“Mi sono perso in un luogo comune” di Giuseppe Culicchia, Einaudi 2016, è nella top ten di Amazon tra i saggi più venduti

Published in Letteratura

Quando capisci che l’intero sistema è facilmente controllato, in un modo o nell’altro, da una ristrettissima élite, non avrai bisogno che qualcuno ti spieghi come nascono i periodi di inflazione e deflazione.  James A. Garfield, ventesimo presidente degli Stati Uniti d’America

Published in Il libro

ROMA - Qual è la differenza tra subire e reagire di fronte al più dolente fra gli imprevisti? Il dramma di chi, pur soffrendo, non si rassegna mai. Neanche alla morte. Quanto è bello sognare a occhi aperti, rimettere tutto in discussione: sentimenti, rapporti, l’amore, e non dare nulla per scontato.Non è questo il sale della vita?

Published in Il libro

Da Flaubert a Culicchia: è arrivato il nuovo libro dello scrittore torinese “Mi sono perso in un luogo comune. Dizionario della nostra stupidità”

Published in Il libro

ROMA - All’età di 84 anni è scomparso Umberto Eco, uno dei più grandi intellettuali del nostro tempo, mente straordinaria e poliedrica, raffinata e profonda, in grado di abbracciare la totalità del sapere, oltre che lo spirito della contemporaneità.  Il mondo intero piange oggi questo assoluto protagonista della cultura del XX e XXI secolo.

Published in Il punto

“Beatrix” è uno dei romanzi meno conosciuti di Honoré de Balzac ma, se non ci si stanca delle sue digressioni prolisse anche se bellissime, assolutamente godibile.

Published in Il libro

TORINO - Giuseppe Culicchia  è uno scrittore che vive a Torino. Molti ricorderanno il suo primo romanzo “Tutti giù per terra”, edito da Garzanti e insignito dei prestigiosi premi Montblanc nel 1993,  Grinzane Cavour  Esordienti nel 1995.

Published in Letteratura

Pubblicato per la prima volta nel 1950, terzo romanzo di Yukio Mishima, “Sete d’amore” è pervaso di quello straziante erotismo che caratterizza il grande scrittore giapponese. 

Published in Il libro
Venerdì, 11 Dicembre 2015 07:59

Il colloquio (Parte prima)

Suona il cellulare scassato, dall'altra parte dell'apparecchio c'è una voce di una signora, signorina, dal tono alquanto idiota che propone a Sil un colloquio per il giorno seguente alle ore 12. Sil un po' a malincuore risponde che sarebbe andato ma in realtà non ne aveva nessuna voglia. Passato per il bar per vendere un cinquantino se ne torna a casa a fumare un po' per rilassarsi e a bersi una meritata birra da sessantasei rigorosamente del supermercato.

Published in Falsi Principi

Due racconti nei quali il grande scrittore disserta sul senso dell’arte e sulla fama del presunto artista che non sempre corrisponde al valore reale

Published in Il libro

Cerca nel sito

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]