Lunedì, 12 Maggio 2014 09:43

Renato Pasmanik. A Venezia un reportage fotografico sulla regione di Jalapão in Brasile

Scritto da
Renato Pasmanik, Jalapão, 2014 stampa digitale a colori su carta Hahnemühle dimensioni: cm 32x20, tiratura: 1/3 Courtesy: Galleria Jef, Parigi Renato Pasmanik, Jalapão, 2014 stampa digitale a colori su carta Hahnemühle dimensioni: cm 32x20, tiratura: 1/3 Courtesy: Galleria Jef, Parigi

 

VENEZIA - Viaggiatore e fotoreporter instancancabile, Renato Pasmanik inaugurerà giovedì 15 maggio alle ore 18.00, in collaborazione con la Galleria Jef di Parigi, una nuova personale presso l'Officina delle Zattere di Venezia.

Il fotografo brasiliano presenta al pubblico un gruppo di nuove fotografie a colori (stampe digitali su carta Hahnemühle, edizione 1/3) realizzate durante uno dei suoi ultimi viaggi ai confini della civiltà. Questa volta si tratta di un reportage su Jalapão, una meravigliosa e selvaggia riserva naturale situata nell'entroterra del Brasile. Un nuovo, ulteriore "tassello" esplorativo che va ad aggiungersi al grande ciclo Un Regard Silencieux, al quale  Pasmanik si sta dedicando ormai da diversi anni.

Jalapão è una microregione dello stato del Tocantins, appartenente alla mesoregione Oriental do Tocantins. Questo luogo speciale è considerato una delle maggiori attrazioni del "cerrado", una savana tropicale ed ecologica del Brasile, di recente diventata meta di grande interesse anche per gli amanti del turismo d'avventura. Le foto che Pasmanik ha realizzato su Jalapão mostrano chiramante le forme espressive di questo angolo incontaminato della terra, una natura intimamente vicina all'uomo senza esserne sfruttata, capace di ispirare una silenziosa contemplazione.

Personaggio schivo e riservato, Renato Pasmanik non si concede volentieri, non racconta con facilità le proprie emozioni, sembra essere totalmente immerso nel suo lavoro, senza nulla offrire alla nostra curiosità. Fin da bambino affascinato dalla fotografia e da ciò che rivela (o può rivelare) di noi stessi, ha svolto il suo primo importante lavoro nel 1998, realizzando un portfolio di ritratti dei più celebri direttori di ristoranti in Brasile. Un'indagine fotografica squisitamente psicologica sugli uomini e sul ruolo che investono nel mondo del lavoro.

Successivamante attratto dalla natura e dalle infinite possibilità che l'indagine del reale può ancora offrire allo sguardo dell'uomo, ha rivolto la sua attenzione al paesaggio, scegliendo di ritrarre alcuni dei luoghi più nascosti del pianeta. Ama la fotografia aerea, e questo ciclo, come molti dei precedenti ne è una nuova conferma.

Pasmanik prende posto su dei piccoli aeromotori da turismo, che in volo gli permettono di ritrarre la terra dal punto di vista del cielo, potendo così scoprirne in un modo insolito la bellezza e la vastità. "Quando inizio a riprendere e a fotograre dall'aereo" racconta il fotografo, "non so ancora bene e precisamente quale piano privilegiare, ma lascio semplicemente che il paesaggio si impossessi del mio obbiettivo, che la mia fotografia si sposi con le forme terrestri, che la mia sensibilità di fotografo le traduca e le restituisca" .

Per Pasmanik "Un Regard Silencieux" è mostrare che la terra abbonda e pullula di vita, che l'acqua, la fauna, la flora sono forme bellissime e appaganti, che riflettono totalmente le nostre emozioni. L'autore preferisce ritrarre luoghi avulsi dalla presenza umana, dove il sentimento di intimo raccogliemento assume così maggiore grandezza e maestosità. Sembra essere alla ricerca di emozioni forti, quasi primordiali, ispirate dalla bellezza di ciò che ci circonda, senza mediazioni: "assaggiare l'immensità con l'obbiettivo per me è estremamente appagante", dice Pasmanik, "ho così la sensazione di possedere il mondo".

La mostra si potrà visitare fino al 25 maggio 2014.

Unitamente alle nuove realizzazioni si potranno ammirare anche alcune fotografie realizzate  dall'autore nel 2012, in parte presentate anche alla mostra alla Galleria Gomiero di Milano del novembre scorso.

Disponibile anche un grande libro in cui è pubblicata la totalità della produzione di Pasmanik, in vendita in mostra ad un prezzo speciale di 50 euro.


www.officinadellezattere.it

Scheda tecnica della mostra:

Renato Pasmanik
Nuove fotografie
Reportage sulla regione di Jalapao, Brasile

Vernissage:
15 maggio 2014, ore 18.00

Durata della mostra:
16.05 / 25.05.2014
entrata libera

Orari:
da lunedì a domenica: 11.00-19.00

Sede espositiva:
Officina delle Zattere
Fondamenta Nani
Dorsoduro 947
30123 Venezia

 

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Non è semplice farsi amare

Mi perdo in questo parlare di voci insolenti di me che sono il loro ultimo pensiero.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Un mondo scomparso

Contadini un mondo scomparso. I “contadini che siamo stati.”

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Speech Art

L’Arte può salvare una vita? L’attivismo animalista nella pratica di Tiziana Per…

Abbiamo incontrato Tiziana Pers in occasione della mostra Caput Capitis II a cura di Pietro Gaglianò presso la aA29 Project Room a Caserta.

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Festival di Cannes

Arriva da Cannes Tesnota (Closeness) del pluripreamiato Kantemir Balagov

E’ oggi sugli schermi italiani il film che a Cannes ha rivelato a Kantemir Balagov, Tesnota (Closeness.) Con uno stile molto personale fatto di silenzi e primi piani, Balagov in...

Bruna Alasia - avatar Bruna Alasia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Venezia 2019. Un libro su “I Cannibali”, un premio e un buon bicchiere di vino

Le donne del vino, UNIROMA3 e il Centro Studi di Psicologia dell'Arte e Psicoterapie Espressive per il Premio Gregorio Napoli 

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Sport

Serie A: il punto della situazione sul campionato 2018-2019

Facciamo una piccola considerazione sul campionato di serie A 2018-2019. All’inizio della stagione le famose griglie di partenza avevano molto fatto discutere, specialmente per via del fatto che il Napoli...

Redazione - avatar Redazione

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]