TRIPOLI  - Due persone che si trovavano all'interno di un'auto sono morte a Tripoli nell'esplosione della vettura, avvenuta vicino all'ambasciata italiana.

Published in Mondo
Mercoledì, 06 Aprile 2016 09:49

Il governo di Tripoli si scioglie

TRIPOLI - È stato annunciato il 5 aprile con una dichiarazione scritta. L’obiettivo è lasciare spazio al nuovo esecutivo di unità nazionale della Libia guidato da Fayez al Sarraj, arrivato in città una settimana fa, e prevenire lo scoppio di nuove violenze.

Published in Mondo

ROMA - “La notizia diffusa stamane da fonti libiche circa la presenza ieri di tre navi italiane nelle acque territoriali libiche è falsa". Lo afferma una nota del ministero della Difesa replicando al governo di Tobruk. "Tutte le navi militari italiane presenti nel Mediterraneo operano in acque internazionali rispettando i limiti stabiliti dai trattati", conclude la Difesa. La nota diffusa dal ministero segue appunto la notizia della ferma condanna del governo libico di Tobruk, relativo all’ingresso di ieri di tre navi da guerra italiane nei pressi delle coste di Bengasi, a Daryana, circa 55 km a est della città.

Il governo libico "non esiterà a ricorrere a tutti i mezzi che gli consentano di proteggere le sue frontiere e la sua sovranità territoriale". Tobruk invita dunque l'Italia "a rispettare i trattati firmati tra i due Paesi" e bolla "l'ingresso delle navi italiane come un atto contrario a tutti gli accordi internazionali ratificati dall'Onu".  L'aviazione libica intanto ha fatto decollare nella tarda serata di ieri i suoi caccia militari per "monitorare l'attività delle navi da guerra italiane": lo afferma il capo di Stato maggiore libico, Saqr Geroushi, citato dai media locali.

 "I caccia hanno sorvolato a bassa quota ieri le tre navi militari italiane, in segno di avvertimento dopo che erano entrate nelle acque territoriali", ha precisato il capo dell'aviazione libica.    "Le navi da guerra - ha aggiunto Geroushi - si sono avvicinate alla costa nei pressi di Daryana e poi si sono dirette verso quelle di Derna".Infine, ha precisato, "sono uscite dalle acque territoriali libiche". 

Devastato cimitero italiano a Tripoli

Nel frattempo arriva la notizia della devastazione del cimitero cattolico italiano di Tripoli 'Hammangi’.  A comunicarlo Giovanna Ortu, la presidente dell'Associazione italiana rimpatriati dalla Libia (Airl)

"Grazie a Dio non abbiamo bisogno di tombe materiali per pregare in ricordo di quei morti, e ci piace

ricordare la lunga tradizione di rispetto fra le diverse religioni che ha caratterizzato la nostra vita laggiù. La

preoccupazione per i vivi libici in pericolo a causa della  lunga guerra fratricida che ha dato spazio a presenze

inquietanti prevale sull'accorata preghiera per i nostri cari defunti”.  Queste  le parole di Giovanna Ortu e di Giancarlo Consolandi, presidente dell'Exlali, Associazione alunni scuole cristiane di Tripoli. Secondo le ultime informazioni disponibili, nel cimitero cattolico di Tripoli riposano i resti di circa 8000 italiani.

Published in Mondo

LONDRA - Il governo islamista che controlla Tripoli e la Tripolitania ad ovest, che ospita i porti da cui partono i barconi di disperati che tentano di attraversare il Mediterraneo, non intende in alcun modo e sotto qualsiasi forma accettare l'eventuale intervento militare che l'Ue si appresta ad effettuare in Libia per bloccare lo trunami di migranti che dalle sue coste parte alla volta dell'Europa.

Published in Mondo

TRIPOLI - Omar Hassi, il premier dell'autoproclamato governo di Tripoli, si e' rifiutato di rassegnare le dimissioni dopo essere stato sfiduciato dal locale Parlamento.

Published in Mondo

 

 

TRIPOLI —  Dopo un violento conflitto a fuoco le milizie di Ansar al Sharia di Bengasi sono riuscite  a occupare la caserma delle forze di al Saiqa fedeli al generale in pensione Khalifa Haftar nel centro della città.

Published in Mondo

TRIPOLI - Ormai in Libia è guerra civile. Il bilancio degli scontri a Tripoli tra fazioni rivali sale in sole due settimane a 97 morti e 400 feriti. Insomma la Libia sembra avviarsi a seguire le orme della Somalia come prossimo stato fallito.

Published in Mondo

TRIPOLI - Ormai è guerra tra i paramilitari di Khalifa Haftar, un ex generale in pensione, e le milizie integraliste islamiche. Ll’ultimo bilancio dopo i primi scontri a Bengasi  è di almeno 79 morti e 141  feriti.

Published in Mondo

TRIPOLI - Il  Libya Herald riferisce che  un tecnico italiano, malato di diabete, sarebbe stato rapito vicino a Tobruk. Si tratta di Gianluca Salviato, 48 anni, tecnico della società di costruzione 'Enrico Ravanelli, impegnata in un progetto in Cirenaica.

Published in Mondo

TRIPOLI – Ancora atti di violenza nella capitale libica alla vigilia del referendum popolare per la stesura della nuova costituzione. Un gruppo armato ha circondato per diverse ore la sede del ministero degli esteri prima dell’intervento dell’esercito. Per fortuna gli scontri non hanno provocato vittime.

Published in Mondo
Pagina 1 di 4

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Arte. Il “Cencio” di Milo Manara e la Madre di Dio sotto il cielo di Siena

SIENA - Il grande filosofo Friedrich Nietzsche sosteneva che ogni verità è curva e Milo Manara l'artista che ha dipinto il Palio dedicato alla Madonna Assunta in cielo del 16...

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]