×

Attenzione

JFolder: :files: Il percorso non è una cartella. Percorso: /var/www/vhosts/dazebaonews.it/httpdocs/images/francesco

×

Avviso

There was a problem rendering your image gallery. Please make sure that the folder you are using in the Simple Image Gallery Pro plugin tags exists and contains valid image files. The plugin could not locate the folder: images/francesco

Martedì, 16 Agosto 2011 20:57

Turismo religioso. San Francesco nel deserto. Un viaggio alla scoperta di noi stessi. LE FOTO

Scritto da
Rate this item
(1 Vote)

VENEZIA - Prende piede in Italia un turismo assai diverso da quello che abitualmente ci propinano come la panacea di tutti i mali. Infatti, placare lo stress della società del XXI secolo alla ricerca dell'equilibrio psico fisico non è così semplice come sembra e spesso anche le meritate vacanze si possono trasformare in vere e proprie esperienze da dimenticare.

Il segnale che qualcosa sta veramente cambiando ci arriva proprio dai turisti che iniziano ad optare per  mete davvero originali, in luoghi incantevoli ma poco conosciuti dalla folle inferocite dal divertimento a tutti i costi, dove  natura e cultura s'intrecciano in un tacito e silenzioso accordo.


E' l'isola di San Francesco nel Deserto uno di questi luoghi dove il tempo sembra essersi fermato nel momento in cui - si potrebbe azzardare alla luce di quest'epoca - l'uomo ha deciso di abbandonare il dialogo, la sua spiritualità di autentico essere che vuole ritrovare l'armonia con sè stesso e con gli altri.
Navigando nella Laguna di Venezia tra  Sant'Erasmo e Burano la piccola isola di San Francesco affiora delicatamente  lasciando l'osservatore  senza fiato. Avvolta da cipressi centenari, questo fazzoletto di terra di appena quattro ettari, si narra ospitò nel 1220 San Francesco d'Assisi di ritorno dall'Oriente durante la Quinta Crociata. Fu proprio in questo luogo magico, già frequentato dai romani come testimoniano i reperti, che il Santo decise di realizzare un ricovero dove si potesse pregare e meditare in pace.


Dopo la morte di Francesco l'isola fu donata nel 1233 dal patrizio veneziano Jacopo Michiel all'ordine dei Frati minori. Attorno al 1400 l'isola fu però abbandonata a causa delle pestilenze malariche e da questo episodio prese l'appellativo di isola "nel deserto". Nel 1451  i padri francescani fecero ritorno e iniziarono i lavori di restauro e di ampliamento, fino al 1808, anno in cui la struttura fu presa e trasformata dagli austriaci in deposito di armi e polveri da sparo.  Solo nel 1858, anno in cui il terreno fu nuovamente donato alla Diocesi di Venezia,   i Frati Minori poterono far ritorno alla loro amata terra lagunare.
Negli anni passati l'isola ospitava circa 70 religiosi, in quanto il convento era un passaggio obbligato per il conseguimento del cosiddetto noviziato. Oggi sono solo 6 i Frati minori che abitano questo luogo della cristianità e come in analoghi siti religiosi sparsi per tuttas la penisola è possibile trascorrere qualche giorno all'interno del Monastero, nel rispetto di semplici e umili gesta che regolano questo luogo di culto, di preghiera e di profonda meditazione.
Un viaggio alla scoperta della storia e della cultura che appartengono alla memoria collettiva, attraverso la quale è possibile riscoprire l'essenza, spesso dimenticata, di un viaggio interiore, quello che alimenta l'anima e lo spirito di ognuno di noi.


I Frati mettono a disposizione alcune celle per coloro  che intendono trascorrere un periodo nella solitudine allo scopo di ricerca di riflessione religiosa.

Galleria fotografica

{gallery}francesco{/gallery}



Per maggiori informazioni
Isola di San Francesco del Deserto - Cap30100 - Venezia
Telefono: (+39)0415286863
E-Mail:  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.



 

Last modified on Martedì, 16 Agosto 2011 23:09
Alessandro Ambrosin

direttore responsabile

www.dazebaonews.it

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

Libri. “Note a margine”, una porta schiusa sulla scuola

Libri. “Note a margine”, una porta schiusa sulla scuola

Note a margine non è un romanzo, né una semplice raccolta di racconti. Non è un testo soltanto narrativo o espressivo, informativo o descrittivo.

Anna Trattelli - avatar Anna Trattelli

Takis ed Evvivax, insieme per sviluppare un vaccino contro il Coronavirus

Takis ed Evvivax, insieme per sviluppare  un vaccino contro il Coronavirus

Takis ed Evvivax, due aziende di Biotecnologie presenti nel parco scientifico di Castel Romano, Roma hanno annunciato il loro impegno per lo sviluppo di vaccini innovativi contro il 2019-nCoV, il...

Erika Salvatori - avatar Erika Salvatori

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]