Sabato, 07 Settembre 2013 15:19

Venezia 70. Che strano chiamarsi Federico, un film felliniano tra la realtà e il sogno

Scritto da

VENEZIA (nostro inviato) - Dieci minuti di applausi per il Presidente Giorgio Napolitano in Sala Grande a Venezia 70, prima dell’inizio dell’anteprima del film-documentario, di Ettore Scola, fuori concorso alla Mostra del Cinema.

 Che strano chiamarsi Federico  e dieci minuti al termine della proiezione per il celebre regista,tornato dopo dieci anni  di assenza dietro la macchina da presa, per omaggiare Federico Fellini in  occasione del ventennale della morte. (31 Ottobre). C’è stato un grande legame di amicizia tra due maestri del nostro cinema, legati anche dalla comune passione per la pittura.  L’amico Ettore ha voluto farlo rivivere e ricordarlo in un film ironico, vitale, emozionante e molto commovente per tutti, ma soprattutto per coloro, come ha raccontato ieri in conferenza stampa, che l’hanno conosciuto e condiviso con lui sogni e frammenti di vita.  Scola racconta Fellini negli anni di Marc Aurelio, la celebre rivista satirica, che fu  anche teatro dell’incontro tra il regista riminese e il regista campano, che si trovavano nella redazione romana, con i loro bozzetti sottobraccio, insieme ad altri  grandi del nostro cinema  da Steno, a Maccari, a Marchesi,  a Vanzina , che  lì si incontravano  per scambiarsi  le loro idee e riflessioni.  Il lungometraggio è guidato dalla voce di un narratore (Vittorio Viviani), che ci racconta momenti dell’amicizia dei due registi. Nella prima parte del film immagini in bianco e nero con i giovani Federico ed Ettore, nella seconda parte i due registi entrati nella maturità e poi i provini di Alberto Sordi, Anna Magnani, Ugo Tognazzi e Vittorio Gasmann ,  i racconti del vagabondare  dei due amici di notte nelle strade e piazze di Roma amata da Federico come una madre e ancora  interviste,  incursioni a Cinecittà sui set dei film e spezzoni di film , fino  al suo funerale, l’ultimo saluto , con la gente di Roma, che per tre giorni passò a salutarlo nella camera ardente, a  un grande artista  a “ quel Grande Pinocchio” come ricorda Scola” che per fortuna non è mai diventato un bambino perbene”.  Che strano chiamarsi Federico è Un album di ricordi in un’atmosfera tra sogno e realtà, come tutti i ricordi qualcuno è offuscato e sbiadito andava ricostruito e arzigogolato e si sono occupate nella sceneggiatura Paola e Silvia Scola, che hanno fatto una ricostruzione  narrativa e documentale. Attori nel  film anche i cinque nipoti del regista Pietro, Marco , Tommaso che fa Fellini giovane Giacomo che fa me da giovane e Anita”.   A chi vedendo il film sono venuti gli occhi lucidi Scola dice”Federico era una persona molto allegra e molto autoironica, forse ognuno si commuove per se stesso, un film visto magari in occasioni tristi personali“ Bisogna piangere per chi non lascia traccia” prosegue Scola “ Federico certo non fa piangere ….” “ Infatti lui amava ricordare che la vita è come una festa e allora perché non va ricordata come tale guardando i suoi film” prosegue il regista”. “ Qualcuno l’aveva accusato di essere maschilista, ma lui amava la donna, la definiva”un pianeta sconosciuto” e mai nessuno ha guardato ad essa con tanta tenerezza, non escludendo certo le gambe”. Fellini infatti lo ricordiamo come una combinazione di passione e ragione, anima e corpo” . Ricordi ed emozioni alcuni reali e altri poi trasformati e ricreati  in un’atmosfera evanescente e onirica felliniana, che fanno evadere e fuggire dal “male di vivere” lo spettatore  e lo accolgono nella fantasia e nel sogno.. Il film sarà nelle sale dal 12 settembre.

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Per Aspera ad Astra

PER  ASPERA  AD  ASTRA Uomini di poca fede  deboli vi perdete  nel vostro cammino…  Niente è uguale  ogni paesaggio  ha la sua bellezza.  Mettete da parte la tristezza  la vita è fonte di gioia  per l’uomo stanco  tutte le fonti...

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

300x300haring.gif

Romanzi e racconti

"Note fuori margine". Secondo episodio: "Nina e Giulio"

"Note fuori margine". Secondo episodio: "Nina e Giulio"

Le scuole sono chiuse, ma le storie non hanno confini. Le storie viaggiano anche a distanza e a volte contagiano chi le ascolta con un’emozione, una riflessione, un insegnamento.

Francesco Pettinari - avatar Francesco Pettinari

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Speech Art

Quattro voci per una Biennale. Speciale Speech Art Venezia 2019

In occasione dell’ultimo week end di apertura della 58ma Esposizione Internazionale d’Arte – la Biennale di Venezia, ci poniamo alcune domande tentando una veloce analisi del progetto curatoriale di Ralph...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Festival di Cannes

Cannes 73. Per ora il festival è rimandato

Cannes 73. Per ora il festival è rimandato

L’organizzazione del  Festival di Cannes 2020 ha diffuso un comunicato per rendere noto che la rassegna cinematografica non si terrà nelle date previste 12-23 maggio. 

Redazione - avatar Redazione

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Covid-19. Il Coronavirus passerà all’orizzonte di una nuova consapevolezza

Covid-19. Il Coronavirus passerà all’orizzonte di una nuova consapevolezza

“Scusa la domanda principe della peste: dove te ne vai adesso?”Con questa domanda nel 1958 Mao Zedong concludeva una delle sue poesie, intitolata “Addio al dio della peste”.  Attraverso versi...

Carlotta Pompei - avatar Carlotta Pompei

Aiutiamo la ricerca italiana a sconfiggere il Coronavirus

Aiutiamo la ricerca italiana a sconfiggere il Coronavirus

Takis, azienda italiana di Castel Romano, è l'unica in Italia e la prima in Europa pronta a testare il suo vaccino Covid-19 su modelli  

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Sport

Calcio, chi può vincere la Champions League?

Calcio, chi può vincere la Champions League?

Primi verdetti in Champions League, ancora presto per capire chi arriverà fino in fondo, ma certamente si può cominciare a dare un giudizio parziale sulle principali candidare a salire sul...

Redazione - avatar Redazione

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]