Domenica, 16 Febbraio 2014 17:07

Musica. Intervista ad Alice Mondia: “Ogni cosa è un regalo”. Video

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMAAlice Mondia è una giovane cantante di origini svizzere. Ha esordito a 18 anni con "My way or no way" disco dai suoni pop interamente in inglese. Ha preso parte ai concerti di Gatto Panceri e della band Sonohra. E' al suo terzo disco e attualmente possiamo sentirla grazie al brano "Spigoli d'amore". Per il suo album "Plaster" ha collaborato con Matt Howe (tecnico del suono di Elton Johne  e Michael Jackson). E' madrina dell'inziativa La ciaspolada, gara podistica che si è svolta in Trentino il 5 Gennaio e giunta alla 41a edizione. L'ha intervista per Dazebaonews.it Valentina Marchetti

D. Quando hai capito che la musica era la tua strada? 

Fin da bambina mi muovevo sulle note della danza classica, ho cominciato prestissimo a 3 anni.  Man mano che crescevo la musica diventava sempre più importante, giorno per giorno, in ogni momento; in casa mia era una vera passione, si ascoltava e si suonava sempre. Poi ho cominciato a cantare, mi piaceva molto, mi faceva sentire parte di questa colonna sonora che accompagnava i miei giorni. A quasi 18 anni per caso vado a registrare un demo per me, per avere delle cover da ascoltare, e lì  sono stata notata ed è cominciato tutto.

D. Quali sono state le tue influenze musicali? 

Sono tantissime e sono cambiate anche negli anni. Ho cercato di arricchirmi ascoltando di tutto, i Beatles e i Deep Purple che ascoltava mio padre, Sade e Sting che ascoltava mia madre, la musica della mia generazione.. Le band e gli artisti contemporanei che amo di più sono, invece, i Linkin Park, Fall Out Boy, Emeli Sandé... grandi punti di riferimento sono state Anastacia e Whitney Houston. Sono così tante le mie influenze musicali che non saprei nemmeno descriverle tutte.

D. Mi racconti della tua esperienza ai Pinewood Studios di Londra? 

Ero già molto emozionata che Matt Howe avesse accettato di masterizzare Plaster, ma quando ci ha detto degli Studios non ho subito pensato a dove sarei andata a finire. Una volta arrivati in macchina varchiamo questo enorme cancello dove all’interno vi era come un vero e proprio paese. Capannoni immensi, e vicino allo studio fonico di Youki Yamamoto dove poi abbiamo lavorato, c’erano tutte le roulotte di attori che erano lì per la realizzazione di qualche film. Incredibile! Lavorare con Matt poi è stato interessantissimo, lui è una persona geniale e molto semplice, e per masterizzare i miei brani ha utilizzato un bancone analogico originariamente appartenuto ai Led Zeppelin.

D. Come nasce il tuo album, “Plaster” ?

È nato molto spontaneamente. Siamo tornati in studio e i brani sono nati quasi da un bisogno emotivo che avevo bisogno di trasformare  in musica. Infatti in qualche mese ci siamo trovati con il materiale per un nuovo EP, a nemmeno un anno da Scacco. Man mano che i brani nascevano avevo ben chiaro cosa volevo da questo album, la copertina, il progetto… ci tengo che tutto abbia un’unità stilistica, perché tutto ha un senso, dai brani, all’idea, all’immagine.

D. Come trovi il panorama musicle inglese, rispetto all’Italia e la Svizzera?

Forse è solo una mia idea, ma gli artisti inglesi, anche quelli conosciuti nei vari backstage, mi sembrano sempre molto rilassati, dei “turnisti” alla vecchia maniera, persone di gran semplicità che vivono la musica e la svolgono come un lavoro normale. In Italia, che invece ha anche il bellissimo pregio di essere la nazione invidiata da tutto il mondo per la moda e il design, anche gli artisti ci tengono a curare e osare nel look al fine da risaltare ancor più la propria personalità. Ma questa è solo un’opinione, in realtà i casi sono talmente diversi l’uno dall’altro che non si può generalizzare. Credo, comunque, che il livello di giovani che si avvicinano al mondo della musica è numeroso in tutte e tre le nazioni; purtroppo sulla differenza della discografia non ho molti elementi per esprimermi.

D. “Donne come me” è un brano che hai dedicato alla violenza sulle donne. Quando hai deciso di scriverla, c’è stato qualche caso che ti ha colpito? 

Prima di associare un testo al brano, la linea melodica era già di per sé intensa e colma di emozione, tanto da non lasciare indifferente nessun ascoltarore. Così, abbiamo pensato, che sarebbe stato bello dedicare questo brano a tutte quelle numerose donne che devono lottare ogni giorno in questo inferno. La musica ha la capacità di scuotere gli animi, sarebbe stato bello di nuovo sensibilizzare il pubblico su questo argomento, perché finché ci sarà anche una sola vittima vuol dire che non si è ancora fatto abbastanza. Ho avuto casi intorno a me, persone che conoscevo bene che mi hanno raccontato dopo anni degli episodi di violenza che mi hanno lasciata sbigottita, prima di tutto perché erano persone vicine e poi perché non me ne ero mai resa conto. Mi ha scosso. Non ho voluto scrivere di persona il testo, perché credo che non si possa raccontare un’esperienza del genere senza viverla sulla propria pelle; ma il bravissimo Martino Lo Cascio, che da anni scrive per me parte dei brani dei miei album,  ha studiato e letto moltissimo riuscendo a creare queste meravigliose parole che in qualche modo rappresentano con grande dignità queste grandi donne. Mi emoziona ancor di più pensare che è stata scritta da un uomo. Si vede quanto anche lui abbia aperto il cuore a quest’argomento.

D. Ci sono progetti cui vuoi dedicarti?

Sì, sembra quasi una grande sorpresa, ogni cosa che arriva la prendo come un regalo. Mi sento in eterna lotta per guadagnarmi un posto tra gli artisti “veri”. Il mio unico grande traguardo per ora rimane questo, far conoscere all’Italia la mia musica, e perché no, magari un giorno anche a tutta l’Europa. Sarebbe un sogno che diventa realtà. Progetti più recenti invece sono un tour, tante iniziative, e perché no, in futuro un quarto album.

D. Come inizia una tua giornata? 

Se non sono in viaggio, normalmente comincia con un po’ di sport, per rimanere allenati e per cominciare bene e piena di energia! Poi a seconda dell’agenda le giornate sono sempre molto diverse, ma sempre molto piene. Appena ho almeno un’ora la dedico a degli esercizi vocali che servono per rimanere ben allenati.

Alice Mondia – Spigoli d’amore - video

 

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

La fragile follia

In noi è la visione dell’essere la follia… Le fragili ragioni del cuore un mondo perduto in silenzi in lacrime nell’indifferenza.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Madre ti troverò

Sento la tua voce tra le foglie del melo son piene di sapore calore…racchiudono sospiri da tanto trattenuti.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Speech Art

La cultura dentro e fuori l’Accademia. Intervista a Julia Draganović

Abbiamo incontrato la neodirettrice di Villa Massimo, Accademia tedesca a Roma. Con lei abbiamo parlato di promozione culturale, del senso della Istituzione che guida e di come la cultura sia...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Festival di Cannes

Arriva da Cannes Tesnota (Closeness) del pluripreamiato Kantemir Balagov

E’ oggi sugli schermi italiani il film che a Cannes ha rivelato a Kantemir Balagov, Tesnota (Closeness.) Con uno stile molto personale fatto di silenzi e primi piani, Balagov in...

Bruna Alasia - avatar Bruna Alasia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Feltrinelli.“Gli inganni di Pandora” di Eva Cantarella. Recensione

L’origine delle discriminazioni di genere nella Grecia antica.

Alessandra Rinaldi - avatar Alessandra Rinaldi

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

Sport

Il punto della situazione dopo le prime giornate per il campionato di serie A

Le prime giornate di campionato ci mostrano quali sono state le squadre che si sono comportate meglio, sia per qualità di gioco, sia per capacità di rimonta e di portare...

Redazione - avatar Redazione

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]