Martedì, 14 Maggio 2013 13:33

Erica Silvestri a GarageZero

Scritto da

Nello spazio recuperato di GarageZero, a Roma, è possibile visitare dal 17 maggio la Mostra di Erica Silvestri TERRE-MOTI

"Tratteggi di Lotte
Esperienze Collettive a mano libera
... bozzetti di Resistenza
ritratti di Movimento
murales, pennellate di Memoria Nostra
schizzi di Conflitti e profili di Libertà
cercando di raccontare Dignità"

Erica Silvestri, autodidatta, comincia a disegnare da bambina sulle tovaglie di carta a cena in pizzeria e continua, un po' più grande, sui muri di Roma. Per molti anni occupante del centro sociale La Strada situato nel quartiere Garbatella, incontra importanti esperienze di lotta in diverse parti del pianeta. Dal Chiapas all'Egitto, dalla Palestina ai Paesi Baschi e in Italia con i movimenti che hanno sollevato i territori come a Genova 2001 o in Val di Susa.
I suoi disegni raccontano di riferimenti culturali e sociali, di esperienze collettive vissute nel movimento dagli anni 90, di suggestioni e di incontri internazionali, di lotte e rivendicazioni degli uomini e delle donne invisibili e ribelli.
Disegni a penna, a matita, a pennarello, murales e teloni di stoffa dipinti con tempera lavabile a pennello, tavole acriliche su carta e cartone, stencil.

GARAGEZERO nasce nel 2011 dal recupero di locali sotterranei abbandonati da 46 anni, è uno spazio liberato e autogestito destinato alle arti figurative per trasformare attraverso la creatività e la potenza dell'espressione della contemporaneità un territorio, un quartiere.
In un momento in cui le forme artistiche sono state di fatto abbandonate dalle istituzioni, GarageZero si propone come il luogo per riavvicinare l'arte al territorio. Di fatto GarageZero è uno spazio recuperato al degrado, un vecchio garage abbandonato, nel quartiere del Quadraro, che negli anni ha assunto diverse funzionalità: da zona di incontro per adolescenti dove sperimentare le prime pratiche di relazione, a deposito della refurtiva della mala vita, poi dimora di migranti e infine discarica. Successivamente un incendio sembrava avere messo definitivamente fine a questa realtà, ma da quelle ceneri nel 2008 è stata realizzata una palestra popolare attualmente funzionante e nella restante parte si è dato vita, oggi, a una galleria d'arte contemporanea. Un progetto che trae ispirazione dal P.S.1 di New York, un vecchio asilo abbandonato in cui verso l'inizio degli anni settanta una visionaria Alanna Heiss ha dato vita a uno spazio espositivo e uno studio per artisti. Così GarageZero diventa un luogo recuperato al degrado e restituito al territorio, senza nessun controllo statale, il museo diventa pubblico e il cittadino si riappropria dell'arte. Esperimento metropolitano, vuole essere occasione di incontro, di crescita sociale, culturale ed economica, che assume ancora più significato in un momento come questo plagiato da una crisi economica senza precedenti e da amministrazioni inette che hanno deciso di chiudere le porte all'arte. Garage Zero intende dar fiato a tutte quei modelli creativi della capitale per arrivare a strutturare un sistema alternativo ma credibile per l'esposizione artistica, che sia dinamico e aperto, capace di riflettere le contemporaneità e quelle che verranno, fuori dalle logiche del profitto e del mercato convenzionale. Il progetto si propone come mezzo per contribuire al lancio e alla definizione concreta di un vero e proprio piano di sviluppo della cultura nella città di Roma, puntando alla valorizzazione di tutti quei luoghi disseminati nella metropoli che possano ospitare arte e cultura.

Con quest'evento denominato TERRE –MOTI, si vuole aprire un ciclo volto ad approfondire attraverso l'incontro tra immagini, storie, visioni e protagonisti diretti, l'aspetto principale, quello dei conflitti legati al territorio e alla loro capacità di lasciarsi dietro il passato e di trasformare il presente.
La resistenza "dal basso" in atto nelle periferie delle grandi città del mondo, è invisibile, nessuno la porta in scena ma è proprio lì, nei luoghi di disagio sociale e delle marginalità profonde che bisogna cercare i semi del cambiamento e le formule per attuarlo, prendendo spunto dai tanti micro-laboratori di politica partecipata che fanno delle città, dei luoghi quasi sempre sconosciuti, l'eccellenza della mobilitazione, dei nuovi linguaggi e delle espressioni artistiche.
È nelle pratiche quotidiane di resistenza, degli uomini e delle donne senza volto che le attuano in tutto il Pianeta, che si aprono le fratture più importanti del nostro presente, è in questi luoghi ridefiniti e rinominati dai conflitti in cui, insieme alla spoliazione assoluta, quella della capacità di desiderare e di creare prima su tutte, risiede anche la speranza di un mondo diverso.
Nelle profondità, la terra si muove perennemente ma non si percepisce, solo quando esplode con tutta la sua forza allora ce ne accorgiamo!

Dalle 18 in poi presentazione della mostra e del libro di Geraldina Colotti "Talpe a Caracas" a cui parteciperà l'autrice.

A GarageZero è in via Treviri (fermata metro linea A Numidio Quadrato), 00174 Roma

http://www.garagezero.eu/web/

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Terra poesia dei sensi

Ogni angolo di terra è poesia per gli occhi.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

El Mimo

Mimo la protesta colorata di sogni di riscossa

Susi Ciolella - avatar Susi Ciolella

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Speech Art

Quattro voci per una Biennale. Speciale Speech Art Venezia 2019

In occasione dell’ultimo week end di apertura della 58ma Esposizione Internazionale d’Arte – la Biennale di Venezia, ci poniamo alcune domande tentando una veloce analisi del progetto curatoriale di Ralph...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Festival di Cannes

Arriva da Cannes Tesnota (Closeness) del pluripreamiato Kantemir Balagov

E’ oggi sugli schermi italiani il film che a Cannes ha rivelato a Kantemir Balagov, Tesnota (Closeness.) Con uno stile molto personale fatto di silenzi e primi piani, Balagov in...

Bruna Alasia - avatar Bruna Alasia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Musei, Minoranze e Alternative Experts. Le istituzioni museali possono oggi bene…

Durante un simposio tenuto in ottobre da ABC Citta’ a Milano, si è ragionato su come sradicare dai musei i vecchi stereotipi culturali e sfruttare tali istituzioni e il loro...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

"Più libri più liberi". I miei cinque giorni nella “Nuvola della spera…

ROMA - I numeri di "Più libri più liberi" – la Fiera Nazionale della Piccola e Media editoria, organizzata dall'Associazione Italiana Editori (AIE) e ospitata dal Roma convention center - La Nuvola...

Letizia Ghidini - avatar Letizia Ghidini

Sport

Il punto della situazione dopo le prime giornate per il campionato di serie A

Le prime giornate di campionato ci mostrano quali sono state le squadre che si sono comportate meglio, sia per qualità di gioco, sia per capacità di rimonta e di portare...

Redazione - avatar Redazione

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]