Martedì, 07 Febbraio 2012 09:13

Internet. Allarme minori. 1 su 3 ha incontri con gente sconosciuta

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA - Da uno studio internazionale  emerge un quadro inquietante sull'uso del computer da parte dei minori. Infatti un ragazzo su tre (31%) tra i 16 e 17 anni ammette di avere avuto incontri, anche intimi, con persone conosciute in rete.

Sono i dati diffusi da Save the Children in occasione della 'Safer Internet Day', la giornata sulla sicurezza sul web che si celebra oggi 7 febbraio. Dati ancora più allarmanti sono quelli che riguardano la pedopornografia: il 78% delle vittime ha meno di 12 anni, il 4% meno di 3-4 anni. Rimuovere un sito pedopornografico richiede in media 719 ore, contro le 3,5/4,5 per i siti dediti ad operazione finanziarie illegali. Da qui l'appello al governo Monti affinchè inserisca la protezione dei minori tra gli obiettivi della cabina di regia dei 5 ministri che dovranno sviluppare l'Italia digitale, e ratifichi la convenzione di Lanzarote per l'introduzione del reato di adescamento online. «Un bambino che utilizza il web privo degli strumenti per capire e gestire un mezzo che ha molte potenzialità ma altrettanti rischi, è un bambino che è potenzialmente sottoposto a rischio di abuso. I fatti di cronaca sono densi di episodi lo attestano», afferma Valerio Neri Direttore Generale di Save the Children Italia. «Può apparire banale che il 32% di teenager dia il suo numero di cellulare a qualcuno conosciuto online, ma questo implica che potenzialmente il rapporto virtuale possa proseguire off line. Non a caso 10,5% di ragazzi tra i 12 e i 13 anni si da appuntamento con una persona incontrata in rete, percentuale che cresce fino al 31 % fra i 16 e i 17 anni. E ben il 6,5% dei primi e 16% dei secondi invia video e immagini di sè nudi».

«Oggi, a 7 anni dall'istituzione del Safer Internet Day, non basta scandalizzarsi di fronte a questi dati - continua Valerio Neri - La sensibilizzazione dei ragazzi per un utilizzo consapevole dei nuovi media va incrementata, e i genitori non possono essere lasciati da soli di fronte a questo compito. È il paese nel suo insieme che li deve affiancare e specialmente la scuola inserendo nel curriculum degli studi la media education; ma anche le aziende produttrici dei servizi dovrebbero fare di più: per esempio dar vita a 'valutazioni di impatto sui rischi per i più giovani quando progettano nuovi strumenti tecnologici». «E dal web passa anche una delle piaghe più lesive dei diritti dei bambini: l'abuso online, drammaticamente esteso, di cui vediamo - grazie alle indagini - solo la punta di un iceberg. Agghiaccianti i dati sulle vittime, sempre più piccole. Secondo studi internazionali  nel 78% dei casi hanno meno di 12 anni, il 4% meno di 3-4 anni. Nella gran parte dei casi, le immagini che scorrono sul web sono di effettive violenze consumate da adulti sui minori. Si tratta di immagini nell'78% dei casi fatte circolare in contesti non commerciali, mentre un 22% è destinato la »mercato« commerciale.» «Eppure, rimuovere i siti pedoponografici, è ancora oggi difficilissimo: un recente studio dell'Università di Cambridge  ha messo in evidenza come la rimozione dei siti dediti ad operazioni bancarie illegali abbia richiesto una media di 3,5/4,5 ore, mentre il tempo medio necessario per la rimozione di siti pedopornografici sia stato di 719 ore. È assurdo pensare che una transazione finanziaria illecita sia considerata oggi più  urgente  che una violenza perpetrata su un bambino.

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

La pandemia crea meta-arte

La pandemia crea meta-arte

L’ 8 settembre 1981, una tra le voci più singolari dell’arte italiana contemporanea, Mari Lai (1919-2013) realizzò, per il Comune di Ulassai, un monumento ai caduti.  In realtà, l’artista decise...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Più volte, nel corso della storia, l’umanità ha temuto per la propria sopravvivenza. Il grido “E’ la fine del mondo” è risuonato ogni volta che eventi inspiegabili hanno sorpreso i...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]