ROMA - Dopo la conferma dell'UNHCR secondo cui i 611 profughi (molti dei quali eritrei) sono stati liberati dai predoni del Sinai senza riscatto*, il Gruppo EveryOne ha chiesto che i migranti già vittime dei predoni, che attualmente si trovano in un campo profughi in Israele, vengano tutelati nel loro diritto alla protezione internazionale.

ROMA - L'UNHCR conferma che 611 profughi eritrei sono stati liberati dai predoni del Sinai senza riscatto* che e attualmente si trovano in Israele.

Il Gruppo EveryOne accoglie con favore la decisione dell'Unar e ringrazia Fabio, che ha segnalato il caso e promosso l'azione civile, e la dottoressa Miruna Cajvaneanu, che l'ha condotta con straordinaria determinazione. Monnanni: "Il diritto di satira non puo' trasformarsi in esercizio esclusivo quotidiano e arbitrario di criminalizzazione di intere etnie o comunita' nazionali"

ROMA - “E’ di questa mattina la conferma, che ci giunge direttamente da Arish (Governatorato del Sinai del Nord, Egitto), che ben 611 profughi prigionieri dei trafficanti nel Sinai del Nord sono stati liberati lo scorso 9 novembre e sono ora in salvo in territorio israeliano”.

ROMA - A che cosa servono le azioni dei difensori dei diritti umani? A che cosa servono azioni e campagne, rapporti e denunce, contatti con le istituzioni e i media, nel corso di tali operazioni? A volte, purtroppo, non sono sufficienti ad evitare tragedie umanitarie né a salvare vite umane.

ROMA -  Il Gruppo EveryOne supporta l'appello urgente promosso dall'ICER. La richiesta di un intervento immediato a tutela dei quattro esponenti della cultura e dell'attivismo umanitario in Eritrea viene estesa allo Special Rapporteur Onu sulla condizione dei difensori dei diritti umani, al Commissario europeo per i diritti umani, all'European External Actions Server a alle ong internazionali che tutelano la libertà di espressione e gli attivisti nel mondo.

ROMA -  Zainab al-Hosni aveva solo 18 anni. Siriana, attivista per i diritti umani, è stata arrestata dalle autorità per indurre il fratello, Mohammad Deeb al-Hosni, a consegnarsi di propria volontà alle milizie di Bashar Al-Assad. Dopo averla imprigionata, le autorità hanno proposto uno scambio tra fratelli.

COMO -  Il Gruppo EveryOne ha ricevuto oggi una comunicazione da parte del Sindaco di Como, Stefano Bruni, in relazione al progetto - presentato al Comune di Como proprio da EveryOne - di intitolare una via cittadina all'eroe della Shoah e Giusto fra le Nazioni Giorgio Perlasca, nato a Como il 31 gennaio 1910.

ROMA -  Sottoscriviamo completamente l'appello di Mikis Theodorakis, grande intellettuale e artista greco, che avvisa i cittadini dell'Unione europea affinché si guardino dal pericolo del potere della finanza, che utilizzando un linguaggio ispirato a quello civile della democrazia, ne capovolge i valori primari, sottomettendo a perverse manovre economiche e politiche i diritti civili, gli ìdeali di uguaglianza e solidarietà, ma soprattutto le conquiste effettuate nella Storia dai popoli in termini di libertà.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Arte. Il “Cencio” di Milo Manara e la Madre di Dio sotto il cielo di Siena

SIENA - Il grande filosofo Friedrich Nietzsche sosteneva che ogni verità è curva e Milo Manara l'artista che ha dipinto il Palio dedicato alla Madonna Assunta in cielo del 16...

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]