Giovedì, 29 Settembre 2011 11:37

Rapporto europeo 2011 emissioni CO2. Ecco le auto che inquinano

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

Aumenta l’efficienza delle auto e diminuiscono i prezzi di vendita. Obiettivi di riduzione delle emissioni di CO2 al 2015 a portata di mano. Le associazioni: “L'Unione Europea non ceda alle pressioni dei costruttori di auto ma prosegua nell'individuazione di obiettivi ambiziosi nel taglio delle emissioni”. Fiat, Toyota e Peugeot-Citroen sul podio con le flotte più efficienti d'Europa



ROMA - Nel 2010 in Europa sono state vendute auto più efficienti rispetto all’anno precedente, con un valore di emissioni medio di 140 grammi di CO2 per km percorso, il 4% in meno rispetto al 2009 e a prezzi più bassi. Ai primi posti della classifica delle case automobilistiche più virtuose si confermano Fiat, Toyota e Peugeot-Citroen rispettivamente con 126, 130 e 131 grammi di CO2 per km. Questi i principali contenuti del rapporto "How clean are Europe's cars" pubblicato oggi dal network europeo Transport&Environment, di cui Amici della Terra, Terra! e Legambiente sono partner per l’Italia.


Dal rapporto emerge un quadro in cui la tendenza è in netto contrasto rispetto allo scenario delineato in questi anni dall’industria dell’auto, secondo la quale gli obiettivi europei volti alla riduzione progressiva delle emissioni di CO2 avrebbero portato a costi di produzione insostenibili e dimostra, allo stesso tempo, come certe allarmanti previsioni siano strumentali a una richiesta di nuovi sussidi.
A sostegno di tale tesi, il rapporto confronta i prezzi medi di vendita delle auto in Europa rispetto alle ipotesi della Commissione Europea, che erano basate sui dati di costo forniti dalle case costruttrici. A fronte di una previsione di aumento medio dei prezzi di vendita di 2.400 € (stima 2001) e 1.200 € (stima 2006) risulta, non solo che nel 2010 questi siano diminuiti del 2.5% rispetto al 2009, ma anche che tale trend si sia confermato negli anni con una diminuzione complessiva del 13% dal 2002 e con una riduzione annua media del 2,4% da quando gli obiettivi di efficienza vincolanti sono stati introdotti nella legislazione Europea.
"L'industria dell'auto ha opposto una forte resistenza all'introduzione di obiettivi vincolanti nella legislazione europea sull'efficienza delle auto, dicendo che avrebbe portato a costi insostenibili. A oggi, tuttavia, l'efficienza media delle auto vendute in Europa è aumentata e i prezzi di vendita in termini reali sono diminuiti. Inoltre, secondo il dossier di T&E, il trend di riduzione delle emissioni mostra che le case automobilistiche nel loro complesso riusciranno a raggiungere l’obiettivo comunitario di 130 gCO2/km per il 2015. L'Unione Europea non ha quindi alcun motivo di ascoltare le pressioni delle case automobilistiche” – dichiarano le tre associazioni. “Chiediamo anzi che a Bruxelles si prosegua nell’individuazione di misure stringenti ed efficaci per il taglio delle emissioni, in linea con gli obiettivi di 95 gCO2/km entro il 2020 e quelli di riduzione all'80-95% di anidride carbonica entro il 2050”.


Analizzando nel dettaglio la classifica delle case automobilistiche per media di emissioni di CO2, basata sulle vendite del 2010, viene confermato il primato di Fiat, Toyota e Peugeot-Citroen, sia come case costruttrici con la flotta più efficiente d'Europa, sia come vicinanza al raggiungimento dei target specifici (individuati in base al peso medio dei veicoli) fissati per il 2015. In termini assoluti, i tagli maggiori rispetto al 2009 sono stati fatti da Volvo (9%), che rimane tuttavia ben al di sopra della media Europea (140,3 gCO2/Km) con 157 gCO2/km e classificandosi al penultimo posto. In fondo alla classifica c’è la Daimler con 161 gCO2/Km.



Infine, analizzando i mercati degli Stati Membri,  possiamo vedere come la Danimarca e il Portogallo (Paesi entrambi con tasse automobilistiche basate sulle emissioni di CO2) abbiano fatto un significativo salto in avanti in termini di riduzione delle emissioni (mediamente 127 gCO2/km), con -8,9% e -5% rispetto al 2009. Tra i mercati di dimensioni maggiori, anche Italia (133 gCO2/km) e Francia (131 ggCO2/km) si distinguono per l’efficienza delle flotte, pur registrando riduzioni % rispetto al 2009 più contenute (-2,4% e -2,5% rispettivamente).


Non si può dire lo stesso per la Germania che a fronte di quasi 3 milioni di auto immatricolate registra un valore delle emissioni medie della flotta pari a 151 gCO2/km (-1,8% rispetto al 2009). Il dato non sorprende, anche perché la Germania non si è mai allineata alla Direttiva Europea 1999/94/CE sulla pubblicità delle auto e l'informazione ai consumatori. A tal proposito è notizia recente che Berlino voglia introdurre una nuova e controversa norma per l’etichettatura delle auto, che consente di classificare come efficienti pesanti SUV con elevate emissioni, a discapito di veicoli effettivamente efficienti e di peso contenuto, con il rischio, tra l'altro, di una forte distorsione del mercato a favore proprio delle case costruttrici tedesche, storicamente orientate alla produzione di auto di grande cilindrata e peso e a discapito della concorrenza.

"L'analisi dei dati per paese, evidenzia invece che la scelta dei consumatori è sempre più orientata verso modelli a maggiore efficienza e a basse emissioni e, indirettamente, conferma l'importanza di una corretta informazione ai cittadini sulle prestazioni, anche ambientali, dei veicoli, per orientare al meglio le loro scelte di acquisto". - concludono le associazioni.

Il report completo (in inglese) è disponibile a questo LINK

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

"Le parole ribelli" di Susi Ciolella. Recensione

Strofe precise che pesano come pietre ma che trasudano di grande umanità. Sono quelle di Susi Ciolella che esce con il suo secondo libro di poesie, dal titolo “Le parole ribelli”...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]