Amerigo Rivieccio

Amerigo Rivieccio

Laureato in Economia Aziendale ed abilitato all'esercizio della professione di Promotore finanziario; dal 2001 sono contabile alla Camera dei deputati. Prima di approdare a Montecitorio sono stato ragioniere:
alla Presidenza del Consiglio; al Comune di Napoli; in una cava di inerti.
Ma sono stato anche Funzionario dell'Unione europea e arbitro nazionale di pallacanestro.

ROMA - Era qualche mese che i riflettori preoccupati allarmisti si erano spostati dal nostro paese. Il risultato odierno delle aste dei titoli di stato emessi dal Belpaese ci rimette però nell’occhio del ciclone.

Il rapporto annuale dell’INPS, presentato stamattina a Montecitorio, disegna una Italia che sta cambiando decisamente in peggio

L’INPS ha diffuso alla fine del mese di marzo i dati relativi al coefficiente di rivalutazione per i montanti contributivi.

ROMA - Il sistema di calcolo contributivo delle pensioni oltre ad essere stato il grimaldello utilizzato per assaltare le pensioni di tutti i lavoratori italiani ha alcuni difetti insiti nella propria modalità di funzionamento che sono strutturali e su cui occorrerebbe intervenire normativamente.

ROMA - "L'Italia con le misure gia' adottate riuscira' a raggiungere il pareggio di bilancio nel prossimo anno". Lo ha detto il commissario della Unione Europea con delega  agli Affari monetari Olli Rehn presentando oggi le previsioni economiche della Commissione europea per il 2012-2013 rispondendo alle domande dei giornalisti.

ROMA - Continua la ovvia discesa dei consumi nel nostro Paese. Oggi l’Istat ha diffuso i dati sulle vendite al dettaglio che a gennaio fanno segnare una piccola risalita dopo due mesi consecutivi di tracollo con un più 0,7 per cento sul mese precedente.

Giovedì, 22 Marzo 2012 14:28

I figli dell’articolo 18

ROMA - Se vi state chiedendo a cosa serva, in fondo, questo celebre Articolo 18 allora vi racconto una storia.

ROMA - Dati da record, ovviamente negativo, quelli resi noti oggi dall’Istat nella statistica riguardante contratti ne retribuzioni.

ROMA - Crollano le nuove pensioni nei primi 11 mesi del 2011, facendo registrare addirittura un meno 29,5 per cento rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. A far registrare il calo maggiore sono state le pensioni di vecchiaia, che prevedevano una eta' anagrafica di 65 anni per gli uomini e di 60 le donne secondo le norme vigenti fino al 2011, età però che diveniva 66 e 61 con la finestra mobile.

ROMA - E’ stato oggi reso pubblico l’Annuario statistico italiano 2011 dell’Istat.

Cerca nel sito

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077