VENEZIA (nostro inviato) Nella Gotham City del 1981, dove la spazzatura invade le strade e c’è un diffuso senso d’insicurezza,  cresce un malessere sociale che sviluppa odio negli emarginati.

Il tiro al piccione, non in senso figurato, ma con piccioni vivi a far da bersaglio alle doppiette degli appassionati (durante il fascismo c’era perfino una “Coppa Edda Ciano” intitolata alla figlia del Duce che richiamava i tiratori più accaniti)  è stato nel tempo sostituito, anche come disciplina  sportiva, dal meno crudele tiro al piattello.

VENEZIA (nostro inviato) Tenuto fuori concorso, suppongo, non certo per mancanza di maestra bensì per la scottante attualità il cui giudizio definitivo è complesso e rischia di scatenare passioni faziose, “Adults in the room” di Costa-Gavras ha riscosso al Lido molto interesse perché tocca un aspetto coinvolgente della contemporaneità.

VENEZIA - Un film che il parmigiano Bernardo Bertolucci ha girato nelle zone di casa: Sabbioneta e in altre limitrofe località della Bassa parmense.

VENEZIA  (nostro inviato) Il “J’accuse” di Roman Polanski, basato sul romanzo di Robert Harris, affida al capo dell’intelligence militare George Piquart (Jean Dujardin) - che indagava sull’ebreo Alfred Dreyfus (Louis Garrel), ingiustamente accusato di tradimento - la ricostruzione di questa vicenda storica.

VENEZIA (nostro inviato) L’atteso film di James Gray con Brad Pitt ,“ Ad Astra”, non ha emozionato la stampa del Lido.  Il protagonista è Roy McBride (Brad Pitt) un figlio astronauta che, decenni dopo la scomparsa nello spazio del padre, va alla ricerca del suo misterioso silenzio.  

VENEZIA - Haifaa al Mansour è la prima donna regista dell’Arabia Aaudita. Oggi è in concorso al Lido con In “A perfect candidate”, la cui protagonista è un medico che esercita con responsabilità il proprio ruolo, nonostante debba lottare ogni giorno contro il pregiudizio diffuso.

VENEZIA - Sabato 7 settembre 2019 

VENEZIA - E’ il primo film interamente girato da Federico Fellini (dopo Luci del varietà firmato l’anno prima in coppia con Alberto Lattuada).

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli amici del teatro erano i nemici del cinema, che lo vedevano, giustamente, come un pericoloso rivale.

Published in Il punto

Cerca nel sito

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]