Giovedì, 28 Febbraio 2019 15:00

Il prezzo della salute. Il costo di vivere nell’Italia delle diseguaglianze sociali

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

Reddito e ambiente socio-culturale sono due dei requisiti per riuscire a vivere qualche anno in più.  A confermarlo i dati ISTAT: la speranza di vita si abbassa di 5 anni e mezzo da un dirigente a un operaio e il rischio di morire cresce con l’abbassarsi del titolo di studio. 

Una disuguaglianza che è anche fortemente legata all’ambiente di lavoro: come non ricordare la situazione e le polemiche che ormai da tempo coinvolgono l’ILVA di Taranto, o le recenti preoccupazioni per i fumi arancioni dell’AST di Terni, senza tuttavia dimenticare le vicende della famigerata “Terra dei fuochi” nel campano. 

A fronte di queste problematiche, c’è da considerare il progressivo mal funzionamento del sistema sanitario nazionale che certo non incentiva la prevenzione. In Italia due milioni di persone rinunciano a farsi curare perché le liste di attesa sono troppo lunghe e altre cinque milioni evitano il medico perché non hanno abbastanza soldi e non possono permetterselo.

È questa l'ultima fotografia-choc, scattata nel dicembre 2018, dall'Istat sullo stato delle famiglie nel nostro Paese. Circa il 47% dei pazienti intervistati ha dichiarato di aver interrotto almeno un percorso sanitario per la difficoltà nel sostenere i costi o per motivi attinenti all’organizzazione dell’offerta dei servizi (logistica, liste d’attesa, prenotazioni).

Nel 2016 la spesa sanitaria è stata di 149 miliardi incidendo per l’8,9% sul Pil, ed è stata sostenuta per il 75% dal settore pubblico e per la restante parte dal settore privato. Il 90% della spesa del settore privato grava sulle famiglie con un peso di 37 miliardi e 318 milioni di euro, incidendo per il 2,2% sul Pil, con un corrispettivo di 2 466 euro pro-capite. La prima componente di spesa, secondo l’ISTAT, va all’assistenza per la cura e la riabilitazione, mentre la seconda per l’acquisto di prodotti farmaceutici e altri apparecchi terapeutici.

Una spesa importante che lievita di anno in anno e che in Italia, dal 2007 al 2016, ha visto raddoppiare a oltre 4 milioni le persone che versano in condizioni di “povertà assoluta”.

Un sistema, quello sanitario, che tra l’altro incentiva sempre più per i problemi sopra elencati, la cosiddetta attività intramoenia dei medici ospedalieri: prestazioni con zero tempi d’attesa, erogate fuori dal normale orario di lavoro a fronte però di una tariffa pagata dal paziente ben più esosa rispetto al normale ticket. E chi invece dispone di maggiori possibilità economiche è spinto a rivolgersi a un sistema privato di assicurazione sanitaria. Un sistema che attualmente è stato definito da molti sociologi “folle”: la vita diventa “prezzo” in un sistema sanitario, che una volta era invidiato da tutto il mondo, mentre oggi non fa che aumentare ulteriormente le diseguaglianze.

L'autere Elia Franciosa  è uno studente del 5° anno del Liceo Scientifico E.Q. Majorana di Orvieto, vincitore del Premio “Romeo Bassoli” #dilloagalileo per l’edizione 2019 di OrvietoScienza

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Juno, l’elefante col cancro curato con l’elettrochemioterapia

Luigi Aurisicchio, presidente di Vitares, ci racconta un’esperienza veramente particolare. Nel 2017 ha partecipato a una spedizione scientifica in California, allo zoo di El Paso, con lo scopo di curare...

Erika Salvatori - avatar Erika Salvatori

A Bari nasce il CRM, Centro Regionale del mare, l’eccellenza dei nuovi laborator…

Lunedì 7 ottobre l’inaugurazione alla presenza delle cariche istituzionali della Regione e della Città  

BARI -  

 L’Arpa, Agenzia Regionale per la Prevenzione e la Protezione Ambientale di Bari, si pone...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]