Mercoledì, 09 Marzo 2011 22:13

Phil Collins conferma l'addio alle scene

Scritto da
Rate this item
(1 Vote)

ROMA - Duecentocinquanta milioni di dischi venduti, sette Grammy Award e un Oscar per le musiche del film Disney "Tarzan".

Un biglietto da visita di tutto rispetto per un grande della musica rock: Phil Collins, batterista ed ex voce dei Genesis, ha confermato il suo addio al palcoscenico a distanza di un anno dall'uscita dell'ottavo album da solista, “Going Back”. Un ritiro che la rockstar aveva più volte annunciato, fin dal 2004, salvo poi calcare nuovamente il palcoscenico, tre anni dopo, con i Genesis. Un successo planetario per il tour di saluto dedicato ai fan della storica band. “Mi sono ritirato. Mi sono fermato, così potrò essere un padre a tempo pieno per i miei due figli”. Le sue parole lasciano poco spazio alla speranza di ritardare la parola “fine” su una delle carriere musicali più belle e avvincenti, immune da quell'aura maledetta che spesso accompagna il fascino perverso del rock.

 

Un'infezione a un orecchio ne ha compromesso in modo permanente l'udito, mentre i postumi di un'operazione al tendine della mano sinistra hanno lasciato più di qualche traccia. Ma in cima alla lista dei buoni propositi ci sono proprio i suoi due figli più piccoli, di 5 e 9 anni, avuti dalla terza moglie, da cui si è separato nel 2008. È per stare accanto a loro, per crescerli e portarli a scuola che il leone del rock, giunto alla soglia dei sessant'anni, ha deciso di dire stop alla carriera di musicista. Una rinuncia che, sottolinea lui stesso, non significa un addio alla musica: “Voglio continuare a far musica perché provo piacere nel farla: questo potrebbe essere il mio ultimo disco, certo potrei continuare a scrivere musica. Il problema è cosa farne dopo". Così definiva, un anno fa, il disco tributo al soul degli anni '60 e '70, “la musica che avrei sempre voluto suonare, anche nei Genesis", confessava. Si tratta, infatti, di una raccolta di cover Motown (la storica etichetta discografica specializzata in rhythm and blues e soul), con brani di Stevie Wonder, Martha & The Vandellas e Temptations e altri miti dell’epoca. Un anno dopo non c'è spazio per la malinconia, ma solo tanta voglia di coltivare ancora la passione per la musica, senza più sacrificare sull'altare del business gli impegni di un padre verso i figli.

 

E' questa la remora più grande che assume quasi la sfumatura del senso di colpa quando, parlando dei figli più grandi, ammette candidamente di essere stato per loro quasi uno sconosciuto. Le tournèe in giro per il mondo, la registrazione degli album, le interviste. Spettacolo e famiglia sono di solito agli antipodi e spesso il successo esige un prezzo molto più alto di quanto è disposto a pagare in termini di fama. E quella fama arriva presto per Phil Collins, attore mancato e musicista per passione, che ha saputo conquistare un posto di tutto rispetto nell'olimpo rock, costruendo sul talento una carriera ultra trentennale. È con l'abbandono di Peter Gabriel nel 1975, infatti, che i Genesis vedranno Phil Collins sperimentarsi, e riuscire, nel ruolo di cantante del complesso e batterista in studio. E il pubblico sempre apprezzare: il primo album con Collins voce solista raggiunge la Top 40 negli Stati Uniti e la terza posizione nel Regno Unito.

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Terra poesia dei sensi

Ogni angolo di terra è poesia per gli occhi.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

El Mimo

Mimo la protesta colorata di sogni di riscossa

Susi Ciolella - avatar Susi Ciolella

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Speech Art

Quattro voci per una Biennale. Speciale Speech Art Venezia 2019

In occasione dell’ultimo week end di apertura della 58ma Esposizione Internazionale d’Arte – la Biennale di Venezia, ci poniamo alcune domande tentando una veloce analisi del progetto curatoriale di Ralph...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Festival di Cannes

Arriva da Cannes Tesnota (Closeness) del pluripreamiato Kantemir Balagov

E’ oggi sugli schermi italiani il film che a Cannes ha rivelato a Kantemir Balagov, Tesnota (Closeness.) Con uno stile molto personale fatto di silenzi e primi piani, Balagov in...

Bruna Alasia - avatar Bruna Alasia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Feltrinelli.“Gli inganni di Pandora” di Eva Cantarella. Recensione

L’origine delle discriminazioni di genere nella Grecia antica.

Alessandra Rinaldi - avatar Alessandra Rinaldi

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

Sport

Il punto della situazione dopo le prime giornate per il campionato di serie A

Le prime giornate di campionato ci mostrano quali sono state le squadre che si sono comportate meglio, sia per qualità di gioco, sia per capacità di rimonta e di portare...

Redazione - avatar Redazione

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]