Sabato, 31 Maggio 2014 11:52

The Wall, genesi di un capolavoro

Scritto da
Rate this item
(2 votes)

Storia del ‘concept album’ scritto da Roger Waters per esorcizzare le sue angosce personali

“Il rock and roll sta diventando avidità nascosta sotto forma di intrattenimento, proprio esattamente come la guerra è diventata avidità nascosta sotto forma di politica”

(Roger Waters)

MILANO - “The Wall” dei Pink Floyd oltre ad essere uno degli album doppi più venduti di tutti i tempi (circa 33 milioni di copie) è uno dei lavori più ambiziosi e sofferti della musica rock. Si può affermare che sia in realtà il primo disco solista di Roger Waters, in quanto totale autore dei testi e titolare del 90 per cento delle musiche scritte. E’ anche il disco che segnò l’inizio della profonda crisi interiore del bassista e della rottura con gli altri tre membri della celebre band britannica.

Waters concepì “The Wall” come una sorta di terapia per cercare di risolvere i suoi problemi che avevano origine dall’infanzia. Il musicista non aveva mai superato il trauma di essere cresciuto senza il padre. Eric Fletcher Waters, morì infatti durante le drammatiche fasi dello sbarco alleato ad Anzio nel gennaio del 1944. Il piccolo Roger aveva appena quattro mesi. Nel disco il compositore racconta i suoi traumi durante l’infanzia; il conflittuale rapporto con la madre, i problemi durante il periodo scolastico, le difficoltà nella vita sentimentale con due matrimoni falliti. Quando Roger Waters raggiunge il successo internazionale con i Pink Floyd, cercò sempre di nascondere le sue debolezze e le sue paure dietro un apparente atteggiamento sprezzante e autoritario. I suoi testi erano pervasi da un cupo pessimismo e della paura per il successo (“The Dark side of the moon”); dal timore della follia e dell’assenza (“Wish you were here”) e dalla feroce critica nei confronti del conformismo della società inglese (“Animals”).

L’idea di “The Wall” nacque in Waters da uno spiacevole episodio accaduto durante un concerto alla fine della lunga tournèe dell’album “Animals”. In quel concerto del luglio del 1977, Waters perse la testa e sputò in faccia ad un giovane fans in prima fila che urlava come un folle.

Il gesto fece sprofondare il musicista in una profonda crisi personale. Anche durante le tese registrazioni di “Animals” i rapporti tra Waters e il tastierista Richard Wright, si deteriorarono profondamente. Il bassista non apprezzava più il modo di suonare del pianista arrivando alla clamorosa decisione di eliminare dall’album tutti gli spunti compositivi del compagno.

Finiti i concerti per “Animals” i componenti dei Pink Floyd non si frequentarono per diversi mesi.  David Gilmour e Richard Wright registrarono i loro primi lavori solisti, mentre Roger Waters iniziò a scrivere di getto la storia di “Pink”, che sarebbe poi divenuto il monumentale concept album “The Wall”.

Le registrazioni furono lunghe, complesse e molto costose.

I rapporti tra Waters e Wright arrivano al punto più basso: il bassista licenziò il tastierista che nel disco appare come sessionman. Anche con David Gilmour le cose non andarono bene. Il ruolo chitarrista, da sempre elemento importante nelle composizioni e nel sound della band, fu molto circoscritto. Gilmour partecipò alla scrittura di soli tre brani. Ormai Waters, come un vero e proprio dittattore, aveva il totale controllo dei Pink Floyd.

Il bassista, per la complessità delle musiche e per la presenza di un’orchestra sinfonica, chiamò due prestigiosi direttori musicali come Michael Kamen e Bob Ezrin per curare gli arrangiamenti. Durante le registrazioni fuono impiegati eccellenti musicisti come Lee Ritenour, Jeff Porcare, Fred Mandel e Jon DiBlasi.

Il disco, costato oltre un milioni e mezzo di dollari, fu pubblicato nel novembre nel 1979 in Europa e in dicembre negli Stati Uniti. Il successo fu immediato in tutto il mondo. Raggiunse il primo posto negli Usa, Italia, Norvegia, Svezia, Germania, Nuova Zelanda, Austria, Francia e Argentina. Dopo una serie di straordinari concerti in Europa e negli Stati uniti tra il gennaio e il febbraio del 1980, Roger Waters decise di fare dell’album anche un film. Nel 1982 uscì nelle sale per la regia di Alan Parker. Due anni dopo, nel 1984, il bassista lasciò definitivamente i Pink Floyd trascinando in tribunale gli altre componenti della band che invece volevano continuare usando il nome Pink Floyd. La causa durò un anno e nel 1985 il Tribunale di Londra diede ragione a Gilmour, Mason e Wright. I tre membri del gruppo pubblicarono due anni dopo il primo disco dei Pink Floyd senza Roger Waters. Ma questa è un’altra storia.

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Per Aspera ad Astra

PER  ASPERA  AD  ASTRA Uomini di poca fede  deboli vi perdete  nel vostro cammino…  Niente è uguale  ogni paesaggio  ha la sua bellezza.  Mettete da parte la tristezza  la vita è fonte di gioia  per l’uomo stanco  tutte le fonti...

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

300x300haring.gif

Romanzi e racconti

Note fuori margini. Quinto episodio: "Grattacieli"

Note fuori margini. Quinto episodio: "Grattacieli"

Esami di Stato sì, esami di Stato no? In modalità virtuale o in presenza? È  questa una delle domande più urgenti che i docenti, i ragazzi e le famiglie si...

Francesco Pettinari - avatar Francesco Pettinari

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Speech Art

Quattro voci per una Biennale. Speciale Speech Art Venezia 2019

In occasione dell’ultimo week end di apertura della 58ma Esposizione Internazionale d’Arte – la Biennale di Venezia, ci poniamo alcune domande tentando una veloce analisi del progetto curatoriale di Ralph...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Festival di Cannes

Cannes 73. Per ora il festival è rimandato

Cannes 73. Per ora il festival è rimandato

L’organizzazione del  Festival di Cannes 2020 ha diffuso un comunicato per rendere noto che la rassegna cinematografica non si terrà nelle date previste 12-23 maggio. 

Redazione - avatar Redazione

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

L’amore ai tempi del coronavirus

L’amore ai tempi del coronavirus

L’epidemia fa bene all’amore o no? Non ci sono statistiche in materia, né esperti che ne parlino in tv, ma la domanda è legittima. E la risposta  più ovvia è:...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

La pandemia crea meta-arte

La pandemia crea meta-arte

L’ 8 settembre 1981, una tra le voci più singolari dell’arte italiana contemporanea, Mari Lai (1919-2013) realizzò, per il Comune di Ulassai, un monumento ai caduti.  In realtà, l’artista decise...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Sport

Calcio, chi può vincere la Champions League?

Calcio, chi può vincere la Champions League?

Primi verdetti in Champions League, ancora presto per capire chi arriverà fino in fondo, ma certamente si può cominciare a dare un giudizio parziale sulle principali candidare a salire sul...

Redazione - avatar Redazione

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]