Martedì, 07 Aprile 2015 17:35

ActionAid, lotta alla povertà

L’Italia crei la cornice politica per aderire alla partnership globale Post-2015 richiesta dalle Nazioni Unite

Published in Diritti Umani

ROMA - La punta dell’iceberg della situazione di disagio in cui si trovano circa un quarto delle famiglie italiane sonodi 4.068.250 di poveri che in Italia sono stati addirittura costretti a chiedere aiuto per il cibo da mangiare.

Published in Società

ROMA - Sono una cartina tornasole drammatica i dati snocciolati oggi dal rapporto della Caritas Europa.

Published in Economia

ROMA - "A Roma il 4% della popolazione (pari a 114.819 cittadini) vive sotto la soglia di povertà, mentre il 7% (200.934 cittadini) mangia in maniera adeguata solo ogni due giorni. Eppure nella Capitale ogni giorno vengono sprecate 20 tonnellate di pane, circa il 10% della produzione totale". Lo dicono le Acli (Associazioni cristiane lavoratori italiani). Per questo ampliano a Roma il progetto ''Il pane a chi serve'', che "recupera il pane del giorno prima'' ancora buono, ma destinato allo spreco e lo mette a disposizione, grazie al quotidiano lavoro di matching degli operatori delle Acli di Roma, di tutte le associazioni e reti di solidarietà che si occupano di contrasto delle povertà. Il progetto raccoglie e ridistribuisce a regime circa 1 tonnellata di pane a settimana con il coinvolgimento di 15 panifici. Oltre 60 le associazioni di solidarietà che beneficiano di questa iniziativa". Il progetto viene rilanciato quest'anno in occasione della Giornata dedicata alla prevenzione dello spreco alimentare in Italia che si tiene domani e candidato a Expo 2015 nella sezione relativa alle buone pratiche sociali. All'estensione territoriale del progetto si accompagna il lancio del nuovo sito (www.ilpaneachiserve.it) che "geolocalizza e valorizza la rete di associazioni e esercenti coinvolti".

"La nostra rete solidale a km 0 punta sui legami di prossimità - commenta Lidia Borzì, Presidente delle Acli di Roma- e si rafforza grazie alla partnership con 4 municipi, I, III VII e X, e attraverso sinergie sempre più forti con le associazioni di categoria". Il progetto, prosegue Borzì, "sviluppa contemporaneamente 3 finalità: fronteggiare lo spreco per contrastare le povertà cogliere la sfida del recupero e rafforzare i legami per combattere lo sfaldamento sociale", ed ha tra gli obiettivi anche quello di "progettare un''applicazione per device mobili che permetta di prenotare il pane di resa in tempo reale e facilitare così lo scambio e lanciamo oggi un video che spiega il funzionamento del progetto", spiega la presidente. Il progetto, che è "uno dei vincitori del bando della Regione Lazio ''Un taglio alle povertà”, è un'occasione per promuovere una cultura contro lo spreco con un forte approccio concreto, culturale ed educativo", conclude Borzi''. (Dire)

Published in Società

Oltre 1000 organizzazioni, tra cui Save the Children e GCAP, lanciano una delle più grandi campagne per fermare povertà, cambiamenti climatici e disuguaglianze. Anche il premio Nobel  per la Pace Malala tra i sostenitori

Published in Società
Domenica, 28 Dicembre 2014 16:49

Parola d'ordine per il 2015. Abolire la miseria

ROMA - Prendo a prestito il titolo di un famoso pamphlet di Ernesto Rossi per illustrarvi la vera sfida dei prossimi tempi (almeno, la nostra) e per commentare l’intervista di Enrico Giovannini al Fatto Quotidiano in edicola: «Ridurre la povertà? Costava come gli 80 euro». 

Published in Il punto

ROMA - Tra il 2007 e il 2013, il numero di italiani che vivono sotto la soglia di povertà assoluta è più che raddoppiato. Il nostro Governo continua a non fare abbastanza, ma una soluzione ci sarebbe: si chiama REIS, Reddito d’Inclusione Sociale.

Published in Società

Le famiglie con un reddito principale da lavoro autonomo presentano un rischio povertà quasi doppio rispetto a quello delle famiglie di lavoratori dipendenti

Published in Lavoro

MILANO - Cresce ancora il numero degli italiani in situazione di difficoltà che si rivolgono ai centri d'ascolto Caritas. Dal 2008 (con l'inizio della crisi) al 2013 l'incremento è stato del 23,5% : «Se fino a pochi anni fa gli italiani erano attorno al 25 per cento di chi chiede il nostro aiuto, ora siamo a una percentuale superiore al 30», commenta don Roberto Davanzo, direttore di Caritas Ambrosiana. Davanzo parla alla presentazione del Rapporto sulle povertà della diocesi di Milano, presentato questa mattina nella sede dell'ente in via san Bernardino.

Published in Società

ROMA - Nel 2013, il 28,4% delle persone residenti in Italia è a rischio di povertà o esclusione sociale, secondo la definizione adottata nell'ambito della strategia Europa 2020. Lo comunica l'Istat.

Published in Società

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Feltrinelli.“Gli inganni di Pandora” di Eva Cantarella. Recensione

L’origine delle discriminazioni di genere nella Grecia antica.

Alessandra Rinaldi - avatar Alessandra Rinaldi

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]