Venerdì, 27 Gennaio 2012 20:08

La memoria: Grüne Rose

Scritto da Alba Montori
Rate this item
(0 votes)

ROMA - Grüne Rose è il cortometraggio di Dario Picciau e Roberto Malini che ricorda le vittime della persecuzione attuata dai nazifascisti contro gli omosessuali. Patrocinato dall'Ilga, ospite d'onore ai festival internazionali dedicati al cinema per i diritti umani o agli eventi LGBT, quest'opera è un simbolo della tragedia che colpì migliaia di cittadini innocenti, repressi, imprigionati, castrati, soggetti ad orribili esperimenti clinici solo perché erano omosessuali.



Roma, 27 gennaio 2012. "Qual è il più grande servizio che la conoscenza della storia ci può fornire? Quello di metterci sull'avviso. I nazisti hanno voluto uccidere gli ebrei semplicemente perché essi erano ebrei, gli zingari perché erano zingari e gli omosessuali perché erano omosessuali: venivano tutti visti come dei devianti che dovevano essere eliminati. In ciò consisté la soluzione finale". "Bisogna ricordare che insieme ai sei milioni di ebrei, sono morti anche centinaia di migliaia di zingari, di omosessuali, di intellettuali e anche di oppositori politici del regime nazista, sia religiosi, sia laici. Ci si deve rendere conto di cosa rappresenta la presa di potere di un regime dittatoriale e si deve amare e conservare questa democrazia che con tanta fatica abbiamo riconquistato". "Dovremmo cercare di trarre delle conclusioni da un'esperienza che ha travolto milioni di esseri umani e capire perché si debba conoscere questa storia, nonché quale lezione potremmo avere da questo passato".
Tullia Zevi

Grüne Rose è il cortometraggio che celebra la memoria dell'Olocausto dei "triangoli rosa", lo sterminio degli omosessuali sotto il regime nazista. Le scene del film sono ispirate alle litografie di Richard Grüne(1903-1983), artista tedesco omosessuale arrestato e incarcerato dalle SS (1936), poi deportato nei lager di Sachsenhausen (1937-1940) e Flossenburg (1940-1945).
Nove anni all'inferno, una martirio cui Grune sopravvisse per tramandarci la sua testimonianza umana e artistica.
Sul set di Grüne Rose è nata questa serie di "tableaux vivents", che corrispondono ad altrettante "stazioni" della memoria: un percorso che riconduce alla vicenda di Richard Grüne ed è la tragica allegoria di un pregiudizio che esiste ancora oggi persecuzione, tortura e sterminio.

SITO WEB:                http://www.whitemouse.eu/films.htm#grune-rose

TITOLO ORIGINALE:  Grüne Rose

PRODUZIONE:          Visions – Arcigay Firenze
CONTENUTI:             nazismo, guerra e gay, repressione politica, arte e gay

CATEGORIA:            CORTI
GENERE:                 Drammatico
ANNO:                      2007
NAZIONE:                 Italia
DURATA (min.):         20 (?)
LINGUA ORIGINALE: Italiano
FORMATO:               35mm Col.

regista:   Dario Picciau

interpreti: Francesco Caci, Enzo Maria Cilento, Angelo Cirfiera, Emanuele Cirfiera, Giovanni Cirfiera, Massimo Muntoni, Paolo Riva, Libero Stelluti

soggetto e sceneggiatura:  Roberto Malini

dir. fotografia:   Roberto Basili, Luca D'Addario

Rosa, come l'inizio del mattino.
In una legnaia persa nel nulla l'odio consumò la più atroce vendetta contro l'amore. Nell'era più oscura e crudele della storia umana, uomini dalle mani di fuoco marchiarono i cuori d'altri uomini con segni di condanna. E l'amore – quando i sicari più spietati conobbero il suo nome – fu braccato, combattuto, privato del suo diritto alla diversità, tormentato e, infine, assassinato. Ma dalle ceneri della follia, ecco il suo spettro e il suo seme (fantasmi e speranze ritornano sempre), rosa come l'inizio del mattino, verdi come germogli.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Juno, l’elefante col cancro curato con l’elettrochemioterapia

Luigi Aurisicchio, presidente di Vitares, ci racconta un’esperienza veramente particolare. Nel 2017 ha partecipato a una spedizione scientifica in California, allo zoo di El Paso, con lo scopo di curare...

Erika Salvatori - avatar Erika Salvatori

A Bari nasce il CRM, Centro Regionale del mare, l’eccellenza dei nuovi laborator…

Lunedì 7 ottobre l’inaugurazione alla presenza delle cariche istituzionali della Regione e della Città  

BARI -  

 L’Arpa, Agenzia Regionale per la Prevenzione e la Protezione Ambientale di Bari, si pone...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]