Mercoledì, 01 Giugno 2016 11:05

Bus in fiamme a Roma: panico a bordo

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA - Momenti di panico a bordo del bus della linea 495 che stamattina ha preso fuoco intorno alle 8 su Corso d'Italia a Roma.

Lacrime tra i passeggeri che affollavano il mezzo pubblico in un orario di punta e che, scesi in tempo, lo hanno visto in pochi istanti avvolto dalle fiamme. "Avevamo sentito puzza di bruciato poco prima" avrebbe detto qualcuno ai soccorritori. "E' stata una tragedia sfiorata. Se fosse accaduto in galleria le conseguenze sarebbero state ben più gravi" avrebbero ripetuto altri mentre telefonavano ai familiari per rassicurarli. Il primo intervento di soccorso è stato effettuato da una pattuglia di carabinieri in borghese Reparto operativo di Roma, in transito sulla corsia opposta. I militari hanno aiutato i passeggeri e messo in sicurezza l'area evitando che, in caso di un'esplosione, potessero rimanere coinvolti auto e moto di passaggio. Non è la prima volta che gli autobus romani sono protagonisti di episodi simili. Tra gli ultimi a inizio maggio un autobus notturno ha preso fuoco su via Casilina, fortunatamente senza provocare feriti.

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

labo.jpg

Cerca nel sito

Opinioni

Il corpo parla e può anche tradirci

Dal fondo della piazza non era possibile vedere bene la faccia di Mussolini affacciato al balcone di piazza Venezia durante le adunate oceaniche organizzate dal regime. Ma nei cinegiornali dell’epoca...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Così il cinema italiano ha raccontato l’Italia

Più di un  secolo di storia nazionale  in dodici indimenticabili  film  d’autore  Negli ultimi cento anni, il rapporto degli italiani con la politica, salvo lodevoli eccezioni come la guerra partigiana...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077