Sabato, 10 Marzo 2012 20:00

Decine di giovani "emo" assassinati dalle brigate sciite in Iraq

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

MILANO -  Iraq. Decine di ragazzini che seguivano la moda "emo" sono stati torturati, picchiati e lapidati in Iraq per questa loro scelta che non è solo estetica e musicale (la musica "emo" è un sottogenere del punk), ma anche uno stile di vita, ispirato a un sentimento di malinconia esistenziale.

Additati dai Mullah quali "nemici di Dio" i giovanissimi iracheni sono stati giustiziati nelle strade dalle stesse bande di miliziani sciiti, le "Brigate della rabbia", che perseguitano gay, lesbiche e liberi pensatori. Il Gruppo EveryOne ha inviato una denuncia all'Alto Commissario Onu per i Diritti Umani, al Commissario Ue per i Diritti Umani e alle autorità irachene affinché gli assassini siano arrestati e processati e nel frattempo i giovani "emo" vengano tutelati dalle autorità contro la barbarica caccia all'uomo che i religiosi hanno scatenato contro di loro.

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

unnamed.png

Opinioni

Covid-19: accordo tra Takis e Rottapharm Biotech sullo sviluppo del vaccino

Covid-19: accordo tra Takis e Rottapharm Biotech sullo sviluppo del vaccino

Aurisicchio Ad Takis: “Un’opportunità sinergica e nuovi stimoli”. Lucio Rovati, Presidente e Direttore Scientifico di Rottapharm Biotech; “non solo i capitali per la prima fase di sperimentazione, ma soprattutto il...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Dalla Casa di Cura Giovanni XXIII Monastier di Treviso l’innovazione per contr…

Dalla Casa di Cura Giovanni XXIII Monastier di Treviso l’innovazione per contrastare il Covid-19

Nei laboratori arrivano nuovi strumenti per il controllo e il monitoraggio del Coronavirus 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]