Sabato, 21 Aprile 2012 08:31

Pakistan. Precipita aereo

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ISLAMABAD  - Circa 74 vittime del disastro aereo di ieri sera in Pakistan sono state finora identificate.

Lo riferisce oggi la tv Samaa. A bordo del Boeing-737 della compagnia aerea privata Bhoja Air, che si è schiantato nei pressi dell'aeroporto di Islamabad, c'erano 127 persone, tra cui sei membri di equipaggio, tutte di nazionalità pachistana e tutte morte nella sciagura. C'è ancora confusione sul bilancio delle vittime. Ieri era stato riferito di 130 persone a bordo. Trattandosi di un volo inaugurale è probabile che a Karachi si fossero imbarcati anche dei funzionari della compagnia non compresi nella lista dei passeggeri. Intanto le autorità pachistane hanno impedito al proprietario, Farook Bhoja, di lasciare il Paese in attesa che si faccia luce sulle cause dell'incidente avvenuto durante un forte temporale. Secondo alcuni testimoni, il velivolo si è incendiato prima di precipitare al suolo. Per facilitare il riconoscimento delle vittime, un aereo della compagnia nazionale di bandiera Pia è partito stamane da Karachi con a bordo i familiari delle vittime, come ha riferito un portavoce.

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

labo.jpg

Cerca nel sito

WEB_300X300.jpg

Opinioni

Il nuovo Rinascimento parte dalla Scienza

ROMA - “La scienza ha consentito di superare la crisi del periodo post bellico, promuovendo con le sue ricerche lo sviluppo industriale. L’Italia in dieci anni è passata da Paese...

Luigi Campanella - avatar Luigi Campanella

Coaching: cosa è e a chi è utile

Liberare le potenzialità di una persona perché riesca a portare al massimo il suo rendimento; aiutarla ad apprendere piuttosto che limitarsi ad impartirle insegnamenti. ( Whitmore, 2006 ) 

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077