Sabato, 01 Febbraio 2014 10:41

Jim Morrison, l’utopia degli anni ‘60

Scritto da
Rate this item
(2 votes)

Il poeta e cantante dei Doors, figura irripetibile di un’epoca intramontabile

“Questa è la fine
magnifico amico

 
Questa è la fine
mio unico amico,

 la fine
dei nostri piani elaborati,

 la fine
di ogni cosa stabilita, 

la fine
né salvezza o sorpresa,

la fine
non guarderò nei tuoi occhi... mai più”

(Dal brano “The End” (1967)

Oggi sarebbe un signore di 70 anni, probabilmente non più una rock star, non più simbolo della trasgressione. Forse sarebbe un affermato poeta e scrittore. Stiamo parlando di Jim Morrison, figura centrale della scena musicale degli anni ’60, simbolo forse di troppe cose. Sicuramente ha incarnato insieme a Mick Jagger le speranze e la voglia di stupire il mondo di quel decennio tanto mitizzato: la generazione di Woodstock.

Con il rivoluzionario gruppo dei Doors, il giovane ribelle

si è ritagliato un posto di primo piano nel firmamento delle stelle bruciate troppo in fretta.

James Douglas Morrison nasce a Melbourne in Florida, l’8 dicembre del 1943. Il padre è un ammiraglio della marina militare Usa, la madre proviene da una famiglia di avvocati. A causa della professione del padre, la sua infanzia è caratterizzata da continui spostamenti che creano nel ragazzo un forte senso di instabilità. Inoltre il giovane Jim soffre molto la disciplina ferrea del padre.

Nonostante questi problemi il ragazzo si dimostra un brillante e istrionico studente. Predilige la letteratura, in particolare gli scrittori della beat generation. In questi anni risiedeva a San Francisco, città molto fertile per le nuove tendenze culturali. Il rapporto con il padre era sempre più conflittuale al punto che nel 1961 il 18enne Jim non si presentò alla cerimonia di consegna del diploma. Il padre andò su tutte le furie. Discontinuo fu il suo approccio con l’università. In pochi anni cambiò diversi college. Nel 1963 fu arrestato per ubriachezza a Tallahassee in Florida durante una partita di football.

L’anno seguente arriva la svolta: si iscrive all’Ucla, l’università del cinema di Los Angeles. Scopre di avere un profondo amore per il cinema. Durante i corsi di cinematografia il 21enne Jim conosce Ray Manzerek. Quest’ultimo dopo averlo sentito recitare le poesie di William Blake gli propone di formare un gruppo musicale. Il nome “The Doors”, Jim Morrison lo sceglie estrapolando la parola da una poesia di William Blake: “Se le porte della percezione fossero purificate, ogni cosa apparirebbe agli uomini che realmente è: infinita”.

Nel gruppo entrano il chitarrista Robby Krieger e il batterista John Desmore. Nel 1966 i Doors si esibivano regolarmente nei locali al Sunset Strip di Los Angeles.

Sin dai primi concerti il pubblico rimane colpito dalla presenza scenica del giovane cantante. Jim Morrison mette in mostra tutta la sua teatralità nel recitare personaggi diversi per ogni canzone. Il successo è imminente. Il 4 gennaio del 1967 è pubblicato il loro primo album, “The Doors”, che è un immediato grande successo discografico, arrivando al primo posto delle classifiche statunitensi.

Se per l’affermazione dei Doors tutto è sembrato molto facile e rapido per Jim Morrison il successo e la fama gli creano molti problemi. Innanzitutto lo smodato uso di alcool e droghe aggravarono soprattutto nei concerti i suoi comportamenti stravaganti. Morrison spesso provocava e incitava il pubblico con riferimenti sessuali a volte molto espliciti. Nel 1969 e nel 1970 durante gli show fu ripetutamente arrestato per atti osceni in luogo pubblico.

Il suo personaggio, così amato dal vastissimo pubblico che accorreva ai concerti, stava però creando problemi alla stabilità del gruppo. Jim Morrison non era quasi mai “lucido”. Negli studi di registrazione, spesso era un’impresa per il resto della band poter incidere insieme al cantante.

Jim si presentava in ritardo, completamente ubriaco e non era in grado di cantare correttamente. A volte invece, preso quasi da una “febbre ispirativa”, poteva partecipare alle registrazioni portando idee musicali e testi straordinari.

I dischi dei Doors erano sempre baciati da un enorme successo di vendite. L’equilibrio di Morrison era invece sempre più precario. Molti concerti furono sospesi per le sue pietose condizioni fisiche e mentali.

Nel 1970 diede alle stampe privatamente il poema “An American Prayer”, in una tiratura limitata di 500 copie, e pubblicò, presso l'editore newyorkese Simon e Schuster, due raccolte di poesie, “I Signori” e “Le creature nuove” accolte con entusiasmo da parte dei fan e con scetticismo dalla critica; registrò numerose poesie su nastro magnetico e continuò a riempire di versi centinaia di taccuini e foglietti volanti, poi riuniti nelle raccolte postume “Deserto” e “Notte Americana” (pubblicate in Italia col titolo di “Tempesta Elettrica”), da molti considerate l'apice della sua poetica. La sua vocazione letteraria trovò sfogo anche negli album della band, che venne influenzata in maniera determinante dai suoi componimenti, dalla sua oltraggiosa irruenza e dalle sue “visioni”.

Jim Morrison ebbe anche delle esperienze in ambito teatrale. Nel 1963 studiò drammaturgia e storia del teatro. Prese lezioni di recitazione e frequentò il Conradi Theater di Los Angeles. Nel 1964 ottenne il ruolo di Gus in “Calapranzi”, il thriller capolavoro di Harold Pinter. Si interessò al “teatro della crudeltà” di Antonin Artaud e al “Living theatre” di Julian Beck.

Nell’aprile del 1971 esce “L.A woman”, l’ultimo album dei Doors con Jim Morrison. Nel marzo dello stesso anno, Jim Morrison insieme alla sua compagna Pamela Courson, si trasferisce a Parigi. La sua intenzione è quella di scrivere poesie e smettere di bere. Le cose andarono diversamente.

Il 3 luglio del 1971 Jim Morrison muore in circostanze mai del tutto chiarite. Secondo la versione ufficiale il cantante viene trovato privo di vita nella vasca da bagno dalla sua compagna. I referti medici parlano di arresto cardiaco, ma non fu mai eseguita l’autopsia. Altre fonti parlano di una probabile overdose di eroina.

Il suo corpo riposa nel cimitero monumentale Père Lachaise di Parigi.

“Ora giunge la notte con le sue legioni purpuree/ Tornate alle vostre tende e ai vostri sogni/ Domani entreremo nella città della mia nascita/ Voglio essere pronto”

(Jim Morrison, 1971)

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Verso l'eternità

Prigionieri nei limiti del tempo  accettiamo la vita  con l’angoscia  che tutto è temporale  non eterno. 

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

300x300haring.gif

Romanzi e racconti

Note fuori margine. Decimo episodio: "Le piccole cose"

Note fuori margine. Decimo episodio: "Le piccole cose"

L'ultimo episodio di "Note fuori margine" affronta le "piccole cose" che fanno grande l'inclusione. L'inclusione, infatti, non è soltanto una bella parola, ma è un pensare e un agire quotidiano...

Francesco Pettinari - avatar Francesco Pettinari

LAB.jpg

ITC.jpg

unnamed.png

Speech Art

Quattro voci per una Biennale. Speciale Speech Art Venezia 2019

In occasione dell’ultimo week end di apertura della 58ma Esposizione Internazionale d’Arte – la Biennale di Venezia, ci poniamo alcune domande tentando una veloce analisi del progetto curatoriale di Ralph...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Festival di Cannes

Cannes 73. Dal 22 al 26 giugno il Mercato del film sarà virtuale

Cannes 73. Dal 22 al 26 giugno il Mercato del film sarà virtuale

Jérôme Paillard, direttore esecutivo del Marché du film di Cannes, lancia la prima iniziativa concreta della travagliata edizione del 2020 e chiarisce: ” Un sondaggio condotto la scorsa settimana con...

Bruna Alasia - avatar Bruna Alasia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Dalla Casa di Cura Giovanni XXIII Monastier di Treviso l’innovazione per contr…

Dalla Casa di Cura Giovanni XXIII Monastier di Treviso l’innovazione per contrastare il Covid-19

Nei laboratori arrivano nuovi strumenti per il controllo e il monitoraggio del Coronavirus 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

L’estinzione della specie (con un pizzico di ottimismo)

L’estinzione della specie (con un pizzico di ottimismo)

“Ma forse sono io che faccio parte di una razza, in estinzione.” (G. Gaber) 

Alessio Pracanica - avatar Alessio Pracanica

Sport

Calcio, chi può vincere la Champions League?

Calcio, chi può vincere la Champions League?

Primi verdetti in Champions League, ancora presto per capire chi arriverà fino in fondo, ma certamente si può cominciare a dare un giudizio parziale sulle principali candidare a salire sul...

Redazione - avatar Redazione

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]