Venerdì, 13 Gennaio 2012 01:14

Israele, la knesset approva una legge che perseguita i profughi e gli attivisti

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA - La legge contro i "migranti irregolari" approvata dal parlamento israeliano costituisce una delle più gravi violazioni istituzionali, perpetrate nell'àmbito dei paesi civili, della Convenzione di Ginevra e delle principali carte sui diritti dell'uomo.

L'emendamento alla legge del 1954 aggrava i termini di trattamento dei migranti e dei rifugiati subsahariani che entrano in Israele, anche quando fuggono da crisi umanitarie. La legge consente alle autorità di arrestare e incarcerare migranti e profughi senza alcun processo, per un periodo di detenzione fino a tre anni. Nessuna garanzia sarà concessa ai migranti detenuti: neanche la possibilità di incontrare l'Alto Commissario per i Rifugiati. La norma colpisce con una severità che non ha uguali nella storia delle nazioni democratiche anche i difensori dei diritti umani, che si prodigano per assistere i migranti e i rifugiati. Tale attività umanitaria sarà infatti colpita con pene fino a 15 anni di carcere. Il Gruppo EveryOne, che dopo la discussione presso la Knesset, avvenuta lo scorso anno, di una mozione riguardante i profughi subsahariani in Israele, elaborata dalla stessa organizzazione (discussione che induceva a credere in un miglioramento delle politiche sui profughi), ha inviato una lettera di protesta nei confronti delle istituzioni israeliane che hanno approvato il provvedimento. EveryOne chiede che i più alti organismi giuridici e statali attestino con urgenza l'incostituzionalità della legge e la cancellino.

 

La denuncia del Gruppo EveryOne è stata inoltre trasmessa alle Nazioni Unite e alle istituzioni dell'Unione europea che tutelano i diritti umani. "Le autorità politiche israeliane sembrano insensibili di fronte all'evidenza che i rifugiati somigliano ai profughi ebrei dall'Europa durante e dopo le persecuzioni naziste," hanno commentato i co-presidenti di EveryOne Roberto Malini, Matteo Pegoraro e Dario Picciau. "E i difensori dei diritti umani, che assistono i migranti, sono uguali ai 'Giusti fra le Nazioni' che salvarono tanti ebrei dai campi di sterminio. Come può Israele perseguitare i primi e colpire i secondi con pene fino a 15 anni di carcere? Mai avremmo pensato a una simile legge in Israele. La nostra amica Tamara Deuel, sopravvissuta alla Shoah, ci diceva sempre che i semi del male germogliano ovunque e bisogna essere pronti e vigili per opporsi con fede, ragione, umanità e coraggio a queste cattive piante... Siamo davvero attoniti, addolorati, amareggiati. Oggi, a Tel Aviv, tanti attivisti, fra cui nostri cari amici, hanno manifestato pacificamente contro la legge e sono stati arrestati dalle forze dell'ordine. Riguardo a tale repressione dei difensori dei diritti umani, il nostro gruppo ha allertato lo Special Rapporteur delle Nazioni Unite sui Difensori dei Diritti Umani e l'organizzazione FrontLine, che difende gli attivisti nel mondo".



Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Juno, l’elefante col cancro curato con l’elettrochemioterapia

Luigi Aurisicchio, presidente di Vitares, ci racconta un’esperienza veramente particolare. Nel 2017 ha partecipato a una spedizione scientifica in California, allo zoo di El Paso, con lo scopo di curare...

Erika Salvatori - avatar Erika Salvatori

A Bari nasce il CRM, Centro Regionale del mare, l’eccellenza dei nuovi laborator…

Lunedì 7 ottobre l’inaugurazione alla presenza delle cariche istituzionali della Regione e della Città  

BARI -  

 L’Arpa, Agenzia Regionale per la Prevenzione e la Protezione Ambientale di Bari, si pone...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]ews.it