Venerdì, 26 Novembre 2010 13:29

Carcere. Detenuto di 32 anni muore misteriosamente a Rebibbia

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA - E’ morto, dopo una settimana di febbri altissime, nel reparto per detenuti del Policlinico “Umberto I” di Roma, senza che nessuna delle cure mediche tentate avessero effetto.

E’ morto così, il 5 ottobre scorso, Antonio Alibrandi, detenuto 32enne del carcere di Rebibbia Nuovo Complesso. La notizia è stata diffusa dal Garante dei diritti dei detenuti del Lazio Angiolo Marroni.

E’ la nona persona morta nelle carceri del Lazio dall’inizio del 2010; di queste tre sono stati suicidi.

Il personale del carcere ha riferito ai collaboratori del Garante che, nella seconda metà di settembre, Alibrandi è stato colpito, per più di una settimana, da oltre 40 gradi di febbre e che gli antibiotici somministrati non hanno avuto effetto alcuno.
Vista la gravità della situazione è stato disposto il ricovero dell’uomo nella struttura protetta dell’ospedale “Sandro Pertini” da dove, dopo pochi giorni, è stato trasferito al Policlinico “Umberto I”, dove è morto.

Il decesso potrebbe essere stato causato, secondo alcune ipotesi, da meningite o da leucemia fulminante.
Alibrandi era arrivato a Rebibbia N.C. ad ottobre del 2009 (prima nella sezione G 11, poi nella G 9) per scontare una condanna definitiva a due anni di reclusione per rapina semplice. Chi lo ha conosciuto lo descrive come una persona riservata. Single e detenuto lontano da casa (era di origine calabrese essendo nato a Lamezia Terme), aveva pochissimi colloqui se non con il Sert interno e l’area trattamentale.

Proprio per la sua solitudine Alibrandi chiedeva spesso dei capi di vestiario ai volontari della Caritas. Ai collaboratori del Garante regionale dei detenuti l’uomo aveva chiesto di interessarsi per entrare in una comunità terapeutica e del vestiario.

«Quest’uomo è morto in ospedale da solo, senza il conforto di parenti ed amici, e proprio per questo il suo decesso rischiava di passare sotto silenzio - ha detto il Garante dei detenuti del Lazio Angiolo Marroni - La cosa certa è che, con i livelli di sovraffollamento attuali, e le carenze di risorse, le carceri non sono la struttura adeguata a garantire l’assistenza per persona in quelle condizioni di salute ».

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Musei, Minoranze e Alternative Experts. Le istituzioni museali possono oggi bene…

Durante un simposio tenuto in ottobre da ABC Citta’ a Milano, si è ragionato su come sradicare dai musei i vecchi stereotipi culturali e sfruttare tali istituzioni e il loro...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

"Più libri più liberi". I miei cinque giorni nella “Nuvola della spera…

ROMA - I numeri di "Più libri più liberi" – la Fiera Nazionale della Piccola e Media editoria, organizzata dall'Associazione Italiana Editori (AIE) e ospitata dal Roma convention center - La Nuvola...

Letizia Ghidini - avatar Letizia Ghidini

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]