Giovedì, 15 Settembre 2016 09:35

Libia: miliziani Stato islamico avvistati a sud di Sirte

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

TRIPOLI - Una colonna di uomini e mezzi dello Stato islamico e' stata avvistata nella notte lungo una strada che porta verso Sirte.

I terroristi si trovavano all'altezza della zona di Wadi Jaraf, secondo quanto riferiscono testimoni oculari al sito informativo libico "al Wasat", ed erano diretti verso il centro di Sirte dove da settimane un gruppo di terroristi e' ancora asserragliato e circondato dalle milizie di Misurata, fedeli al governo di riconciliazione nazionale libico di Tripoli. Altri testimoni hanno visto uomini dello Stato islamico a Ben Giauad, vicino al villaggio di al Nawafilia, nei pressi della zona nella quale in passato si concentravano i jihadisti al di fuori di Sirte. Secondo "Libya24tv" ci sarebbero stato degli scontri che avrebbero provocato almeno quattro feriti nella zona di Wadi Jaraf. Sia le Brigate di Difesa di Bengasi, gruppo armato formato da islamisti ed ex rivoluzionari anti-Gheddafi, che le forze dell'operazione militare Bunial al Marsus, guidate dalle milizie di Misurata fedeli al governo di Tripoli, hanno annunciato di aver subito dei feriti nell'area.

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

labo.jpg

Cerca nel sito

Opinioni

Il corpo parla e può anche tradirci

Dal fondo della piazza non era possibile vedere bene la faccia di Mussolini affacciato al balcone di piazza Venezia durante le adunate oceaniche organizzate dal regime. Ma nei cinegiornali dell’epoca...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Così il cinema italiano ha raccontato l’Italia

Più di un  secolo di storia nazionale  in dodici indimenticabili  film  d’autore  Negli ultimi cento anni, il rapporto degli italiani con la politica, salvo lodevoli eccezioni come la guerra partigiana...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077