Sabato, 15 Dicembre 2018 10:53

All’AIES, Associazione Italiana Esperti Scientifici Beni Culturali si parla di 4.0

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

Con sempre maggiore frequenza si sente parlare di 4.0 applicato a diversi settori delle  attività civili ed economiche.

Al recente convegno dell’AIES a Napoli  anche il patrinonio culturale si è volute etichettare 4.0. Ma se il contenuto di tale qualificazione à chiarissimo, garantire cioè un’integrazione completa dell’intera catena del valore di un prodotto, meno frequentemente si parla della condizione tecnologica indispensabile e cioè la disponibilità di una rete di comunicazione adeguata in relazione sia ad un potenziamento delle reti mobili che  alla  connettività wireless fra settori o gruppi di interesse che producono, sviluppano e forniscono prodotti simili. 

La comunicazione deve essere garantita sia per i caratteri di velocità di trasmissione che per quelli di penetratività indoor e  di capacità di gestire contemporaneamente differenti reti logiche e virtuali. L’interconnessione permette di agire in tempo reale su qualsiasi punto della catena,consentendo a  macchine di stabilimenti produttivi diversi di lavorare su processi concatenati,ma  magari fra loro lontani centinaia di chilometri. Sulla base di questi caratteri ne risulteranno migliorate  flessibilità , versatilità ed ergonomia. L’automazione  è il prodotto più immediato di queste tecnologie, sia nella gestione che nella realizzazione dei processo produttivo,con sviluppo di interfacce uomo-macchina,monitoraggio dei processi, riduzione delle esigenze manutentive. A ciò si aggiungono robot, piattaforme mobili, reti di sensori che monitorano il processo rispetto a parametri di riferimento, applicazioni e strumenti di realtà aumentata ,questi ultimi a conferma che l’uomo continuerà ad essere centrale anche nella fabbrica intelligente.

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Cannes Classic 72. Moulin rouge, Toulouse Lautrec secondo John Huston

CANNES - E’ un film del 1953, da non confondere con l’omonimo girato nel 2001 dall’australiano  Baz Luhrmann.  E’ la vita di Toulouse-Lautrec, il pittore francese che una caduta da...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Greta Thunberg, non è impossibile coniugare economia ed ecologia

Greta Thunberg, qualità personali a parte, è l’esempio massimo della coscientizzazione che può sviluppare una buona istruzione, tale da renderla anche capace di comunicare un suo disagio che, non a...

Fabio Massimo Tombolini - avatar Fabio Massimo Tombolini

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]