Cinquanta Giorni da Orsacchiotto

RAVENNA - Dal 1992 e fino a qualche tempo fa, prima della “bancarotta” dell’Euro e della “recessione tecnica” italiana, per intenderci, la discussione pubblica contro i presunti privilegi fiscali di cui gode la Chiesa cattolica, avveniva almeno due volte l’anno,  tanto che ci si poteva rimettere l’orologio: a fine Maggio, con il saldo e a fine Novembre, in sede di acconto.

RAVENNA - E' già qualche anno che, resistendo al “ricatto”, tutto cattolico, del rimorso di coscienza, ho smesso di partecipare ai vari: “Telethon”; 30, 300, 3000 “Ore per la Vita” o, ancora, alle centinaia di raccolte fondi, quasi sempre a mezzo trasmissione di SMS, per aiutare le vittime delle più immani catastrofi; della fame nel mondo; delle malattie più smaliziate, sconosciute ed esclusive (nel senso della rarità) ovvero, di tutte le emergenze che ormai si moltiplicano in quest’Italia senza presìdi né programmazione o “previdenza sociale”.

RAVENNA - Almeno da parte mia, non v’è alcun dubbio: “Nella vita è tutta una questione di c..o!”.

RAVENNA - Com’è giusto che sia, ciascuno di noi ha i suoi punti di riferimento con cui, di volta in volta, cerca di comprendere la realtà e di farsi un’opinione degli accadimenti del mondo.

RAVENNA - Ho visto, al mio primo giorno di lavoro, donne fatte e giovanette togliersi la “vera”  dall’anulare sinistro, prima di entrare in fabbrica, per celare il proprio stato civile agli onnipresenti occhi delle spie padronali. Il ministro del lavoro Brodolini, ex segretario della Fillea, anche se sconosciuto alla Bignardi, aveva già provveduto a promuovere quel “malfamato” Statuto dei Lavoratori “sulla tutela della libertà e dignità dei lavoratori” eppure, le nostre donne - ancora nel ’74 - non si fidavano, non avevano preso le misure all’articolo 18 e, fondamentalmente, avevano paura di essere licenziate.

Se (finalmente) davvero tocca a una donna: scegliamola tutti!

RAVENNA - Come da copione, non appena giunto sotto la soglia dei 315 voti, il presidente della Repubblica - giocando tra il detto e il malinteso - è riuscito a farsi rassegnare le dimissioni da un intorpidito signor B. che, più suonato di un pugile suonato, dimentico della sua più che solida maggioranza in Senato; con le sue aziende “sotto botta” in borsa; si è fatto si da parte ma, sfruttando la foja dell’opposizione multicolore a Montecitorio, è riuscito a farsi approvare una finanziaria (patto di stabilità) “lacrime e sangue” in sole 48 ore con, addirittura, il sovrapprezzo del voto favorevole degli 80 deputati terzopolari, sacrificatisi per paura che il cavajere si ritrovasse, sabato 12, con più voti dei 308 “conquistati” l’8 novembre.

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

Libri. “Note a margine”, una porta schiusa sulla scuola

Libri. “Note a margine”, una porta schiusa sulla scuola

Note a margine non è un romanzo, né una semplice raccolta di racconti. Non è un testo soltanto narrativo o espressivo, informativo o descrittivo.

Anna Trattelli - avatar Anna Trattelli

Takis ed Evvivax, insieme per sviluppare un vaccino contro il Coronavirus

Takis ed Evvivax, insieme per sviluppare  un vaccino contro il Coronavirus

Takis ed Evvivax, due aziende di Biotecnologie presenti nel parco scientifico di Castel Romano, Roma hanno annunciato il loro impegno per lo sviluppo di vaccini innovativi contro il 2019-nCoV, il...

Erika Salvatori - avatar Erika Salvatori

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]