Sabato, 11 Marzo 2017 10:25

Usa, ingrassava a dismisura, le asportano un tumore di 80 chili

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

NEW YORK -  Da quindici anni continuava ad ingrassare, malgrado una dieta, poi una trombosi ad una gamba ha imposto esami accurati e una risonanza magnetica ha rivelato che oltre un terzo del suo peso era costituito da un enorme tumore ovarico, ora rimosso.

Operata lo scorso novembre, la signora Mary Clancey di Allentown (Pennsylvania) da 165 chilogrammi ora è passata a circa 85 chili: tra tumore e tessuti connessi, le hanno asportato una massa equivalente a 81 chilogrammi. L'incredibile vicenda circola da giorni sui media Usa, con interviste alla 71enne rinata dopo lunghi anni di inspiegabile aumento del peso. La neoformazione era stata scambiata per un accumulo adiposo e ignorata dopo i primi controlli. Peraltro non le causava dolori: "Si era fatto spazio comodamente", ha raccontato la donna. Clancey dopo anni, però, non riusciva quasi più a camminare. L'intervento per l'asportazione dell'enorme tumore - durato cinque ore - è stato effettuato su due lettini operatori affiancati, in modo da gestire "la materia" senza spostamenti traumatici.  

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

labo.jpg

Cerca nel sito

WEB_300X300.jpg

Opinioni

Restauro: intervenire sulla pietra rispettando le patine

E’ opportuno nelle nostre città ripulire ripetutamente le facciate dei palazzi ed i monumenti? La domanda sembrerebbe soggetta ad una ovvia risposta ma così non è. Ogni città ha un...

Luigi Campanella - avatar Luigi Campanella

Acqua, una risorsa preziosa di idrogeno

L’acqua è praticamente la componente principale di molti alimenti nonché dell’ambiente e del corpo umano. Se si riflette al fatto che essa non fornisce calorie quando assunta, si capisce come...

Luigi Campanella - avatar Luigi Campanella

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077