma di un rinnovato impegno in ricerca da parte di Msd, all'insegna dell'innovazione incrementale. In aggiunta ad una potente efficacia, infatti, il loro promettente profilo lipidico e neuropsichiatrico ne migliora la tollerabilità: una caratteristica molto importante per i pazienti che devono assumere farmaci a lungo termine. Un ottimo risultato rafforzato da una ricerca che continueremo attivamente grazie alla nostra pipeline corposa". "Inoltre - sottolinea - sono al momento in corso trial clinici su altre molecole dal meccanismo innovativo, per continuare a rispondere ai bisogni terapeutici dei pazienti contribuendo, al contempo, a migliorare concretamente la loro qualità di vita". L'approvazione, da parte della Fda, di doravirina e della combinazione a dose fissa costituita da doravirina/lamivudina/tenofovir disoproxil fumarato è basata sui dati degli studi di fase III Drive-ahead e Drive-Forward, che hanno preso in esame il profilo di efficacia e sicurezza dei due farmaci. 

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

labo.jpg

Cerca nel sito

IMG_4883.jpg

Opinioni

La “bella guagliona” di Bolzano che merita “Otto e mezzo”

La Sette è riconosciuta come il terzo polo televisivo italiano nel campo generalista. Il successo che le sta arridendo non è dovuto a programmi di facile ascolto e di resa...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

C’è un’alternativa nel trattamento dei rifiuti di cui non parla nessuno

Si tratta della la gassificazione al plasma, ovvero “del plasma o assistita dal plasma”, che può essere utilizzata per convertire materiali contenenti carbonio in gas di sintesi per generare energia...

Luigi Campanella - avatar Luigi Campanella

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077