Giovedì, 10 Luglio 2014 11:04

“Lucio Dalla”, il trionfo del piccolo grande uomo

Scritto da
Rate this item
(1 Vote)

Pubblicato nel 1979 è l’album della definitiva maturità artistica del musicista bolognese

“La vita è una goccia che scava la pietra del viso”  (Lucio Dalla)

MILANO - Quando fu pubblicato il 33 giri “Lucio Dalla”, nel 1979, il musicista e compositore aveva alle spalle sette album, decine di singoli, tra cui “4/3/1943” del ’71, fu un vero e proprio trionfo di pubblico e di critica. Finalmente, dopo tanti anni, l’autore bolognese fu riconosciuto come uno dei più importanti e creativi musicisti italiani, alla stregua dei più famosi e celebrati De Andrè, Battisti, De Gregori, Venditti e Baglioni.

Il grande successo del disco che porta semplicemente il suo nome è il frutto di un lungo lavoro creativo, strumentale e produttivo. Dalla veniva dall’ottimo “Come è profondo il mare” (1977), il primo in cui firma anche i testi delle canzoni, dopo la frattura con il paroliere Roversi.

Per il nuovo album, conferma i due produttori Cremonini e Colombini, mentre per la band fa alcuni cambiamenti. Arriva il talentuoso chitarrista Ricky Portera, Ron alla chitarra acustica più la partecipazione di Francesco De Gregori nella canzone “Cosa sarà”. Il risultato è probabilmente il vertice artistico di Lucio Dalla. In questo album sono concentrati quasi i classici della sua carriera: dalla commovente “Anna e Marco”, alla straordinaria e riflessiva “L’anno che verrà”, al realismo descrittivo di “Milano”, ai brani di sicuro effetto come “Stella di mare” e “Cosa sarà”.

“L’anno che verrà” spicca per lo straordinario testo che è un ritratto impietoso, ironico e molto profondo della società italiana degli anni di piombo. Lasciando spazio a una qualche speranza, umana più che politica, in chiusura emerge la possibilità dell'individuo di prepararsi per fronteggiare un nuovo anno quando quello che verrà sarà trascorso (l'anno che sta arrivando fra un anno passerà, io mi sto preparando, è questa la novità); una sorta di metafora della vita, in virtù della quale, rispetto a una società impaurita, immobile e, aldilà delle prospettive agognate, sempre uguale a se stessa, l'uomo può mettersi in gioco per trasformare nel suo piccolo la vita medesima attraverso l'amore, tema complesso e dalle mille sfaccettature, ricorrente in Dalla e qua rintracciabile nel desiderio di riconciliarsi con un amico lontano, identificabile con il prossimo, con ognuno dei destinatari del brano, degli ascoltatori. L'anno che verrà sbeffeggia le false credenze, le inverosimili promesse e i vecchi luoghi comuni mascherati da novità (sarà tre volte Natale e festa tutto il giorno, ci sarà da mangiare e luce tutto l'anno), se la prende con i bigottismi e le pochezze della società (c'è chi ha messo dei sacchi di sabbia vicino alla finestra) e con chi non vuole mai comprendere o cerca di sopraffare gli altri, pretendendo di agire senza mai ascoltare (anche i muti potranno parlare, mentre i sordi già lo fanno). In un'Italia appunto impaurita e chiusa, Dalla sembra uno dei pochi pronto ad aprirsi e lancia il suo messaggio di speranza e comprensione. Appunto questa è la novità.

Quando uscì fu un successo incredibile, sarà il disco più venduto del 1979, con oltre un milione e mezzo di copie solo nel mercato italiano. E’ sicuramente uno dei migliori album italiani di sempre, scritto da un personaggio assolutamente originale del panorama artistico del nostro Paese che ci ha prematuramente lasciato il 1° marzo di due anni fa.

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Voglia di tenerezza

Ormai notte l’oscurità riempiva la casa come un liquido denso.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Speech Art

Quattro voci per una Biennale. Speciale Speech Art Venezia 2019

In occasione dell’ultimo week end di apertura della 58ma Esposizione Internazionale d’Arte – la Biennale di Venezia, ci poniamo alcune domande tentando una veloce analisi del progetto curatoriale di Ralph...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Festival di Cannes

Cannes 73. Spike Lee Presidente della Giuria

Il settantatreesimo Festival di Cannes si svolgerà dal 12 al 23 maggio 2020, il regista americano Spike Lee sarà Presidente della giuria. 

Redazione - avatar Redazione

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Intervista a Pier Francesco Geraci: Ratemeup il tool per valutare (bene) il tuo …

Come valutare se la vostra azienda sta sfruttando al massimo il potenziale del digital marketing? A rispondere è Pier Francesco Geraci, CEO di Traction, società leader nel performance marketing che lancia...

Giuseppe Giulio - avatar Giuseppe Giulio

Università Sapienza. Nasce Techne e la gestione diventa ISO 9001

Il Dipartimento di Chimica e Tecnologia del Farmaco, l’espressione di una eccellenza tra ricerca e didattica dal respiro internazionale 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Sport

Il punto della situazione dopo le prime giornate per il campionato di serie A

Le prime giornate di campionato ci mostrano quali sono state le squadre che si sono comportate meglio, sia per qualità di gioco, sia per capacità di rimonta e di portare...

Redazione - avatar Redazione

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]