Venerdì, 24 Febbraio 2012 07:58

India. I due pescatori si chiamavano Ajesh e Jalastein

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA - Si chiamavano Ajesh Binki (25) e Jalastein (45). Erano umili pescatori indiani. Sono stati uccisi da colpi d'arma da fuoco partiti dalla petroliera Enrica Lexie.

Finora non abbiamo letto una sola parola di cordoglio per la loro assurda morte né un'invocazione affinché sia fatta giustizia. Erano "solo poveri pescatori" e la loro tragedia - per politici e media - non è che un "incidente diplomatico". Un "contenzioso". Una questione di "politica" e "diplomazia". In che tempi viviamo?

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Feltrinelli.“Gli inganni di Pandora” di Eva Cantarella. Recensione

L’origine delle discriminazioni di genere nella Grecia antica.

Alessandra Rinaldi - avatar Alessandra Rinaldi

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]