Giovedì, 23 Febbraio 2017 14:39

Sciopero Alitalia: Lombardi (M5s): "management incapace"

Scritto da
Rate this item
(1 Vote)

ROMA  - Nella storia ormai ventennale della crisi dell'Alitalia "due sono le costanti: un management incapace di valorizzare un'azienda che dovrebbe essere il biglietto da visita dell'Italia e i miliardi di euro di soldi pubblici buttati".

Lo ha detto la deputata M5s Roberta Lombardi ai dipendenti della compagnia che protestavano a Fiumicino. "Dal 2009 al 2014 tra ammortizzatori, fondo speciale, contributi per le riassunzioni del jobs act, corsi di formazione che servivano a formare i dipendenti che venivano formati a fare lo stesso lavoro per il quale erano stati licenziati, sono stati spesi piu' o meno 10 miliardi di euro di soldi pubblici" calcola la deputata romana che continua: "quanto ci e' costata questa privatizzazione? A livello di risparmi nulla, ci e' costata solo in termini di privatizzazione dei diritti dei lavoratori. Quindi che ci sia una ripubblicizzazione o una privatizzazione, una certezza ci deve essere: mai piu' sprechi e questi manager incapaci vadano a casa".

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

labo.jpg

Cerca nel sito

300x300.gif

300x300_canaletto_2.jpg

 

 

300x300.gif

Opinioni

La chimica è ovunque. E resiste anche alla crisi

La filiera chimica, con il motore della ricerca e dello sviluppo perennemente acceso, non trasferisce solo prodotti ma anche tecnologia e innovazione, aumentando la competitività dei settori a cui sono...

Luigi Campanella - avatar Luigi Campanella

Cambia il clima e l’alimentazione. Ecco cosa mangeremo nel futuro

Il clima sta mutando. La Terra si fa sempre più affollata. E con una popolazione globale che supererà i nove miliardi e mezzo di esseri umani entro il 2050, anche...

Luigi Campanella - avatar Luigi Campanella

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077