Mercoledì, 02 Aprile 2014 14:28

Libri. L’insurrezione di Trieste. Il romanzo di Leroy Jethro Gibbs

Scritto da

ROMA - Leroy Jethro Gibbs è un tipaccio. Da quando qualche anno fa ha smesso di fumare è peggiorato. Se si allontana più di 100 km dalla sua Trieste gli viene l’orticaria e il suo caratteraccio emerge esponenzialmente metro dopo metro.

Non parlo ovviamente di quel Gibbs della fortunata serie televisiva, ma dell’unico Leroy Jethro Gibbs che mi onoro di aver conosciuto di persona e che si è materializzato qualche anno fa – piccolo, feroce, tagliente – con una rubrica (Diario Operaio) sul settimanale Left/Avvenimenti all’epoca in cui ci lavoravo. Uno che la “penna” se l’è scoperta dentro, ma dell’arte di raccontare una buona storia ne ha sempre avuto consapevolezza. Conservo alcuni “diari operai” con cura – e sghignazzo – come quello in cui si raccontava di un certo Fausto che coltivava nell’orto fagiolini. All’epoca gli uomini di riferimento di Left/Avvenimenti (Fausto Bertinotti e lo psichiatra Massimo Fagioli) e quel pezzo mica era poi così facile da far passare, ma passò. Anzì, scivolò in pagina tranquillo tranquillo, come se nessuno dei vigili tutori dell’ortodossia si fosse preso la briga di leggere quelle 3.500 battute. Piccole soddisfazioni in un’epoca di autolesionismo cronico della sinistra permalosa italiota. Ci si accontentava d poco allora, ora forse ci accontenteremo perfino di meno.
Gibbs dice che sono il suo padre putativo (o puttaniere se gli gira bene). Forse non sa, dicendolo, che è uno dei più bei complimenti che abbia mai ricevuto perché per me una delle cose più belle del mestiere delle “scrivente” è quella di incontrare una buona penna e cercare di farla arrivare in pagina. Me lo ha ripetuto qualche giorno fa al telefono annunciandomi che aveva pubblicato un libro. Il libro è arrivato, e lo ammetto: per l’ennesima volta Leroy Jethro Gibbs è riuscito a stupirmi.
Scrivo queste righe davanti alla skyline e della raffineria di Milazzo. Scelta dovuta. Leroy mentre buttava giù l’intricatissima trama di “L’nsurrezione di Trieste” (edizioni Punto Rosso) è formalmente una spy story. Molto noir. Ma i piani narrativi sono innumerevoli e il ghigno è sempre in agguato. Incalzante, pagine acide come quelle di james Ellroy, meticolose nelle descrizioni, funamboliche nell’avanzare del racconto. Geniale (la trovata della bandiera rossa con l’alabarda bianca vale da sola l’acquisto del libro) lo si legge tutto di un fiato. Sorridendo, alla fine. Con una piega di amarezza.
C’è Trieste in queste pagine. Una Trieste che non vedi nella cartolina. Questa città sospesa anche giuridicamente in un anacronistico limbo dalla fine della Seconda Guerra Mondiale. E ci sono i triestini, quelli che non trovi a scivolare discreti per Piazza Unità d’Italia ma che trovi a mangiare panini e bere birra davanti a un chiosco vicino al porto, e la confusa massa di faccendieri e “vecchi arnesi” tutt’ora sopravvissuti alla Guerra Fredda .
Tutti possono scrivere un libro. Pochi possono scrivere un buon libro.
Da leggere.

Collana varia, pagg. 214, 15 euro.

Anche in e-book
ISBN: 88-8351-168-4
Formato: 21×15 cm
Pagine: 214
Prezzo: 15.00 €
Data pubblicazione: novembre 2013

PUOI ACQUISTARLO SUL SITO DELLA CASA EDITRICE

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Un mondo scomparso

Contadini un mondo scomparso. I “contadini che siamo stati.”

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Notte taciturna

Ricordo quella luna incantata e il dolce languore di una confidenza bisbigliata nel confessionale del cuore.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Speech Art

L’Arte può salvare una vita? L’attivismo animalista nella pratica di Tiziana Per…

Abbiamo incontrato Tiziana Pers in occasione della mostra Caput Capitis II a cura di Pietro Gaglianò presso la aA29 Project Room a Caserta.

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Festival di Cannes

Arriva da Cannes Tesnota (Closeness) del pluripreamiato Kantemir Balagov

E’ oggi sugli schermi italiani il film che a Cannes ha rivelato a Kantemir Balagov, Tesnota (Closeness.) Con uno stile molto personale fatto di silenzi e primi piani, Balagov in...

Bruna Alasia - avatar Bruna Alasia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Arte. Il “Cencio” di Milo Manara e la Madre di Dio sotto il cielo di Siena

SIENA - Il grande filosofo Friedrich Nietzsche sosteneva che ogni verità è curva e Milo Manara l'artista che ha dipinto il Palio dedicato alla Madonna Assunta in cielo del 16...

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Sport

Serie A: il punto della situazione sul campionato 2018-2019

Facciamo una piccola considerazione sul campionato di serie A 2018-2019. All’inizio della stagione le famose griglie di partenza avevano molto fatto discutere, specialmente per via del fatto che il Napoli...

Redazione - avatar Redazione

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]