Sabato, 12 Luglio 2014 08:50

Roberto Malini premiato con Menzione al Premio Lorenzo Montano 2014

Scritto da Steed Gamero

MILANO -  Roberto Malini, poeta e scrittore, è stato premiato con Menzione alla ventottesima edizione del Premio di poesia e prosa Lorenzo Montano 2014, nella sezione "Prosa inedita". Il racconto che ha ottenuto il premio si intitola "Come si diventa poeti?" ed è nato grazie alla risposta dell'autore a una giovane aspirante poetessa, che qualche tempo fa gli pose la domanda che è divenuta poi il titolo della breve prosa.

 La giuria del Premio Lorenzo Montano è composta da Giorgio Bonacini, Laura Caccia, Davide Campi, Mara Cini, Flavio Ermini, Marco Furia, Rosa Pierno, Ranieri Teti. Istituito a Verona nel 1986, il Premio Lorenzo Montano è uno dei premi letterari italiani di maggior prestigio. Ideato e promosso dalla rivista letteraria Anterem, ha visto succedersi in qualità di giurati alcuni dei principali critici e letterati italiani. Nel comitato d'onore della prima edizione erano presenti Claudio Magris, Edoardo Sanguineti e Andrea Zanzotto. Il premio è patrocinato dalla Regione Veneto, degli Assessorati alla Cultura della Provincia, del Comune e della Circoscrizione Centro storico di Verona, dalla Biblioteca Civica di Verona. Nel 2003 dal Premio è nata anche la Biennale Anterem di Poesia. Roberto Malini è autore di oltre trenta libri di poesia, prosa, saggistica e letteratura per ragazzi. Ha ottenuto riconoscimenti nazionali e internazionali per la poesia, la prosa, la sceneggiatura, il cinema e i diritti umani. Qui di seguito, il racconto premiato nella sezione "Prosa inedita".

Come si diventa poeti?

Sara, studentessa al liceo classico, mi ha inviato alcune poesie e mi ha chiesto se, a mio avviso, ha talento e come si diventa poeti. La giovane ha un linguaggio fresco, un buon senso del ritmo, la giusta sensibilità per scegliere le parole e unirle in un verso, in una strofa, in una lirica. Le ho risposto che madre natura le ha fatto dono dei semi e di un pezzetto di terra fertile, sulle rive del fiume della poesia. Le ho scritto che per essere così giovane, ha lavorato bene e qualche germoglio comincia a intravvedersi nel giardino del suo futuro. Però l'ho anche avvertita (lo faccio sempre, con i giovani poeti) che la poesia è una strada lunga, piena di ostacoli e curve insidiose, difficile. Si percorre il pezzo iniziale con l'entusiasmo di chi si innamora per la prima volta. Ma questa è passione, non è ancora poesia. Si ammirano i fiori degli altri giardini e si scelgono poeti affini, colpiti dalla profondità delle loro anime, dalla bellezza del loro canto. Li si cerca, li si imita, si ascolta la stessa musa. Si scrivono poesie con il cuore gonfio di emozioni e gli occhi pieni di lacrime. Ma questa è scuola, non è ancora poesia. Si chiude una parte di sé nel tempio della devozione, si impara a lavorare con la "lima", si comincia a distinguere le luci incontaminate dei diamanti dai bagliori comuni del quarzo, del vetro. Ma questo è lavoro, non è ancora poesia. Si è stanchi. Si rinuncia. Ci si sente lontani dalla fonte del bello e del buono. Si esce dalla strada, ci si perde nel bosco delle parole, si affondano i piedi nel fango o nel pietrisco della vita. Si prega. Si urla. Si sente il canto diventare un lamento e poi uscire da sé, percorrere mille volte il giro del mondo, fino a trasformarsi in una raffica di vento tagliente che ci sferza il viso, ci getta a terra, ci fa a brandelli l'anima. Poveri, abbandonati, soli, derisi, emarginati come mentecatti, con le mani vuote e i piedi feriti per il tanto camminare, si alza per un attimo lo sguardo da terra e ci si accorge di essere ancora sul bordo della lunga strada. Però non ci sono più sassi, non ci sono più buche. Ed ecco, in fondo, la Città dei Poeti, con le sue guglie d'oro! Allora si sente rinascere nel proprio animo il canto e questa, Sara, è finalmente Poesia!

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

La riscossa dell'avvenire

Alle donne Che sono le fondamenta della società

Susi Ciolella - avatar Susi Ciolella

Rosa del deserto

Il muezzin cantilenando va le sue preghiere.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Speech Art

Quando l’intimità si fa politica attraverso la pittura. Intervista a Romina Bass…

Parlare di donne e politica in tempi di ritorno femminista significa addentrarsi in un periglioso terreno, col rischio che tutto venga fagocitato da nuovi slogan e propaganda di movimento.

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Festival di Cannes

Cannes 72. “Dolore e gloria”, incantevole Almodovar sulla caducità umana

CANNES – “Dolore e gloria” di Pedro Almodovar, in concorso al 72mo festival di Cannes, racconta di Salvador Mallo, regista in crisi creativa, provato da malesseri fisici  e non più giovane...

Bruna Alasia - avatar Bruna Alasia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Cannes Classic 72. Moulin rouge, Toulouse Lautrec secondo John Huston

CANNES - E’ un film del 1953, da non confondere con l’omonimo girato nel 2001 dall’australiano  Baz Luhrmann.  E’ la vita di Toulouse-Lautrec, il pittore francese che una caduta da...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Greta Thunberg, non è impossibile coniugare economia ed ecologia

Greta Thunberg, qualità personali a parte, è l’esempio massimo della coscientizzazione che può sviluppare una buona istruzione, tale da renderla anche capace di comunicare un suo disagio che, non a...

Fabio Massimo Tombolini - avatar Fabio Massimo Tombolini

Sport

Serie A: il punto della situazione sul campionato 2018-2019

Facciamo una piccola considerazione sul campionato di serie A 2018-2019. All’inizio della stagione le famose griglie di partenza avevano molto fatto discutere, specialmente per via del fatto che il Napoli...

Redazione - avatar Redazione

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]aonews.it