Martedì, 01 Marzo 2011 23:22

Anna Calvi: a star is born

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA - E’ iniziato all’insegna delle donne il nuovo anno, grazie agli acclamati lavori di Joan as police woman e PJ Harvey, ma soprattutto all’esordio di uno dei nomi più chiacchierati di questo periodo, Anna Calvi.


Il nome non deve trarre in inganno: di padre italiano, ma londinese al 100%, viene notata da Brian Eno e da Nick Cave che la porta in tour con i suoi Grinderman lo scorso autunno. A fine anno esce il suo primo singolo “Jezabel”, cover di un brano degli anni cinquanta reso celebre dall’interpretazione di Edith Piaf, che la fa conoscere ad un pubblico più vasto e le vale l’interesse della stessa BBC che la indica come una degli artisti da tenere d’occhio nel 2011.
All’uscita del disco a febbraio grandi consensi ma anche qualcuno che inizia a storcere il naso: i troppi riferimenti neppure troppo velati presenti nelle canzoni potrebbero essere il sintomo della mancanza di un vero e proprio stile personale.
Pericolo scongiurato per chi scrive: dopo ripetuti ascolti l’emozione di trovarsi di fronte a uno degli esordi più folgoranti degli ultimi anni ancora non si placa e i dieci pezzi, tutti bellissimi, sono la testimonianza del talento di questa giovane cantautrice.


Una chitarra spettrale introduce “Rider to the sea”, unico brano strumentale, ipotetica colonna sonora per un film di Tarantino. Ma è con “No more words” che viene fuori il paragone più usato, quello con PJ Harvey: certo anche la produzione di Rob Ellis rinforza il concetto, ma il pezzo sembra veramente essere uscito da “Rid of me”, splendido album di quasi vent’anni fa della cantautrice del Dorset.
“Desire” ha lo stesso incedere di un brano di Patty Smith e introduce uno dei pezzi più belli del disco, quella “Suzanne and I” dal titolo di coheniana memoria, con l’apertura del ritornello memorabile, rock-ballad a tutti gli effetti.


I due brani successivi, “First we kiss” e “The devil” ci riportano direttamente alle atmosfere di “Grace”, mai dimenticato album di Jeff Buckley: intensa ballata soul la prima, con arrangiamento finale di archi; brano di una bellezza estrema il secondo, chitarra e voce che partono sommessamente per lasciare spazio ad un lamento e ad un “the devil will come” quasi sussurrato, con finale in crescendo in stile morriconiano.
“Blackout”, scelto come primo singolo, sembra alleggerire la tensione: il più orecchiabile del lotto ma non per questo banale, gli Arcade Fire che incontrano gli Interpol.
Splendido blues notturno è “I’ll be your man”, mentre in “Morning light” è  la presenza dell’harmonium ad impreziosire il tutto: chiude “Love won’t be leaving”, brano dall’atmosfera western, alternanza di vuoti e pieni, con la voce di Anna che si innalza verso un finale epico.
Sentiremo ancora parlare di Anna Calvi durante l’anno, e speriamo anche qui in Italia: soprattutto in vista del suo breve tour di aprile, con tappa anche a Roma al Circolo degli Artisti assolutamente da non perdere.

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Terra poesia dei sensi

Ogni angolo di terra è poesia per gli occhi.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

El Mimo

Mimo la protesta colorata di sogni di riscossa

Susi Ciolella - avatar Susi Ciolella

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Speech Art

Quattro voci per una Biennale. Speciale Speech Art Venezia 2019

In occasione dell’ultimo week end di apertura della 58ma Esposizione Internazionale d’Arte – la Biennale di Venezia, ci poniamo alcune domande tentando una veloce analisi del progetto curatoriale di Ralph...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Festival di Cannes

Arriva da Cannes Tesnota (Closeness) del pluripreamiato Kantemir Balagov

E’ oggi sugli schermi italiani il film che a Cannes ha rivelato a Kantemir Balagov, Tesnota (Closeness.) Con uno stile molto personale fatto di silenzi e primi piani, Balagov in...

Bruna Alasia - avatar Bruna Alasia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Musei, Minoranze e Alternative Experts. Le istituzioni museali possono oggi bene…

Durante un simposio tenuto in ottobre da ABC Citta’ a Milano, si è ragionato su come sradicare dai musei i vecchi stereotipi culturali e sfruttare tali istituzioni e il loro...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

"Più libri più liberi". I miei cinque giorni nella “Nuvola della spera…

ROMA - I numeri di "Più libri più liberi" – la Fiera Nazionale della Piccola e Media editoria, organizzata dall'Associazione Italiana Editori (AIE) e ospitata dal Roma convention center - La Nuvola...

Letizia Ghidini - avatar Letizia Ghidini

Sport

Il punto della situazione dopo le prime giornate per il campionato di serie A

Le prime giornate di campionato ci mostrano quali sono state le squadre che si sono comportate meglio, sia per qualità di gioco, sia per capacità di rimonta e di portare...

Redazione - avatar Redazione

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]