Venerdì, 30 Agosto 2019 11:10

Arriva la 39^ edizione della Festa della cipolla a Cannara. Ospite d’onore lo chef Gianfranco Vissani

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

Sei stand gastronomici con piatti di alta qualità, spettacoli musicali, di danza e comici 

A presentare l’evento ed illustrare alla stampa il programma, c’erano Roberto Damaschi, presidente dell’ente Festa della cipolla di Cannara, il sindaco della città Fabrizio Gareggia e la produttrice di cipolle Maria Olivia Filippucci.

Sebbene ricca di storia e cultura ( edifici mediovali, musei,chiese, scavi d’epoca romana e vari reperti archeologici), Cannara non è tra i borghi più conosciuti  dell’Umbria e non si incontrano i grandi flussi turistici, salvo a inizio settembre, quando in meno di due settimane arrivano da tutta la regione oltre 70mila buongustai per degustare i piatti a base del suo prodotto più tipico e apprezzato: la cipolla. La sua coltivazione è tutta manuale ed è sempre confezionata in trecce come ha mostrato la produttrice Maria Olivia Filippucci. Il segreto della sua dolcezza è dato dal terreno prevalentemente sabbioso-limoso di origine lacustre. Il procedimento per ottenere la certificazione Igp è in corso ma è riconosciuta come prodotto agroalimentare tradizionale ed è presidio Slow Food .

La dolcezza della cipolla di Cannara, in particolare, consente agli chef di utilizzarla in cucina in qualsiasi tipo di piatto, compresi dolci e dessert, come ha sottolineato, nel corso della presentazione nazionale dell’evento, martedì 27 agosto a Roma, il maestro Gianfranco Vissani che da alcuni anni collabora con la Festa della cipolla di Cannara ideando piatti e ricette per lo stand gastronomico ‘Al cortile antico’, attivo nei giorni della festa accanto a ‘El cipollaro’, ‘Il giardino fiorito’, ‘La taverna del castello’, ‘La locanda del curato’ e ‘Il rifugio del cacciatore’. “Per esempio – ha annunciato in anteprima Vissani –, in questa edizione abbiamo reinventato lo zuccotto toscano con colata di cipolla al balsamico e la cassata siciliana con cipolla candita. Abbi amo, inoltre, ideato un involtino di vitella farcito con cipolla e salsa di datteri, e una zuppa di cipolla con birra, groviera, uovo poché e cotechino. L’Italia ci offre un’infinità di splendide colture, come questa, che spesso neanche conosciamo”. Tanta innovazione, quindi, ma anche tradizione perché piatti i pitti più richiesti sono la pizza con la cipolla e le penne alla cipollara, una gricia con abbondante cipolla.

“La cipolla è un prodotto povero e popolare – ha spiegato Damaschi –, ma che noi abbiamo saputo reinterpretare con grande passione, rimanendo attaccati al territorio e alle tradizioni. C’è, innanzitutto, la maestria degli chef: chiunque incontro, d’altronde, mi dice che come alla Festa di Cannara non si mangia da nessun’altra parte. E poi la nostra è molto più di una sagra, è un po’ il ‘Summer jamboree’ alla cannarese. Cerchiamo, infatti, di proporre un calendario ricchissimo di eventi, di cultura e di serate di grande qualità”.

Oltre a una mostra mercato che si dipana nei vari angoli del paese, ogni sera si svolgono spettacoli musicali e di danza e si esibiscono noti comici e personaggi del mondo dello spettacolo come Massimo Bagnato e il mago illusionista Andrea Paris.. “C’è l’impegno di tutta una comunità, tant’è che abbiamo oltre 600 volontari al lavoro ogni giorno – ha spiegato il sindaco Garreggia - quest’anno in particolare ci siamo impegnati anche sui dettagli facendo massima attenzione alle materie prime e all’ambiente usando solo stoviglie compostabili e con l’abbattimento delle stoviglie di plastica. La nostra non è una sagra, ma una festa perché non identifica un prodotto ma un’intera comunità. I proventi dell’iniziativa verranno investiti in servizi per i cittadini e in iniziative di beneficenza. A fare la differenza è sicuramente questa dedizione e la grande cura dei dettagli ma non solo. Abbiamo, infatti, un territorio fantastico, con una grande tradizione francescana e in cui si possono trovare importanti siti archeologici come Urvinum Hortense, nella frazione di Collemancio.

                             Antonella Fiorito

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Feltrinelli.“Gli inganni di Pandora” di Eva Cantarella. Recensione

L’origine delle discriminazioni di genere nella Grecia antica.

Alessandra Rinaldi - avatar Alessandra Rinaldi

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]