Sabato, 22 Febbraio 2014 11:08

Di Giacomo, se ne va la voce del Banco Mutuo Soccorso

Scritto da
Rate this item
(3 votes)

Il celebre cantante è morto in un incidente stradale a Zagarolo

MILANO - Il mondo della musica italiana piange la morte di Francesco Di Giacomo, la voce solista del gruppo Banco del Mutuo Soccorso. La sua era una voce molto raffinata e colta, ricca di sfumature e con un’ampia estensione che si fondeva perfettamente nelle complesse armonie musicali della band romana.

L’incidente

L’artista è deceduto in seguito a un incidente stradale avvenuto a Zagarolo, in provincia di Roma, nel tardo pomeriggio di venerdì. L'auto guidata dallo stesso Di Giacomo ha invaso l'altra corsia e si è schiantata contro una Rover che proveniva in senso contrario. Alla guida dell'altra auto c'era un uomo che non ha riportato gravi ferite mentre per il cantante, trasportato d'urgenza all'ospedale di Palestrina, non c'è stato nulla da fare. Prontamente soccorso, Di Giacomo è morto durante il trasferimento al più vicino ospedale, quello di Palestrina. La notizia si è diffusa in serata anche all'Ariston, e confermata in diretta tv da Fabio Fazio. C'è stato un lungo applauso in platea e in galleria, con gli spettatori tutti in piedi a tributare il loro omaggio commosso a Di Giacomo. Anche in sala stampa l'applauso dei giornalisti.

Francesco Di Giacomo è stato la voce solista e l'autore del gruppo di “rock progressive” Banco del Mutuo Soccorso. Uomo schivo, ha sempre rifiutato il ruolo di divo. Inconfondibile voce tenorile, ha compiuto studi da autodidatta ed è l'autore di gran parte dei testi del Banco. Nel 1989 ha prodotto il disco da solista “Non mettere le dita nel naso”, in collaborazione con gli altri musicisti del gruppo. La sua grossa stazza e la barba nera ne facevano un personaggio molto cinematografico che colpì la fantasia di Federico Fellini che lo volle in tre suoi film: “Satyricon” (1969) in una breve sequenza dove, in un vicolo di Roma, accenna una melodia su uno strumento a corde; “Roma” (1972), nella parte di un compare del protagonista nella scena del bordello, e in “Amarcord” (1973) nella parte di un addetto alla sicurezza del califfo, in soggiorno al mitico Grand Hotel di Rimini. Di Giacomo viveva nella campagna romana ed era un grande esperto di cucina regionale, tanto da aver tenuto anche dei corsi.

La carriera

Ripercorriamo la lunga carriera di questo grande cantante e antidivo per eccellenza della musica italiana. Il suo nome è strettamente legato a quello del Banco del Mutuo Soccorso, uno straordinario gruppo che negli anni Settanta ha rappresentato il tentativo di fusione tra vari linguaggi musicali come la musica barocca, il rock ed alcuni elementi del jazz.

Francesco Di Giacomo nasce il 22 agosto del 1947 a Siniscola in provincia di Nuoro. Si avvicina presto alla musica e nel 1969 fonda il gruppo “Le Esperienze” con Renato D’Angelo e Marcello Todaro. Durante il Festival Pop di Caracalla del 1971, il cantante è avvicinato da Vittorio Nocenzi, leader del Banco del Mutuo Soccorso, un gruppo che aveva debuttato da pochi mesi e che stava cercando musicisti per migliorare il proprio organico. Di Giacomo, interessato al progetto musicale dei fratelli Nocenzi, entra nel gruppo insieme a Todaro e D’Angelo. La formazione del gruppo ora è al completo.

Nel 1972 esce il primo album del gruppo con la celebre copertina del salvadanaio. L’impatto musicale è incredibile, una vera novità nel panorama italiano anche se i concorrenti erano agguerriti come la Premiata Forneria Marconi, Le Orme, i Trip, i New Trolls e il Rovescio della Medaglia.

Erano gli anni del cosiddetto rock progressivo nato in Inghilterra grazie ai King Crimson, Yes, Genesis, Emerson, Lake and Palmer, Jethro Tull, Gentle Giant e Van Der Graaf Generator.

Le composizione del Banco sono molto estese, complesse, con improvvisi cambi di ritmo ed intrecci fra le tastiere dei fratelli Vittorio e Gianni Nocenzi, due giovani virtuosi e principali compositori del gruppo. La voce tenorile di Francesco Di Giacomo era protagonista, come fosse un ulteriore strumento a disposizione della band che era composta da sei elementi. Il primo disco è accolto molto bene dalla critica e dal pubblico e alla fine dello stesso anno il Banco pubblica “Darwin”, uno dei primi dischi concept della musica italiana. L’album ripercorre la storia delle teorie evoluzionistiche del celebre naturalista inglese. E’ il disco della maturità musicale e artistica e forse il vertice creativo del gruppo. Memorabile l’interpretazione di Francesco Di Giacomo nel brano “750mila anni fa…l’amore?”.

Nel 1973 con “Io sono nato libero”, entra il nuovo chitarrista e fiatista Rodolfo Maltese. Il golpe in Cile e la morte di Allende influenzano i testi di Francesco Di Giacomo nella lunga composizione “Canto nomade per un prigioniero politico”. Dal punto di vista musicale si percepisce un cambiamento con l’apporto di elementi psichedelici e di interventi prettamente jazzistici.

Nel disco è presente “Non mi rompete”, brano che sarà sempre proposto nei concerti del gruppo. La qualità della musica del Banco arriva anche Inghilterra. Nel 1974 Greg Lake, bassista e produttore di E, L & P, invita il gruppo nella propria casa discografia, la Manticore. Nel 1975 esce “Banco”, raccolta dei brani migliori dei primi due album cantati in inglese per il mercato internazionale.

Nel 1976 fu pubblicato “Come in un’ultima cena”, promosso con un tour europeo che vedeva il Banco suonare come supporter di un “gigante” del rock progressivo inglese, i Gentle Giant, di cui peraltro il gruppo romano costituiva una più che credibile versione “mediterranea” con la medesima tendenza, quanto meno nei primi anni di carriera, ad elaboratissimi e raffinati arrangiamenti e alla articolazione interna dei pezzi completamente slegata dal formato-canzone. Di questo album fu realizzata anche una versione in inglese (As in a Last Supper), con la traduzione di Angelo Branduardi

Nello stesso anno il gruppo incise anche “Garofano rosso”, colonna sonora del film omonimo (tratto da un romanzo di Elio Vittorini, con la regia di Luigi Faccini). Si tratta del primo album strumentale del Banco, che apriva una nuova epoca nell'evoluzione dello stile del gruppo. Ancora strumentale, e con sonorità ancora più complesse, fu il successivo in cui venivano esplorate soluzioni che sconfinavano dal rock al jazz e alla musica classica. Per questa complessa realizzazione, il Banco si avvalse del contributo dell'orchestra sinfonica  dell'Unione Musicisti di Roma diretta da Antonio Scarlato docente di composizione presso il  Conservatorio Santa Cecilia di Roma, oltre alla collaborazione del tastierista Alessandro Esseno.

Nel 1978 parteciparono, insieme a Branduardi e molti altri artisti, a una tournée chiamata “La Carovana del Mediterraneo” in cui tutti i partecipanti si alternavano sul palco. Branduardi, da quella serie di concerti, pubblicherà un cofanetto con 3 album chiamato “Concerto”. In molte canzoni gli strumentisti sono i componenti del Banco. A partire da “..di terra”, il nome Banco del Mutuo Soccorso venne formalmente sostituito con l'abbreviazione Banco.

Gli anni settanta del Banco si chiusero con “Canto di primavera”, caratterizzato da suggestioni etniche e atmosfere pastorali anche se è evidente un drastico cambiamento delle musiche: brani più corti, meno complessi. Le ambizioni compositive dei primi album sono sostituite da una voglia d’immediatezza e semplicità. In questo disco, Giovanni Colaiacomo dei “Kaleidon” subentra al basso, sostituendo D'Angelo.

Negli anni ’80 il Banco abbandona completamente suoni e composizioni “progressive” per cimentarsi e soprattutto adeguarsi ai nuovi gusti dei giovani. Il risultato sono “Urgentissimo” e “Buone notizie” che spiazzano totalmente i fan dei primi tempi. Gianni Nocenzi, non più in linea con la direzione musicale del fratello maggiore, lascia il gruppo per dedicarsi alla carriera solista.

Francesco Di Giacomo nel 1989 pubblica “Non mettere le dita nel naso”, il suo primo album solista, in cui suonano tutti i componenti del gruppo. Negli ultimi due decenni il gruppo ha un’intensa attività concertistica con un line up completamente rinnovata. Del nucleo storico rimangono solo Vittorio Nocenzi alle tastiere e Francesco Di Giacomo alla voce. Rodolfo Maltese deve ridurre la sua presenza per gravi motivi di salute. L’improvvisa morte di Francesco Di Giacomo è probabilmente “il taglio finale” di una storica band che ha saputo rinnovare in 45 anni di carriera la musica del nostro Paese.

Last modified on Sabato, 22 Febbraio 2014 12:44

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Dio è donna

Divinità era donna! Un tuffo nel mito della Grande Madre tra l’immaginario e il reale. L’universo femminile un viaggio alla scoperta dell’altra metà di Dio. C’è stato un mondo diverso dove si venerava la Dea. Ritroviamo la scintilla della divinità...

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Speech Art

Quattro voci per una Biennale. Speciale Speech Art Venezia 2019

In occasione dell’ultimo week end di apertura della 58ma Esposizione Internazionale d’Arte – la Biennale di Venezia, ci poniamo alcune domande tentando una veloce analisi del progetto curatoriale di Ralph...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Festival di Cannes

Arriva da Cannes Tesnota (Closeness) del pluripreamiato Kantemir Balagov

E’ oggi sugli schermi italiani il film che a Cannes ha rivelato a Kantemir Balagov, Tesnota (Closeness.) Con uno stile molto personale fatto di silenzi e primi piani, Balagov in...

Bruna Alasia - avatar Bruna Alasia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

L’artista dei musei

Enrico Meneghelli, The Picture Gallery in the Old Museum, 1879 (Museum of Fine Arts, Boston)  Nato nel 1853, italiano d’origine, Enrico Meneghelli emigrò negli Stati Uniti facendo di Boston e New...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Farmaceutica. La filosofia “Lean transformation” è realtà

ITC Farma investe 5 milioni per una produzione di qualità   L’azienda farmaceutica pontina, leader a livello nazionale nel contract manufacturing, ha deciso di investire nel corso del 2020, altri 5...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Sport

Il punto della situazione dopo le prime giornate per il campionato di serie A

Le prime giornate di campionato ci mostrano quali sono state le squadre che si sono comportate meglio, sia per qualità di gioco, sia per capacità di rimonta e di portare...

Redazione - avatar Redazione

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]