Martedì, 23 Agosto 2011 23:02

Meeting Comunione e Liberazione. Media e informazione. Dov'è la verità?

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

RIMINI  – Almeno una volta nella vita, al Meeting di CL, devi andarci. Per capire com’è. Come funziona. Per guardare negli occhi delle persone. Per provare a toccare con mano una parte importante del nostro Paese.



E così, dopo un accredito difficoltoso (“Dazebao come si scrive?” mi chiederà l’addetta ndr), perso tra mille stand coloratissimi, sopravvivendo a un fiume di gente felice sommersi da tonnellate di gadget e di marketing, si riesce finalmente a infilarsi in una sala per seguire un dibattito. Quello su media e notizie sembra il più interessante.

Il tema è complesso, delicato e quanto mai cruciale di questi tempi: qual è oggi il ruolo dei media? Se si pensa che lo scandalo intercettazioni ha quasi stritolato l'informazione del Regno Unito nel triangolo 'Stampa-Politica-Polizia' e che Google ha lanciato il nuovo algoritmo 'Panda' per fare piazza pulita di fonti di informazione di scarsa qualità, l’incontro con Antonio Preziosi, Direttore di 'Rai Radio 1' e del 'Giornale Radio Rai' e con Virman Cusenza, direttore de 'Il Mattino' era davvero irresistibile. Roba che anche l’apparizione a sorpresa del presidente della Fiat, John Elkann, nel cuore del rovente pomeriggio romagnolo, è passata in secondo piano.

"La certezza che noi possiamo dare", ha spiegato Preziosi, "è che le notizie dei nostri giornali radio sono certificate, verificate e credibili". Per di più, un canale radiofonico sempre in diretta deve "arrivare primo sulla notizia, ma tutte le notizie devono essere valutate e verificate. Noi non vogliamo arrivare primi a discapito della veridicità. Rifiutiamo la superficialità e cerchiamo di avere il massimo rispetto dell'individuo". Insomma, "la notizia può attendere se non è verificata".

"Il giornalista - ha argomentato Cusenza - è un raccontatore di fatti che vanno verificati". "La verifica della notizia è essenziale anche se spesso una conferma al mille per mille non è possibile". La carta stampata, che spesso si trova a fare un lavoro mediato da altri media”, ha infine chiarito il direttore della testata partenopea, "ha il dovere di dedicarsi all'approfondimento, di non essere dipendente dalle altre fonti e di elaborare un proprio lavoro di scavo e di ricerca".

In altre parole: i media hanno il compito di garantire la certezza della notizia. O almeno di verificare le informazioni. Ragionevole, viene un dubbio: non è che mi sono perso le testate online?

Last modified on Mercoledì, 24 Agosto 2011 09:36

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

Covid-19. Il Coronavirus passerà all’orizzonte di una nuova consapevolezza

Covid-19. Il Coronavirus passerà all’orizzonte di una nuova consapevolezza

“Scusa la domanda principe della peste: dove te ne vai adesso?”Con questa domanda nel 1958 Mao Zedong concludeva una delle sue poesie, intitolata “Addio al dio della peste”.  Attraverso versi...

Carlotta Pompei - avatar Carlotta Pompei

Aiutiamo la ricerca italiana a sconfiggere il Coronavirus

Aiutiamo la ricerca italiana a sconfiggere il Coronavirus

Takis, azienda italiana di Castel Romano, è l'unica in Italia e la prima in Europa pronta a testare il suo vaccino Covid-19 su modelli  

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]